3ª Brigata meccanizzata "Goito"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
3ª Brigata meccanizzata “Goito”
CoA mil ITA Bersaglieri bde Goito.png
Scudetto della Brigata meccanizzata "Goito"
Descrizione generale
Attiva21 ottobre 1975 - 1991
NazioneItalia Italia
ServizioCoat of arms of the Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
TipoBrigata
RuoloFanteria meccanizzata
DimensioneBrigata di 4.760 uomini
Guarnigione/QGMilano, Torino, Solbiate Olona, Vercelli, Monza e Novara
Parte di
Reparti dipendenti
Comandanti
Degni di notaAmbrogio Viviani
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 3ª Brigata meccanizzata "Goito" è stata una Grande Unità dell'Esercito italiano.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La 3ª Brigata meccanizzata “Goito” fu creata in seguito alla ristrutturazione dell'Esercito italiano il 21 ottobre 1975 e fu incorporata nella Divisione corazzata "Centauro" del 3º Corpo d'Armata di Milano che inquadrava anche la Brigata meccanizzata "Legnano" e la 31ª Brigata corazzata “Curtatone”.

La "Goito" aveva una forza di 4.760 uomini (272 ufficiali, 630 sottufficiali e 3.858 uomini di truppa) e prendeva il nome in onore della battaglia di Goito combattuta il 30 maggio 1848, durante la prima guerra di indipendenza. La "Goito" stanziava con tutti i suoi reparti in Lombardia e Piemonte, a Milano aveva il suo Quartier Generale, Novara, Vercelli, Torino, Solbiate Olona e Monza. La “Goito” ha partecipato con il 10º Battaglione Bersaglieri "Bezzecca" all'operazione di pace in Libano nel 1983-1984 durante la missione ITALCON "Libano 2", ove i suoi bersaglieri hanno avuto anche il compito di proteggere la popolazione civile palestinese asserragliata nel campo di Chatila a Beirut.

3ª Brigata bersaglieri "Goito"[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º novembre 1986 a seguito dell'abolizione del livello divisionale nelle unità dell'Esercito Italiano, la Divisione corazzata "Centauro" venne sciolta e una delle sue brigate, la 31ª Brigata corazzata “Curtatone” di Novara venne trasformata in 31ª Brigata corazzata “Centauro”; la 3ª Brigata meccanizzata “Goito” diventò autonoma passando alle dirette dipendenze del Comando 3º Corpo d'armata cambiando la sua denominazione in 3ª Brigata bersaglieri "Goito".

Nel 1991 la Brigata “Goito” venne sciolta.

I reparti[modifica | modifica wikitesto]

(*) Nel marzo del 1991 si fonde con due plotoni della Compagnia controcarri "Legnano" nella sede di Milano, caserma "Goffredo Mameli".

(**) Negli ultimi anni ottanta la Compagnia genio denominata guastatori "Goito" è stata di stanza a Solbiate Olona, caserma "Ugo Mara".

(***) Nei primi anni novanta viene trasferito nella sede di Novara, caserma "Cavalli" alle dipendenze della Brigata corazzata "Centauro".

I comandanti[modifica | modifica wikitesto]

  • Generale di Brigata Lucio Orofino 11/11/75-10/11/76;
  • Generale di Brigata Enrico Palanza 11/11/76-09/09/78;
  • Generale di Brigata Giovanni Romeo 10/09/78-23/09/79;
  • Generale di Brigata Ambrogio Viviani 24/09/79-19/09/80;
  • Generale di Brigata Alceo Masu 20/09/80-08/09/82;
  • Generale di Brigata Sergio Luccarini 09/09/82-03/10/83;
  • Generale di Brigata Giovanni Brugnola 04/10/83-31/10/84;
  • Generale di Brigata Vincenzo Blandano 01/11/84-18/09/86;
  • Generale di Brigata Benito Pochesci 19/09/86-30/09/88;
  • Generale di Brigata Luciano Forlani 01/10/88-22/04/90;
  • Colonnello Giuseppe Giubbini Ferroni 23/04/88-01/07/90;
  • Generale di Brigata Giuseppe Battaglia 02/07/90-01/08/91;

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo D'Alessio, Morire di leva: dossier sull'Esercito italiano, 1987, pagina 80.
  • Franco Dell'Uomo, Roberto Di Rosa e Amedeo Chiusano, L'Esercito italiano verso il 2000, Volume 2, Parte 1, 2002, pagina 42.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]