È dall'amore che nasce l'uomo/29 settembre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
È dall'amore che nasce l'uomo/29 settembre
Artista Equipe 84
Tipo album Singolo
Pubblicazione marzo 1967
Dischi 1
Tracce 2
Genere Beat
Rock psichedelico
Etichetta Dischi Ricordi SRL 10-452
Produttore Pier Farri e Maurizio Vandelli
Formati 45 giri
Equipe 84 - cronologia
Singolo precedente
(1966)
Singolo successivo
(1967)
« Seduto in quel caffè io non pensavo a te

guardavo il mondo che girava intorno a me »

(Incipit di 29 settembre)

È dall'amore che nasce l'uomo/29 settembre è un 45 giri dell'Equipe 84 pubblicato dalla Dischi Ricordi nel 1967.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Alle registrazioni, effettuate presso gli Studi Ricordi, partecipò anche l'Orchestra Sinfonica della Scala di Milano.

Nel 1967 la Ricordi aveva acquistato per i propri studi di registrazione (che in quegli anni si trovavano in Via dei Cinquecento a Milano) un registratore a otto piste: fu il primo in uno studio di registrazione italiano, e la prima canzone registrata completamente con queste nuove apparecchiature fu 29 settembre dell'Equipe 84, scritta da Mogol, Lucio Battisti e Renato Angiolini. Le manipolazioni di Vandelli sul master originale e svariate sovraincisioni rendono al brano un suono particolare e cristallino.

Il disco fu pubblicato nel marzo 1967 e raggiunse la prima posizione in classifica[1].

Il 45 giri vendette circa 550 000 copie.[2]

L'anno successivo le due canzoni vennero inserite nell'album Stereoequipe.

È dall'amore che nasce l'uomo[modifica | modifica wikitesto]

Più vicina al beat rispetto a 29 settembre, È dall'amore che nasce l'uomo è scritta da Francesco Guccini sia per il testo che per la musica[3], venne firmato per la Siae da Vandelli, in quanto Guccini non era ancora iscritto.

Dopo l'iscrizione alla Siae, il deposito venne cambiato ed ora nell'archivio risulta depositata a nome di Guccini[4].

Come ha raccontato il cantautore, alla fine degli anni '90 avrebbe voluto reinciderla con il testo completo, perché l'Equipe 84 lo aveva accorciato per questioni di minutaggio; la cosa non si è però realizzata perché Guccini non ha più trovato il testo completo della canzone[5].

29 settembre[modifica | modifica wikitesto]

Questo brano è considerato il primo brano italiano di rock psichedelico[6], anticipando di tre mesi persino Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band dei Beatles, considerato il capolavoro mondiale di quel genere.

Tra gli aspetti maggiormente innovativi di questo brano, la presenza di un vero speaker radiofonico della RAI ingaggiato per l'occasione, che annuncia un giornale radio con la data del giorno in cui è ambientata la canzone e quella del giorno successivo. Ascoltando attentamente il testo, si evince che la canzone è ambientata in realtà il 30 settembre e fa riferimento al giorno precedente, il 29 appunto, come un flashback. Ciò è palese proprio nella versione dell'Equipe 84, in cui si può ascoltare lo speaker del giornale radio dire, poco dopo l'inizio: "Ieri, 29 settembre ..." e poi nella terza strofa: "Oggi, 30 settembre ...". Inoltre, sempre nella terza strofa c'è il verso: "Ricordo solo che ieri (riferito al giorno 29) non eri con me".

Il testo racconta la storia di un tradimento; il titolo, pur essendo riportato nella copertina con il numero 29, alla Siae risulta essere depositato scritto a lettere come Ventinove settembre[4], ed appare come cofirmatario il maestro Renato Angiolini, il cui nome è assente sull'etichetta del disco.

Come ha raccontato Mogol, la data del 29 settembre era il giorno del compleanno della sua prima moglie Serenella[7].

Battisti reinterpretò questa canzone nel 1969, all'uscita del suo primo album, Lucio Battisti; la sua interpretazione è più tradizionale rispetto a quella dell'Equipe. Nella sua versione, la voce dello speaker è sostituita da un assolo di chitarra.

L'Equipe 84 incise anche una versione in inglese del brano, con il testo tradotto da Tommy Scott: intitolata 29th September venne pubblicata su 45 giri con sul retro la traduzione in inglese di Auschwitz dalla Major Minor in Inghilterra e dall'Imperial Records negli Stati Uniti[8].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. 29 settembre (musica di Lucio Battisti; testo di Mogol) - Edizioni musicali Ritmi e canzoni/Edizioni musicali CAM - 2:32
  2. È dall'amore che nasce l'uomo (testo e musica di Francesco Guccini; firmato da Maurizio Vandelli) - 2:18

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I dati sulle posizioni in classifica sono ricavati dal volume di Dario Salvatori, Storia dell'hit parade, edizioni Gremese, 1989, scheda sull'Equipe 84, e dalle classifiche pubblicate nel 1967 dai settimanali Ciao amici, Big e TV Sorrisi e Canzoni e dai mensili Musica e dischi e Discografia Internazionale
  2. ^ Paolo Cucco, L'autobiografia di Lucio Battisti, in Sogno, 12 dicembre 1970.
  3. ^ «...nel novembre 1964 scrissi tre pezzi: Auschwitz, È dall'amore che nasce l'uomo e Noi non ci saremocitato in "Un altro giorno è andato: Francesco Guccini si racconta a Massimo Cotto." Firenze, Giunti, 1999, pag. 59. ISBN 88-09-02164-9.
  4. ^ a b Archivio Opere Musicali
  5. ^ Intervista pubblicata su Musica Leggera n° 12 del 2010
  6. ^ Gianfranco Salvatore, L'arcobaleno. Storia vera di Lucio Battisti vissuta da Mogol e dagli altri che c'erano, Giunti editore, 2000, Pagina 87..
  7. ^ 29 settembre, Mogol: "Una canzone moderna, il primo vero 'salto' di Lucio" - Adnkronos Spettacolo
  8. ^ http://equipe84.interfree.it/sito%204.htm

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]