283 Emma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emma
(283 Emma)
Stella madreSole
Scoperta8 febbraio 1889
ScopritoreAuguste Honoré Charlois
ClassificazioneFascia principale
FamigliaEos
Classe spettraleX
Designazioni
alternative
, 1980 FJ12
Parametri orbitali
(all'epoca JD 2458600,5
27 aprile 2019)
Semiasse maggiore456124610 km
3,0489613 au
Perielio390344413 km
2,6092541 au
Afelio521904808 km
3,4886685 au
Periodo orbitale1944,58 giorni
(5,32 anni)
Inclinazione
sull'eclittica
7,98848°
Eccentricità0,1442154
Longitudine del
nodo ascendente
303,90172°
Argom. del perielio55,10289°
Anomalia media310,90128°
Par. Tisserand (TJ)3,207 (calcolato)
Ultimo perielio18 settembre 2014
Prossimo perielio15 gennaio 2020
Dati osservativi
Magnitudine ass.8,72

283 Emma è un asteroide della fascia principale del diametro medio di circa 148,06 km. Scoperto nel 1889, presenta un'orbita caratterizzata da un semiasse maggiore pari a 3,0489613 au e da un'eccentricità di 0,1442154, inclinata di 7,98848° rispetto all'eclittica.

Stanti i suoi parametri orbitali, è considerato un membro della famiglia Eos di asteroidi.

Nel 2003 è stato individuato un satellite a cui è stata assegnata la designazione provvisoria S/2003 (283) 1.[1] Il satellite, di dimensioni non ben accertate tra i 4 e i 14 km, orbita a 581 (±3,6) km in 3,353 (±0,00093) giorni.[2]

L'origine del suo nome è sconosciuta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) S/2003 (283) 1, in Circolare IAU 8165, 27 luglio 2003. URL consultato il 15 marzo 2020.
  2. ^ (EN) (283) Emma and S/2003 (283) 1, su johnstonsarchive.net. URL consultato il 15 marzo 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


V · D · M
L'asteroide 4 Vesta

Precedente: 282 Clorinde      Successivo: 284 Amalia
Satelliti: S/2003 (283) 1


Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare