54509 YORP

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
YORP
(54509 YORP)
54509 YORP image radar and 3D model.gif
Immagini radar e modello 3D di 54509 YORP
Scoperta 3 agosto 2000
Scopritore LINEAR
Classificazione NEA
Famiglia Apollo
Designazioni
alternative
2000 PH5
Parametri orbitali
(all'epoca K1014)
Semiasse maggiore 150 458 091 km
1,0057359 UA
Perielio 115 836 641 km
0,7743091 UA
Afelio 185 079 540 km
1,2371627 UA
Periodo orbitale 368,4 giorni
(1,01 anni)
Inclinazione
sull'eclittica
1,59999°
Eccentricità 0,2301069
Longitudine del
nodo ascendente
278,36806°
Argom. del perielio 278,69271°
Anomalia media 224,81609°
Par. Tisserand (TJ) 6,029 (calcolato)
Dati fisici
Dimensioni 150×128×93 m[1]
Periodo di rotazione 0,00845 giorni
(12min 10,2s)[1]
Inclinazione assiale 173°[1]
Temperatura
superficiale
~278 K (media)
Albedo 0,1
Dati osservativi
Magnitudine ass. 22,7

54509 YORP è un asteroide della fascia principale. Scoperto nel 2000, presenta un'orbita caratterizzata da un semiasse maggiore pari a 1,0057359 UA e da un'eccentricità di 0,2301069, inclinata di 1,59999° rispetto all'eclittica.

La denominazione dell'asteroide è stata scelta per celebrare il ruolo che esso ha avuto nel dare un'evidenza strumentale dell'effetto YORP.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

54509 YORP è un asteroide geosecante con un periodo orbitale di poco superiore all'anno. Rispetto alla Terra descrive un'orbita a ferro di cavallo, arrivando in prossimità della terra circa ogni 100 anni. L'ultimo passaggio ravvicinato si è avuto tra il 1999 e il 2006 arrivando nel 2002 ad appena 4,5 volte la distanza Terra-Luna. La sua orbita è sufficientemente determinata da permetterci di escludere impatti con la Terra per i prossimi 2000 anni.[2]

Le sue caratteristiche fanno ritenere che si tratti di un oggetto espulso dal sistema Terra-Luna.[3]

Quando era ancora noto unicamente attraverso la sua denominazione provvisoria 2000 PH5, l'asteroide fu scelto, data la sua prossimità alla Terra che ne favoriva l'osservazione e le sue ridotte dimensioni che ne favorivano la possibile influenza, come oggetto di misurazione per verificare se, come fino ad allora solo ipotizzato, l'effetto YORP determinasse effettivamente una variazione della velocità angolare di rotazione dell'asteroide. Gli studi determinarono che tra il 2001 e il 2005 l'accelerazione angolare è stata di (2 ± 0,2)×10−4 gradi/giorno2 con un eccesso di rotazione di 250° rispetto alla posizione calcolata sulla velocità angolare iniziale.[1] Questa accelerazione porterà in 600.000 anni al raddoppio della velocità di rotazione e in 35 milioni di anni al raggiungimento della velocità critica che determinerà modifiche morfologiche compresa l'eventualità di uno smembramento dell'asteroide che darebbe vita ad un sistema binario.[4]

Gli studi hanno anche escluso che l'aumento di velocità angolare possa essere stato indotto dal passaggio ravvicinato alla Terra.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Patrick A. Taylor, et al., Spin Rate of Asteroid (54509) 2000 PH5 Increasing Due to the YORP Effect (PDF), in Science, vol. 316, nº 5822, 13 aprile 2007, pp. 274–277, DOI:10.1126/science.1139038.
  2. ^ (EN) Don Yeomans, Asteroid 2000 PH5: Earth's Annual Visitor, JPL, 2002. URL consultato il 4 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2012).
  3. ^ (EN) 2000 PH5, Cornell University, 2003. URL consultato il 4 gennaio 2010.
  4. ^ (EN) The YORP Effect Detected on Near-Earth Asteroid 2000 PH5, Isaac Newton Group of Telescopes, 2007. URL consultato il 4 gennaio 2010.
  5. ^ (EN) Asteroids spin at YORP speed, thanks to the effects of sunlight, Cornell and Belfast astronomers discover, Cornell University, 2007. URL consultato il 4 gennaio 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


V · D · M
L'asteroide 951 Gaspra
Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare