13 Voices

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
13 Voices
ArtistaSum 41
Tipo albumStudio
Pubblicazione7 ottobre 2016
Durata37:43
Dischi1
Tracce10
GenereRock alternativo
Pop punk
Punk revival
Hardcore punk
EtichettaHopeless Records
ProduttoreDeryck Whibley
RegistrazioneMr. Biz Studio, Hollywood, Los Angeles, California, giugno 2014-aprile 2016
FormatiCD, download digitale
Sum 41 - cronologia
Album successivo
Singoli
  1. Fake My Own Death
    Pubblicato: 28 giugno 2016
  2. War
    Pubblicato: 25 agosto 2016
  3. God Save Us All (Death to POP)
    Pubblicato: 29 settembre 2016

13 Voices è il sesto album in studio del gruppo musicale canadese Sum 41, pubblicato il 7 ottobre 2016 dalla Hopeless Records[1].

Il disco segna il ritorno nella band di Dave Baksh, uscito dalla formazione nel 2006, ed è il primo con il batterista Frank Zummo e il chitarrista Tom Thacker, ufficialmente nei Sum 41 dal 2011, anno in cui era stato pubblicato il precedente album di inediti, Screaming Bloody Murder.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Deryck Whibley, eccetto dove indicato.

  1. A Murder of Crows – 3:04
  2. Goddamn I'm Dead Again – 3:22
  3. Fake My Own Death – 3:14
  4. Breaking the Chain – 4:03 (Whibley, Mike Green)
  5. There Will Be Blood – 3:29 (Whibley, David Zonshine, Street Drum Corps)
  6. 13 Voices – 4:32
  7. War – 3:29 (Whibley, Green)
  8. God Save Us All (Death to POP) – 3:53
  9. The Fall and the Rise – 3:09
  10. Twisted by Design – 5:28 (Whybley, Matt Squire)
Tracce bonus nell'edizione deluxe
  1. Better Days – 2:15
  2. Black Eyes – 3:14
  3. War (Acoustic) – 3:43 (Whibley, Green)
  4. Breaking the Chain (Acoustic) – 3:48 (Whibley, Green)
Tracce bonus nell'edizione giapponese
  1. War (feat. Taka of One Ok Rock) – 3:29 (Whibley, Green)
  2. Better Days – 2:15
  3. Black Eyes – 3:14
  4. War (Acoustic) – 3:43 (Whibley, Green)
  5. Breaking the Chain (Acoustic) – 3:48 (Whibley, Green)
  6. Radio Radio (Elvis Costello Cover) – 2:52 (Elvis Costello)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Sum 41
Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2016) Posizione
massima
Australia[2] 13
Austria[2] 13
Belgio (Fiandre)[3] 38
Belgio (Vallonia)[3] 37
Canada[4] 6
Francia[2] 59
Germania[3] 9
Italia[2] 18
Nuova Zelanda (heatseekers)[5] 7
Paesi Bassi[2] 69
Regno Unito[2] 16
Spagna[2] 49
Stati Uniti[4] 22
Stati Uniti (alternative)[4] 6
Stati Uniti (digital)[4] 14
Stati Uniti (independent)[4] 5
Stati Uniti (rock)[4] 7
Svizzera[2] 14

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sum 41 announce comeback album, '13 Voices', Alternative Press, 6 giugno 2016. URL consultato il 6 giugno 2016.
  2. ^ a b c d e f g h (EN) 13 Voices by Sum 41, aCharts.co. URL consultato il 29 ottobre 2016.
  3. ^ a b c (NL) Sum 41 - 13 Voices, Ultratop. URL consultato il 29 ottobre 2016.
  4. ^ a b c d e f (EN) Sum 41 - CHart history, Billboard. URL consultato il 29 ottobre 2016.
  5. ^ (EN) Albums Chart -17 October 2016, NZ Top 40. URL consultato il 29 ottobre 2016.
Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk