7 sconosciuti a El Royale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
7 sconosciuti a El Royale
Titolo originaleBad Times at the El Royale
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2018
Durata141 min
Generethriller
RegiaDrew Goddard
SceneggiaturaDrew Goddard
ProduttoreJeremy Latcham, Drew Goddard
Produttore esecutivoMary McLaglen
Casa di produzione20th Century Fox
Distribuzione in italiano20th Century Fox
FotografiaSeamus McGarvey
MontaggioLisa Lassek
Effetti specialiJoel Whist
MusicheMichael Giacchino
CostumiDanny Glicker
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

7 sconosciuti a El Royale (Bad Times at the El Royale) è un film del 2018 scritto e diretto da Drew Goddard.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969, il prete cattolico Daniel Flynn, la cantante Darlene Sweet, il venditore Laramie Seymour Sullivan e la hippie Emily Summerspring arrivano all'hotel El Royale, dove incontrano l'unico impiegato, Miles Miller.

Dopo aver fatto il check-in nella suite per la luna di miele, Sullivan si rivela essere un agente dell'FBI, Dwight Broadbeck, inviato a rimuovere attrezzature di sorveglianza illegali di origine sconosciuta in una delle stanze. Scopre che, oltre ai dispositivi di ascolto della propria agenzia, la stanza ha anche più dispositivi di quelli messi a disposizione dall'FBI, apparentemente da una fonte sconosciuta. Inoltre, scopre un passaggio che conduce in un corridoio che si affaccia su specchietti a due vie in ognuna delle stanze dell'hotel, oltre a una fotocamera da 16mm. Broadbeck è testimone di un apparente rapimento in corso nella stanza di Emily; Il direttore dell'FBI J. Edgar Hoover gli ordina di non interferire con il rapimento e di sabotare i veicoli degli ospiti per evitare che qualcuno di loro fugga. Nel frattempo, Flynn invita Darlene ad unirsi a lui per cena ma mentre cerca di drogarla viene colpito da Darlene con una bottiglia, perdendo i sensi. Miles trova Flynn e gli rivela il passaggio segreto, spiegando in seguito che "la direzione" gli ha ordinato di filmare gli ospiti e inviare loro il filmato. Tuttavia, ha scelto di trattenere una pellicola cinematografica particolarmente incriminante di una figura pubblica recentemente deceduta.

Contro gli ordini, l'agente Broadbeck tenta di salvare l'ostaggio di Emily, che si rivela essere la sorella minore, Rose. Emily apre il fuoco su Broadbeck, uccidendolo e ferendo accidentalmente Miles che stava osservando da dietro lo specchio. Darlene tenta di fuggire nella sua auto dopo aver assistito all'omicidio, ma arriva Flynn che le rivela di essere un criminale di nome Donald O'Kelly, imprigionato dopo una rapina fallita dieci anni prima e recentemente posto in libertà vigilata, O'Kelly è tornato a El Royale in abiti sacerdotali per recuperare i soldi che suo fratello Felix aveva nascosto lì prima di essere ucciso a tradimento dopo la rapina. O'Kelly non riesce però a ricordare quale camera abbia il denaro e aveva tentato di drogare Darlene solo per ispezionare la sua camera, credendo che i soldi fossero sepolti lì. O'Kelly offre a Darlene la metà dei soldi e i due decidono dunque di collaborare.

