5 centesimi di lira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
5 centesimi di lira
Valore 0,05 lire italiane
Massa 3,25 g
Diametro 19,5 mm
Composizione rame
Anni di coniazione 1900-1943
Dritto
5 centesimi di Lira - Regno d'Italia 03.jpg
Disegno Vittorio Emanuele III
Rovescio
5 centesimi di Lira - Regno d'Italia - 1929 02.jpg
Disegno Spiga di grano con valore ai lati

La moneta da 5 centesimi di lira corrispondeva alla ventesima parte di una lira, cioè lo stesso valore che in precedenza aveva il soldo. Di conseguenza fu a lungo chiamata colloquialmente con quest'ultimo nome.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime emissioni delle monete da 5 centesimi di lira fanno seguito al processo di decimalizzazione della valuta che ha luogo nel periodo napoleonico.

Dopo la fine del periodo napoleonico e con l'avvio della restaurazione in Piemonte ci fu il ritorno per un breve periodo alla monetazione non decimale, ma già nel 1816, sotto Vittorio Emanuele I fu reintrodotta la monetazione decimale. La nuova monetazione riprese esattamente le misure, le caratteristiche ponderali ed il contenuto di fino del franco germinale.[1]

La moneta da 5 centesimi fu coniata per la prima volta più tardi, nel 1826, sotto Carlo Felice che era succeduto al fratello che nel 1821 aveva abdicato a suo favore.[1]

Questa era una moneta fiduciaria, il cui valore non era cioè legato al metallo contenuto nella moneta stessa, di rame.

La coniazione di questo pezzo proseguì con gli altri sovrani della casa Savoia.

Con la creazione del regno d'Italia nel 1861 nacque quindi la lira italiana, che ereditava la monetazione del regno di Sardegna. Con la nascita dell'Unione monetaria latina la lira poté circolare liberamente come moneta corrente nei paesi aderenti all'Unione, inizialmente l'Impero francese, il regno del Belgio e la Confederazione elvetica.

Le ultime monete con questo valore furono coniate nel regno d'Italia nel 1943.[1]

Dopo la seconda guerra mondiale e la profonda svalutazione che ebbe le lira italiana, tutti i tagli in centesimi di lira non furono più coniati.

Periodo napoleonico[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo napoleonico l'Italia era divisa tra Impero francese, Regno d'Italia e Regno di Napoli.

Nell'Italia inquadrata all'interno dell'Impero francese erano coniate e circolavano monete in franchi uguali a quelle coniate nel resto dell'Impero.

Nel Regno d'Italia la valuta era la lira. Le monete da 5 centesimi recavano come indicazione del valore la legenda SOLDO. Coniate dal 1807 al 1813, erano in rame, con un peso di di 10,95 grammi ed un diametro di 27,5 millimetri. Al dritto era raffigurata la testa nuda di Napoleone volto a sinistra e la legenda NAPOLEONE IMPERATORE E RE, ed in basso il millesimo. Al rovescio la legenda REGNO D'ITALIA circondava la corona ferrea. Sotto il valore SOLDO ed il segno di zecca: M per Milano, V per Venezia e B per Bologna.

Nel Regno di Napoli fu battuta, solo nel 1813, una moneta di rame dal diametro di 30,5mm e dal peso di 8,39mm. Recava al dritto la legenda GIOACCHINO NAPOLEONE e la testa di Murat volto a sinistra. Al rovescio nel campo, su tre righe 5 CENTESIMI ed il millesimo. Intorno REGNO DELLE DUE SICILIE.

In Italia era anche presente in questo periodo il piccolo Principato di Lucca e Piombino i cui sovrani erano la sorella di Napoleone Elisa Bonaparte ed il marito, Felice Baciocchi. Anche in questo piccolo stato furono coniate monete secondo i parametri in uso nel resto d'Italia. La moneta da 5 centesimi fu coniata a Firenze nel 1806 in rame con un peso di 10g ed un diametro di 27,5 centesimi. Al dritto c'erano i busti accollati dei principi ed intorno la scritta FELICE ED ELISA PP. DI LUCCA E PIOMBINO. Al rovescio nel campo, su tre righe 5 CENTESIMI ed il millesimo, ed intorno PRINCIPATO DI LUCCA E PIOMBINO.

Stati preunitari[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte[modifica | modifica wikitesto]

Parma[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il congresso di Vienna, all'ex-imperatrice di Francia, Maria Luigia fu assegnato il Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla.

Maria Luigia era la figlia dell'imperatore Francesco I d'Austria ed aveva diritto al titolo di arciduchessa d'Austria

Nel ducato la monetazione era in lire, secondo le caratteristiche del franco germinale. La moneta di 5 centesimi fu coniata presso la zecca di Milano. Recava al dritto lo stemma quadrato coronato, con intorno MARIA LUIGIA ARCID. D'AUSTRIA e la data in basso. AL rovescio su due righe il testo 5 CENTESIMI ed in tondo DUCHESSA DI PARMA PIACENZA E GUASTALLA. La moneta pesava 10g con un diametro di 27 millimetri. Il millesimo riportato è il 1830.

Sempre a Parma Carlo III di Borbone coniò nel 1854 una moneta con le stesse misure. Al dritto c'era la testa nuda volta a sinistra ed intorno CARLO III INFANTE DI SPAGNA; in basso la data. Al rovescio lo stemma coronato, con tre gigli ed intorno al collare del Toson d'Oro. Attorno DUCA DI PARMA PIACENZA ECC.; in basso l'indicazione del valore C. 5.

Stato pontificio[modifica | modifica wikitesto]

Repubblica di San Marino[modifica | modifica wikitesto]

Regno d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Vittorio Emanuele II[modifica | modifica wikitesto]

Moneta da 5 centesimi di lira del 1861.

La prima serie di monete da 5 centesimi del Regno d'Italia fu coniata nel 1861 a Milano (M), Napoli (N) e Bologna (B), nel 1862 solo a Napoli e nel 1867 a Milano e Napoli. Queste monete sono in rame 960, hanno un peso di 5 grammi, un diametro di 25 mm e il bordo liscio; esse mostrano:

sul dritto
il profilo, rivolto verso sinistra, del re e la legenda VITTORIO EMANUELE II RE D'ITALIA, sotto il collo del re il nome dell'autore [Giuseppe] FERRARIS;
sul rovescio
nel campo il valore 5 CENTESIMI e l'anno; sul bordo un ramo di alloro legato con un fiocco ad un ramo di quercia, in alto la stella italiana ed in basso, sotto il fiocco, la lettera corrispondente alla zecca di provenienza.


Umberto I[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni 1895 e 1896 fu coniata dalla zecca di Roma, una versione della moneta in rame 950, che differiva dalla precedente solo nel diritto, che mostra il profilo rivolto a sinistra del re Umberto I e la scritta sul bordo UMBERTO I RE D'ITALIA; sotto il collo del re il nome dell'autore SPERANZA.

Vittorio Emanuele III[modifica | modifica wikitesto]

Prora[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni 1908, 1909, 1912, 1913, 1915 e 1918 fu coniata, dalla Zecca di Roma una nuova versione della moneta da 5 centesimi, pure in rame 950, con un peso di 5 grammi, un diametro di 25 mm e il contorno liscio; essa mostra:

sul dritto
profilo del re rivolto a sinistra e sul bordo la legenda VITTORIO EMANUELE III RE D'ITALIA;
sul verso
figura allegorica femminile dell'Italia in piedi sulla prua di una nave, con un ramoscello d'ulivo nella destra; sul bordo in alto il valore CENT. 5 e l'anno; in incuso, il segno di zecca R sulla prua della nave e sulla fiancata i nomi degli autori P. CANONICA M. e L. GIORGI I..

Spiga[modifica | modifica wikitesto]

5 centesimi "Spiga" del 1920
5 centesimi del 1920.jpg
VITTORIO EMANUELE III RE D'ITALIA; testa del re. Sotto il collo l'autore A. Motti Spiga di grano con il valore ai lati
Cu 950/1000, 19,5mm; 3,25g.

Roma ca. 33 milioni di monete coniate

Dal 1919 e fino al 1937 fu coniata, sempre dalla Zecca di Roma una nuova versione della moneta da 5 centesimi, in rame 950, del peso di 3,25 grammi, un diametro di 19,5 mm e il contorno liscio; essa mostra:

sul dritto
profilo del re rivolto a sinistra e sul bordo la legenda VITTORIO EMANUELE III RE D'ITALIA, sotto il collo del re il nome dell'incisore A[ttilio Silvio] MOTTI;
sul verso
una spiga di grano con una foglia a sinistra, ispirata ad una moneta lucana d'epoca ellenistica, con ai lati il valore C. 5; a destra sotto la cifra l'anno e accanto al gambo, il segno di zecca R.


Impero[modifica | modifica wikitesto]

5 centesimi "Impero" del 1942
Italia VE3 5 centesimi.JPG
Aquila ad ali spiegate su un fascio littorio orizzontale; sul bordo in alto ITALIA e in basso il nome dell'autore G. ROMAGNOLI; in esergo lo stemma sabaudo coronato con ai lati il valore C. 5, l'anno dell'era fascista a destra e il millesimo e il segno di zecca R a sinistra. Profilo del re, VITT.EM.III.RE.E.IMP. sul bordo.
Bronzo, 19,5 mm; 2,95 g.

Per commemorare la proclamazione dell'Impero dal 1936 e fino al 1939 fu coniata, sempre dalla Zecca di Roma una nuova versione della moneta da 5 centesimi, in rame, del peso di 3,25 grammi, un diametro di 19,5 mm e il contorno liscio; essa mostra:

sul dritto
nel campo un'aquila ad ali spiegate su un fascio littorio orizzontale; sul bordo in alto ITALIA e in basso il nome dell'autore G. ROMAGNOLI; in esergo lo stemma sabaudo coronato con ai lati il valore C. 5, l'anno dell'era fascista a destra e il millesimo e il segno di zecca R a sinistra;
sul verso
profilo del re rivolto a destra e sul bordo la legenda VITT.EM.III.RE.E.IMP..

Dal 1939 al 1943 la zecca di Roma coniò una versione in Bronzital della moneta, del peso di 2,95 g.


Città del Vaticano[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Montenegro: Manuale...

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]