A.C.A.B.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Acab (disambigua).
Scritta murale ACAB comparsa nel quartiere Barriera di Milano a Torino

A.C.A.B. è l'acronimo di All cops are bastards (lett. "tutti i poliziotti sono bastardi").

In alcuni casi viene scritto 1312, si tratta della stessa parola rappresentata utilizzando il numero delle lettere nell’alfabeto (1 = A, 3 = C, 1 = A, 2 = B).[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anarchico con banner ACAB

L'espressione si è diffusa nel Regno Unito negli anni settanta, mentre l'intero testo esisteva nel parlato dagli anni venti, anche nella forma "All coppers are bastards"[2]. L'acronimo è divenuto di uso popolare negli anni settanta, quando ha dato il titolo a un brano del gruppo britannico The 4-Skins, composto da skinhead che si erano conosciuti nell'ambiente delle tifoserie calcistiche[2] sebbene il concetto fu usato con altre parole ed in un altro contesto nel 1968 dai Rolling Stones in Sympathy for the Devil:

«Just as every cop is a criminal, and all the sinners saints, As head is tail, just call me Lucifer, 'cause I'm in need of some restraint»

(Così come ogni poliziotto è un criminale ed ogni peccatore un Santo, come la testa è la coda, tu chiamami pure Lucifero, perché ho bisogno di una qualche moderazione)

La popolarità della canzone dei 4-Skins all'interno di tale movimento ha fatto in modo che l'acronimo sia stato adottato come slogan dall'intera cultura skinhead (indipendentemente dallo schieramento politico). Nato nella Gran Bretagna degli anni sessanta, il movimento skinhead si è integrato negli hooligan britannici fin dal principio.[senza fonte] Il movimento ha inoltre da subito manifestato un'antipatia piuttosto diffusa verso i poliziotti e le forze dell'ordine, con cui nascevano spesso dei contrasti, in particolare allo stadio.[senza fonte] Come si può notare, una parte degli stessi hooligan, o degli ultras in genere, è composta da skinhead tutt'oggi, così come continuano le rivalità tra tifosi e forze dell'ordine.

Negli anni ottanta, il movimento skinhead si è diffuso anche in Europa e negli Stati Uniti, portando con sé, di conseguenza, le usanze e i detti tipici. Tra questi figura appunto anche il famoso detto A.C.A.B., che successivamente si è esteso anche al resto degli ultras e dei tifosi delle squadre di calcio.[senza fonte] Alcune testimonianze riferiscono che il gruppo The 4-Skins era conosciuto anche in Italia e alcuni skinhead italiani si recavano nel Regno Unito per assistere ai loro concerti. In poco tempo l'acronimo è divenuto noto e utilizzato, seppur presso un gruppo ristretto di persone, anche in Italia.[2]

Oggi il detto è usato non solo da skinhead, ma anche in ambiente carcerario, dove l'acronimo è stato registrato per la prima volta nel 1977, da alcuni ultras e tifosi, oltre che da gruppi politici anti-autoritaristi e da gruppi politici di estrema sinistra. Il termine viene usato anche dai giovani per indicare una persona ribelle/trasgressiva.[senza fonte]

Influenze nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Cynthia Miller-Idriss, The Extreme Gone Mainstream. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  2. ^ a b c Nicola Guerra, Dalla strada alla letteratura, le spericolate e propizie vicende del forestierismo A.C.A.B.. Il contatto linguistico tra italiano e inglese nelle sottoculture Skinhead e Ultras., su academia.edu.
  3. ^ Carlo Bonini, ACAB - All Cops Are Bastards, Giulio Einaudi Editore, 2009, ISBN 978-88-06-19469-7.
  4. ^ ACAB - Prologo (PDF), su Giulio Einaudi Editore. URL consultato il 16 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2010).
  5. ^ ACAB - All Cops Are Bastards, su ComingSoon.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio