596 Scheila

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scheila
(596 Scheila)
Scoperta 21 febbraio 1906
Scopritore August Kopff
Classificazione Fascia principale
Classe spettrale PCD
Designazioni
alternative
1906 UA, 1949 WT
Parametri orbitali
(all'epoca K172G)
Semiasse maggiore 438 137 290 km
2,9287252 UA
Perielio 366 366 017 km
2,4489707 UA
Afelio 509 908 563 km
3,4084797 UA
Periodo orbitale 1830,7 giorni
(5,01 anni)
Inclinazione
sull'eclittica
14,65943°
Eccentricità 0,1638100
Longitudine del
nodo ascendente
70,60782°
Argom. del perielio 175,14488°
Anomalia media 341,93227°
Par. Tisserand (TJ) 3,209 (calcolato)
Dati fisici
Albedo 0,0379
Dati osservativi
Magnitudine ass. 8,90

596 Scheila è un asteroide della fascia principale. Scoperto nel 1906, presenta un'orbita caratterizzata da un semiasse maggiore pari a 2,9287252 UA e da un'eccentricità di 0,1638100, inclinata di 14,65943° rispetto all'eclittica.

Ha un diametro medio di circa 113,34 km.

A partire dall'11 dicembre 2010 ha mostrato segni di attività cometaria piuttosto consistenti pur essendo ancora lontano dal perielio. Lo scopritore Steve Larson, direttore della Catalina Sky Survey ha proposto anche l'ipotesi della collisione con un altro corpo asteroidale per giustificare l'outburst. Si attendono ulteriori indagini spettroscopiche per chiarire la natura del materiale che circonda il corpo asteroidale[1].

L'asteroide è dedicato ad una conoscente dello scopritore.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Claudio Elidoro, 596 Scheila, cento anni da asteroide, e poi..., su rivista Coelum n.145 p.32
  2. ^ Lutz D. Schmadel, Dictionary of Minor Planet Names, p. 61.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


V · D · M
L'asteroide 951 Gaspra

Precedente: 595 Polyxena      Successivo: 597 Bandusia


Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare