104th Infantry Division

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
104th Infantry Division
104TrngDivLdrTrngSSI.svg
Stemma della 104th Infantry Division
Descrizione generale
Attiva1921–1945
1946-Presente
NazioneStati Uniti Stati Uniti
ServizioFlag of the United States Army.svg Esercito
TipoDivisione
RuoloFanteria
SoprannomeTimberwolves[1]
MottoNothing in hell can stop the Timberwolves[2]
Battaglie/guerre
Comandanti
Comandante attualeBrigadier Generale Darrell J. Guthrie
Degni di notaTerry de la Mesa Allen, Sr.
Simboli
Distinctive Unit Insegna104TrngDivLdrTrngDUILeft.jpg
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 104th Infantry Division (104ª Divisione di fanteria) era una divisione di fanteria dell'esercito degli Stati Uniti che ha partecipato alla Seconda guerra mondiale.

Fu attivata per la prima volta nel 1921 come parte della United States Army Reserve per gli stati di Nevada, Utah, Wyoming e Idaho[3] ed il 15 settembre 1942 venne chiamata in servizio attivo in seguito all'entrata degli Stati Uniti nella Seconda guerra mondiale, venendo organizzata a Camp Adair in Oregon.[4] Dopo aver prestato servizio nel teatro di guerra europeo, nel giugno 1945 fece ritorno in patria in quanto selezionata per essere trasferita nel teatro del Pacifico ma la guerra terminò prima che lasciasse gli Stati Uniti[5] e venne disattivata il 20 dicembre 1945.[6]

Il 1 dicembre 1946 fu riattivata a Portland in Oregon tornando a far parte della riserva per gli stati di Washington ed Oregon[7], nel 1959 fu riorganizzata in un'unità di addestramento e ridisegnata 104th Division (Training).[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Special Designation Listing, su http://www.history.army.mil/. URL consultato il 25 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2009).
  2. ^ La 104th Infantry Division nella Seconda guerra mondiale, su http://www.history.army.mil/. URL consultato il 29 luglio 2016.
  3. ^ Wilson, Pagina 103 - Table 9
  4. ^ Wilson, Pagina 171 - Table 13
  5. ^ Wilson, Pagina 200
  6. ^ Wilson, Pagina 210 - Table 17
  7. ^ Wilson, Pagina 220 - Table 19
  8. ^ Wilson, Pagina 284

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]