4 mesi, 3 settimane, 2 giorni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
4 mesi, 3 settimane, 2 giorni
4 mesi, 3 settimane e 2 giorni (2007).png
Una scena del film
Titolo originale4 luni, 3 săptămâni și 2 zile
Paese di produzioneRomania
Anno2007
Durata108 min
Generedrammatico
RegiaCristian Mungiu
SoggettoCristian Mungiu
SceneggiaturaCristian Mungiu
Casa di produzioneMobra Films
Distribuzione in italianoLucky Red
FotografiaOleg Mutu
MontaggioDana Bunescu
ScenografiaMihaela Poenaru
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

4 mesi, 3 settimane, 2 giorni (4 luni, 3 săptămâni și 2 zile) è un film del 2007 di Cristian Mungiu, interpretato da Anamaria Marinca, Vlad Ivanov e Laura Vasiliu.

Vincitore della Palma d'oro al 60º Festival di Cannes,[1] e premiato come miglior film alla 20ª edizione degli European Film Awards, è stata tra le opere più apprezzate dalla critica mondiale nel 2008.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Romania, 1987. Nei conclusivi e difficili anni del regime di Ceaușescu due ragazze di provincia, Otilia e Găbița, dividono la stanza in un pensionato universitario. Quando Găbița rimane incinta senza volerlo, inizia per loro il calvario di trovare un modo illegale per abortire, al tempo un reato nel paese. Riescono a rintracciare un certo Bebe, il quale le riceve in una stanza d'albergo, lontano da occhi indiscreti. Qui però le ragazze scoprono che i loro soldi non bastano, sicché Bebe vuole un pagamento in natura: una riluttante Otilia è costretta ad accettare, mettendo il bene dell'amica davanti allo spregevole ricatto. Quindi Bebe opera Găbița, spiega alle ragazze come disfarsi del feto e le lascia al loro destino.

Frattanto Otilia, la quale aveva già preso un impegno con il suo fidanzato, lascia Găbița da sola in albergo, in attesa che l'operazione faccia il suo corso, e in compagnia della famiglia del ragazzo cerca di dimenticare per qualche ora gli ultimi e inconfessabili eventi. Quando torna dall'amica, questa ha ormai abortito, e Otilia, al culmine di una orribile giornata, si ritrova costretta allo straziante gesto di liberarsi del feto, vagando di notte per la città, prima di gettarlo nella spazzatura. Tornata in albergo da Găbița, la quale aveva supplicato l'amica di dare una degna sepoltura al feto, questa riceve da Otilia solo la risposta che non parleranno mai più della questione.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La protagonista Anamaria Marinca con il regista e sceneggiatore Cristian Mungiu nel 2007

L'idea iniziale per il film nasce dal progetto di Mungiu per un altro film, Racconti dell'età dell'oro, con il quale racconterà la storia del comunismo in Romania attraverso le sue leggende metropolitane. Mentre lavorava a quest'ultima pellicola, Mungiu sentì la necessità di fare un film serio incentrato su una storia tragica sotto il regime, per bilanciare gli intenti commedici di Racconti dell'età dell'oro.[3]

La maggior parte del film è stato girato a Bucarest, soltanto alcune scene in un albergo a Ploiești.[3]

Il film è stato prodotto con un budget inferiore ai 600 000 euro.[4]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 2007, su festival-cannes.fr. URL consultato l'11 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  2. ^ (EN) Migliori film del 2008, su metacritic.com.
  3. ^ a b (RO) Interviu RE:PUBLIK, su 4months3weeksand2days.com. URL consultato il 20 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2007).
  4. ^ (EN) Top Cannes award for harrowing Romanian abortion film, su news.sawf.org. URL consultato il 20 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2007).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316752322 · GND (DE7600701-7 · BNF (FRcb166363974 (data) · WorldCat Identities (EN316752322
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema