9 × 21 mm IMI

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
9 × 21 mm IMI
9x21mm IMI.jpg
Descrizione
Tipocartuccia per pistola
OrigineIsraele Israele
Impiegata damercato civile di Italia e Messico
Storia
ProgettistaIsrael Military Industries
Specifiche tecniche
Derivata da9 × 19 mm Parabellum
Diametro proiettile9,03 mm
Diametro collo9,63 mm
Diametro spalla9,93 mm
Diametro base9,96 mm
Spessore fondello1,27 mm
Lunghezza bossolo21,15 mm
Lunghezza cartuccia29,5 mm (29,75 max)
Capacità cartuccia1,01 cm³
Pressione massima235,00 MPa
voci di munizioni presenti su Wikipedia

La 9 × 21 mm IMI (a volte chiamata anche 9x21 mm "Italian") è una cartuccia per pistola.

Originariamente messa a punto dalla Jager di Loano, ed in seguito adottata e commercializzata dalla Israel Military Industries.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda la sviluppò per il mercato italiano come calibro per il tiro sportivo, da utilizzare su pistole di grosse dimensioni, pensate per il 45acp o il 9 largo spagnolo; in alternativa al 9 corto (9x17) o al 7,65 browning; entrambi dotati di scarsa potenza ed utilizzati su pistole compatte (Beretta 84 e 85) su mini pistole mitragliatrici (CZ Scorpion).

Tuttavia il prodotto non raggiunse in questa prima fase una sua maturità commerciale, rivelandosi poco apprezzato dagli utilizzatori. La Israel Military Industries (IMI) ripropose la munizione in seguito, per ricamerare tutte le armi progettate per il 9x19 o 9 parabellum, estremamente diffuso nel mondo e calibro d'ordinanza di tutti i corpi armati dello stato; ma appunto per questo vietato per il mercato civile. Le suddette armi fino ad allora per la vendita ai privati venivano ricamerate con il 7,65 parabellum: calibro potente ma non quanto il 9x19. La cartuccia si rivelò fin da subito ottimamente compatibile alla sorella militare, con prestazioni balistiche equivalenti se non addirittura superiori con particolari caricamenti. Pertanto la sua diffusione crebbe esponenzialmente. Ed in pochi anni il 9x21 soppiantò quasi ogni altro calibro fino ad allora utilizzato; fino a coprire l'80% di tutto il mercato civile italiano.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Comparazione tra bossolo 9 × 19 (9 parabellum) e 9 × 21 (9 IMI) in una cartuccia commerciale italiana.

Nel calibro 9×21 il diametro della palla è 9 mm, mentre 21 è la lunghezza nominale (effettiva 21,15 mm) del bossolo. La cartuccia viene poi assemblata con una carica di polvere uguale al 9 Parabellum e con la medesima palla, che però viene incassata nel bossolo per metà anziché per un terzo. Per una lunghezza complessiva identica della cartuccia: infatti caricatori da 9x19 e da 9x21, nonostante le marchiature diverse, sono gli stessi. La palla usata è quella da 124 grs (8 grammi) lunga 15 mm del 9x19; che però viene assemblato anche con una più leggera da 115 grs.

Il tutto crea una pressione pari o di pochissimo maggiore durante lo sparo e un colpo teoricamente di poco più potente rispetto alla cartuccia 9x19 mm parabellum. La differenza è però data in pratica solo dalla maggiore ritenzione che lega la palla al bossolo: quindi trascurabile ed appena apprezzabile solo in armi con canna molto corta. Il 9x21 identico o quasi al 9x19 è stato perciò in pochissimo tempo adottato da tutti i produttori e importatori italiani per ricamerare con ottimi risultati ogni arma nata per il 9x19, e poterla poi destinare all'uso civile. Attualmente il 9x21 è il calibro per pistola più diffuso nel mercato civile italiano; esso copre circa l'80% del settore difesa e il 50% di quello del tiro sportivo.[1] Le cartucce 9x21 di tipo commerciale, dovendo appunto sostituire il calibro minore, vengono quindi sottocaricate dai produttori per mantenere caratteristiche balistiche equivalenti al 9x19, e per mantenere la compatibilità e la sicurezza con tutte le armi in cui verranno sparate, anche se non in ottime condizioni. Non solo: alcune case produttrici di munizioni militari (come la Fiocchi) producono dei 9x19 destinati alle pistole mitragliatrici e sovracaricati per garantire il riarmo. Tali cartucce denominate +P all'estero e M38 in Italia vengono poi, per semplicità logistica, distribuite dalle varie amministrazioni anche per le armi corte. Da ciò l'inesattezza, sostenuta da alcuni, secondo cui il 9x19 sarebbe più potente del 9x21.

Concludendo: il bossolo del 9x21 di 2 mm più lungo consentirebbe una dose di polvere da lancio maggiore rispetto al 9x19; ma tale caratteristica viene fruttata raramente e solo dai tiratori sportivi che si dedichino alla ricarica casalinga. Con attrezzatura specifica e molto scrupolo possono essere realizzate munizioni in 9x21 IMI più vicine alle possibili potenzialità di questa cartuccia, molto impiegata anche nelle competizioni di TDS (tiro dinamico sportivo), dove viene utilizzata spesso la cosiddetta ricarica "a fattore" (cioè al limite della potenza possibile). Non a caso il 9x19 o 9 parabellum in molti paesi è proibito per il tiro dinamico, in quanto la scarsa ritenzione della palla nel bossolo lo rende pericoloso nella ricarica.

Il 9x21 è diffuso esclusivamente in Italia in Messico ed in Ucraina. Non a caso viene spesso anche chiamato 9 mm italiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Armi Portale Armi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di armi