Nella hall, Emily e Rose, dopo aver scoperto il corridoio, interrogano Miles sull'operazione di sorveglianza. Viene rivelato che Emily ha rimosso sua sorella da una setta guidata da Billy Lee, una figura sadica ma carismatica responsabile di una serie di omicidi a Malibu. Tuttavia, Rose rivela di aver già chiamato Billy, indicandogli la loro posizione. Mentre O'Kelly e Darlene tentano di partire con i soldi recuperati, Lee e i suoi cultisti arrivano e li tengono in ostaggio insieme a Emily e Miles. Mentre terrorizza il gruppo (in particolare Miles appare molto turbato tanto da chiedere ripetutamente perdono per i suoi crimini a quello che lui crede ancora padre Flynn), Lee scopre che il film vale molto di più dei soldi. Successivamente organizza una roulette per decidere di uccidere Emily o Miles, dando a Emily la scelta del colore. La ragazza perde e viene uccisa sotto gli occhi della sorella. Prima che Lee concluda un altro giro di roulette con O'Kelly e Darlene, Donald usa una breve interruzione di corrente a suo vantaggio, riuscendo ad attaccare Lee mentre la sala dell'hotel prende fuoco. Darlene, a terra ancora ammanettata, chiede a Miles di raccogliere una pistola incustodita, ma questi le dice che non può più uccidere persone. Viene così rivelato il passato di Miles, un ex cecchino militare degli Stati Uniti che, in Vietnam, ha ucciso 123 persone, non riuscendo mai a ristabilirsi dal trauma psicologico subito. Darlene sembra ormai pronta a morire ma Miles si scuote e, raccolta la pistola, uccide facilmente Lee e gli altri suoi scagnozzi. Rose, sconvolta, pugnala Miles per poi essere abbattuta da O'Kelly. Prima di morire Miles chiede ancora a padre Flynn di essere assolto dai suoi peccati, cosa che, dopo un attimo di esitazione, O'Kelly fa, spinto da Darlene.

O'Kelly e Darlene recuperano i soldi mentre il film viene gettato tra le fiamme dalla cantante. I due riescono finalmente a fuggire dall'albergo. Il giorno dopo, Darlene è pronta ad esibirsi in uno spettacolo a Reno per una piccola folla. Prima di cantare riconosce tra il pubblico O'Kelly, che la saluta e la guarda con orgoglio.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

L'8 marzo 2017 la 20th Century Fox acquista la spec script Bad Times at the El Royale, scritta da Drew Goddard, che sarà anche regista e produttore del film.[1]

Le riprese del film, il cui budget è stato di 32 milioni di dollari,[2] sono iniziate il 29 gennaio 2018 a Vancouver,[3] e sono proseguite a Burnaby nel febbraio seguente.[4]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film viene diffuso il 7 giugno 2018.[5]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola, inizialmente fissata per il 5 ottobre 2018,[6] è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 12 ottobre dello stesso anno[7] ed in quelle italiane dal 25 ottobre.[8]

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti il film è stato vietato ai minori di 17 anni per la presenza di "forte violenza, linguaggio non adatto, droga e nudità",[9] mentre in Italia è stato vietato ai minori di 14 anni.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Anita Busch, Fox Buys ‘Bad Times At The El Royale’ From Drew Goddard Who Will Also Direct, deadline.com, 8 marzo 2017. URL consultato il 7 giugno 2018.
  2. ^ (EN) 7 sconosciuti a El Royale, su Box Office Mojo. URL consultato il 25 ottobre 2018. Modifica su Wikidata
  3. ^ (EN) Bad Times at the El Royale: Chris Hemsworth, Dakota Johnson, Jeff Bridges & More Filming in Vancouver Area, whatsfilming.ca, 25 gennaio 2018. URL consultato il 7 giugno 2018.
  4. ^ (EN) Rosa Cordero, Country time! Dakota Johnson models cowgirl coat as she begins work on Bad Times At The El Royale... after holding hands with Chris Martin, Daily Mail, 14 febbraio 2018. URL consultato il 7 giugno 2018.
  5. ^ Filmato audio 20th Century Fox, 7 Sconosciuti al El Royale, su YouTube, 7 giugno 2018. URL consultato il 7 giugno 2018.
  6. ^ (EN) Ben Pearson, Drew Goddard’s Mysterious New Movie Adds Russell Crowe and Dakota Johnson, slashfilm.com, 7 giugno 2018. URL consultato il 7 giugno 2018.
  7. ^ (EN) Andreas Wiseman, Fox Dates Amy Adams Pic ‘Woman In The Window’, Moves Thriller ‘Bad Times At The El Royale’, deadline.com, 27 giugno 2018. URL consultato il 28 giugno 2018.
  8. ^ Filmato audio 20th Century Fox Italia, 7 Sconosciuti a El Royale, su YouTube, 7 settembre 2018. URL consultato il 7 settembre 2018.
  9. ^ (EN) Bad Times at the El Royale, kids-in-mind.com. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  10. ^ (EN) 2018 San Diego Film Critics Society Award Winners, su San Diego Film Critics Society Awards, 10 dicembre 2018. URL consultato il 3 marzo 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema