AEG N.I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AEG N.I
AEG N.I 1918 (as airliner).jpg
Descrizione
Tipobombardiere notturno
aereo di linea
Equipaggio2
CostruttoreGermania AEG
Data entrata in servizioottobre 1917
Utilizzatore principaleGermania Luftstreitkräfte
Esemplari37
Sviluppato dalAEG C.IV.N
Dimensioni e pesi
Apertura alare15,24 m (sup)
Superficie alare41,38
Propulsione
Motoreun Benz Bz.III
Potenza150 PS (112 kW)
Prestazioni
Velocità max143 km/h
Velocità di salitaa 1 000 m in 10 min
a 2 000 m in 23 min
a 3 000 m in 50 min

i dati sono estratti da Rare Birds, Over the Front, Volume 23[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'AEG N.I fu un bombardiere notturno leggero biplano sviluppato dall'azienda tedesco imperiale Allgemeine Elektrizitäts-Gesellschaft (AEG) negli anni dieci del XX secolo.

Derivato dal precedente AEG C.IV.N, venne principalmente impiegato dalla Luftstreitkräfte, la componente aerea del Deutsches Heer (l'esercito imperiale tedesco), fino al termine della Prima guerra mondiale e, dopo il termine del conflitto, come aereo da trasporto passeggeri.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania

Civili[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grosz, Peter M. AEG N.I (C.IVn) Rare Birds, Over the Front, Volume 23, Issue 4, pag 362.
  2. ^ (EN) Rob Mulder, Deutsche Luft-Reederei Gesellschaft mit beschränkter Haftung - DLR (1917-1923) (PDF), in European Airlines, http://www.europeanairlines.no/. URL consultato il 15 luglio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Entwicklung der Flugzeuge 1914–18, München, 1959, ISBN non esistente.
  • (EN) Peter M. Grosz, AEG N.I (C.IVn) Rare Birds, Over the Front, Volume 23, Issue 4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]