105/14 Mod. 1917

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
105/14 Mod. 1917/1939
Tipo obice campale
Origine Italia Italia
Impiego
Utilizzatori ItaliaRegio Esercito
Conflitti seconda guerra mondiale
Produzione
Progettista Schneider
Data progettazione 1917
Costruttore Ansaldo
Entrata in servizio 1939
Ritiro dal servizio 1945
Descrizione
Peso 1 400 kg
Lunghezza canna 1,47 m
Peso proiettile 16,1 kg
Velocità alla volata 442 m/s
Gittata massima 8 100 m
Elevazione -5/+70°
Angolo di tiro
voci di armi d'artiglieria presenti su Wikipedia

L'obice 105/14 Mod. 1917/1939 fu utilizzato dall'artiglieria del Regio Esercito nel corso della seconda guerra mondiale. Progettato alla fine della prima guerra mondiale, fu omologato per il servizio solo nell'imminenza della seconda guerra mondiale.

L'origine[modifica | modifica wikitesto]

Fino all'inizio della prima guerra mondiale il principale fornitore dell'artiglieria italiana era stata la ditta Krupp.[1] Con l'entrata in guerra della Germania e la denuncia della Triplice alleanza da parte dell'Italia, la Krupp evitò di rifornire di artiglierie uno stato all'epoca neutrale, ma potenzialmente nemico.

L'obice era stato progettato dalla ditta Schneider nel 1906 e, in tale data, era stato scartato in un concorso indetto dal Regio Esercito[2] per munirsi di un nuovo pezzo da campagna. Tuttavia, pressati dalle esigenze belliche, gli organi tecnici dell'esercito spinsero l'Ansaldo a costruirne un certo numero nel periodo 1917-19.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Prototipo del semovente da 105/14 su scafo Renault FT.

Nel 1918 venne effettuato un tentativo di creare un semovente montando il 105/14 scudato sullo scafo del carro Renault FT, senza che risultino ulteriori sviluppi di tale mezzo.[3] Da una fotografia,[4] risulta che questo prototipo fosse stato presentato alla Famiglia Reale, a Roma, il 1º aprile 1919 (assieme ad alcuni Renault FT, all'unico Schneider CA1 ceduto dalla Francia e ad uno dei due Fiat 2000, cui per l'occasione erano stati applicati, al posto di due-tre mitragliatrici, cannoni da 37 mm). Il semovente (peraltro con una configurazione identica ad un mezzo francese, sempre sull'FT e con obice da 105 mm) non fu mai utilizzato; non si conosce nemmeno la sua sorte finale. Non se ne ebbero più notizie fin dagli anni venti.

La tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La bocca da fuoco era con otturatore a vitone e con la rigatura della canna progressiva.

L'affusto era a culla a deformazione, a coda unica scatolata e scudato. L'obice era previsto per il traino animale, quindi le ruote erano in legno ed a raggi. Successivamente alcuni pezzi furono equipaggiati con ruote metalliche e pneumatici per il traino meccanico. Nel traino la coda dell'affusto era appoggiata su un apposito avantreno.

L'impiego[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della prima guerra mondiale furono prodotte alcune centinaia di pezzi,[2] acquistati dal Regio Esercito, ma mai distribuiti ai reparti per mancanza di un munizionamento che desse prestazioni sufficienti (con il munizionamento dell'epoca la gittata era poco più di 6 km).[3] Dopo la prima guerra mondiale, con l'acquisizione dell'obice 100/17, di prestazioni superiori, il 105/14 fu passato in riserva ed immagazzinato presso la Direzione di Artiglieria di Venezia.

Quando si avvicinò la seconda guerra mondiale gli obici tenuti in deposito furono revisionati e ad alcuni furono sostituite le ruote in legno con ruote metalliche per il traino meccanico, al 1º ottobre 1939 erano in linea 120 di questi pezzi.[5] Il munizionamento utilizzato fu quello già previsto per il cannone 105/28,[6] che portò la gittata, se non a valori eccezionali, almeno a valori accettabili (circa 8 km). L'uso principale del pezzo fu in postazioni fisse[7] in dotazione alla GAF.

Gli obici catturati dai tedeschi dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 furono ridenominati 10,5 cm leFH 326(i).

Successivamente alla seconda guerra mondiale i pezzi rimasero in servizio, anche se non distribuiti ai reparti[8] almeno fino al 1955.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filippo Cappellano, Le artiglierie terrestri dell'Ansaldo nella Grande Guerra, p. 4.
  2. ^ a b Filippo Cappellano, Le artiglierie terrestri dell'Ansaldo nella Grande Guerra, p. 12.
  3. ^ a b Filippo Cappellano, Le artiglierie terrestri dell'Ansaldo nella Grande Guerra, p. 13.
  4. ^ Italtank, utenti.quipo.it. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  5. ^ Filippo Cappellano, Le artiglierie terrestri dell'Ansaldo nella Grande Guerra, p. 282.
  6. ^ Filippo Cappellano, Le artiglierie terrestri dell'Ansaldo nella Grande Guerra, p. 277.
  7. ^ Artiglieria della Grande Guerra, icsm.it. URL consultato il 4 gennaio 2011. e F. Cappellano, Le artiglierie del Regio esercito... pag 277.
  8. ^ Vedi pubblicazione n.5081 - Armi e mezzi in dotazione all'Esercito del 1955, citata da Antarers, art. cit. pag 25.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antares, Armamenti italiani 1945-1970, su Storia Militare N° 197, Febbraio 2010, pag 21-32
  • Filippo Cappellano, Le artiglierie del Regio Esercito nella seconda guerra mondiale, Albertelli Edizioni Speciali, Parma, 1998, ISBN 88-87372-03-9
  • Filippo Cappellano, Le artiglierie terrestri dell'Ansaldo nella Grande Guerra, su Storia Militare N° 51, Dicembre 1997, pag 4-13
  • Chamberlain, Peter & Gander, Terry. Light and Medium Field Artillery. New York: Arco, 1975
  • Gander, Terry and Chamberlain, Peter. Weapons of the Third Reich: An Encyclopedic Survey of All Small Arms, Artillery and Special Weapons of the German Land Forces 1939-1945. New York: Doubleday, 1979 ISBN 0-385-15090-3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerra