0 A.D.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la voce sull'anno 0, vedi Anno 0.
0 A.D.
videogioco
0 A.D. logo.png
PiattaformaLinux, Microsoft Windows, Mac OS, GNU
Data di pubblicazione16 agosto 2010 (versione alpha 0.0.01)
Mondo/non specificato TBA
(versione definitiva)
GenereStrategia in tempo reale
TemaStoria antica
OrigineStati Uniti
SviluppoWildfire Games
PubblicazioneSoftware libero
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputTastiera, mouse
Motore graficoPyrogenesis
SupportoDistribuzione digitale
Requisiti di sistemaMinimi: Windows 2000 / GNU/Linux / Mac OS, CPU 1 GHz, RAM 512Mb, Scheda video 64 Mb Geforce3/Radeon 8500 (o equivalenti), connessione Internet

Consigliati: Windows 2000 / Linux / Mac OS, CPU 1,6 GHz, RAM 1024Mb, Scheda video 256 Mb Geforce6/Radeon 9800 (o equivalenti), connessione Internet

0 A.D.
software
Logo
Schermata di esempio
SviluppatoreWildfire Games
Data prima versionegiugno 2001
Ultima alfa0.0.25b (26 agosto 2021)
LinguaggioC++
JavaScript
ToolkitSimple DirectMedia Layer e OpenGL
LicenzaGNU GPL v2 e Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported
(licenza libera)
Sito webplay0ad.com

0 A.D. è un videogioco di strategia in tempo reale libero, open source, e multipiattaforma in fase di sviluppo da Wildfire Games, ed disponibile per GNU/Linux, OpenBSD, Windows, e macOS.[1] È un videogioco storico di guerra ed economia, incentrato sul periodo compreso tra il 500 a.C. e il 500 d.C.[2] e mira ad essere un gioco completamente libero, pubblicando il motore grafico con licenza GNU GPL v2+ e contenuti artistici con licenza CC BY-SA.

Il gioco è in fase di sviluppo dal 2000, anche se il lavoro fattivamente è partito nel 2003. È in versione alpha (ad agosto 2021 è in versione alpha 25[3]) e non vi è ancora una data ufficiale per la pubblicazione della versione definitiva.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto 0 A.D. è partito nel 2001, e inizialmente consisteva in una gigantesca mod di conversione per Age of Empires II, intitolata Rome at War, con l'obiettivo di introdurre gli antichi Romani come popolazione giocabile. Il progetto, però, cambiò presto direzione, e nel 2002 diventò la realizzazione un videogioco completo ed indipendente, basato sulle idee del team.[5][6][7]

Nel novembre del 2008 gli sviluppatori hanno confermato che il progetto sarebbe stato pubblicato come open source.[8] Il 10 luglio 2009, la Wildfire Games ha pubblicato il codice sorgente di 0 A.D. sotto licenza GPL 2, e ha reso il contenuto artistico sotto licenza CC-BY-SA.[9][10][11][12]

Attorno al 23 marzo 2010 vi erano circa 10-15 persone occupate nello sviluppo di 0 A.D., ma da quando il progetto è partito vi sono stati oltre 100 contributori.[13]

Il 7 settembre 2012, con l'uscita della versione Alfa 11, sono stati introdotti alcuni codici per attivare i trucchi.[14]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Schermata del gioco con la mappa Cycladic Archipelago

Le principali componenti di 0 A.D. rispecchiano le classiche caratteristiche di un videogioco strategico in tempo reale come costruire una città, addestrare l'esercito, espandersi, combattere e ricercare tecnologie.[15] Il gioco riguarda lo sviluppo economico e la guerra, con diverse età da sbloccare.[2] La Wildfire Games punta a fornire un'esperienza che sia innovativa ma allo stesso tempo familiare, focalizzandosi per lo più sull'aspetto militare dei videogiochi strategici in tempo reale. Il gioco sarà molto aderente alla storia e molto attento alla sua accuratezza, senza che questo influisca negativamente sull'esperienza di gioco. Si propone inoltre di avere un grande grado di rigiocabilità, dato che la realizzazione di mod è abbastanza semplice, e grazie anche alla formazione di una grande community online. Il giocatore dovrà costruire una città e un esercito seguendo le classiche regole dei videogiochi di strategia in tempo reale, accumulando risorse e costruendo edifici ed avanzerà di età. Il gioco includerà diverse unità ed edifici specifici di ogni civiltà così come unità di terra e navali.

Sono presenti modalità sia in giocatore singolo che in multigiocatore.[16] Le funzionalità del multiplayer che è stata implementata è peer-to-peer ed è stato confermato che non ci sarà un server centrale.[17]

Civiltà[modifica | modifica wikitesto]

Schermata del gioco con una città cartaginese nella versione Alpha XI Kronos

0 A.D. permetterà al giocatore di controllare una qualsiasi delle civiltà dell'antichità a disposizione:[18]

  • Cartaginesi: apparsi per la prima volta in Alpha 7-Geronium, possiedono la flotta più potente del gioco e la migliore abilità commerciale, una doppia fila di mura non disponibile alle altre fazioni, e un esercito composto da costosi mercenari della Libia, della Numidia e della Mauritania. Dispongono anche di tre tipi di ambasciate: quella iberica, quella gallica e quella italica. Le loro migliori unità sono gli elefanti da guerra e il Battaglione sacro. I loro tre eroi sono Annibale, Maarbale e Amilcare Barca.
  • Celti: una delle due civiltà iniziali, sono eccellenti nel combattimento corpo a corpo, ma hanno unità navali e d'assedio scarsi. Le loro costruzioni sono principalmente in legno, che sono veloci ed economiche da costruire, ma anche meno resistenti degli equivalenti edifici in pietra. A partire dalla 11-Kronos sono divisi in Gallia e Britannia.
    • Britanni: dispongono di cani da caccia, arcieri su carri da guerra e potenti spadaccini a lama lunga, e dalla versione 21-Ulysses anche del Crannog, un porto rinforzato che funge da centro civico costiero. I loro eroi sono Boadicea, Carataco e Cunobelino.
    • Galli: possiedono la Gristmill, sono l'unica fazione in grado di reclutare i Gesati, ossia i fanatici con lancia, e possiedono la migliore fanteria e cavalleria tra i Celti. I loro eroi sono Brenno, Viridomaro e Vercingetorige.
  • Greci: la seconda delle civiltà iniziali, condividono edifici robusti, trireme resistenti, tecnologie più economiche e la classica e tipica formazione a falange, letale soprattutto negli attacchi frontali. A partire dalla versione 10-Jhelum, gli Ellenici si dividono in 3 fazioni: Atene, Sparta e Macedonia.
    • Ateniesi: possiedono una forte cultura, grazie alla possibilità di costruire edifici con caratteristiche uniche come il teatro, il Prythaneion e il ginnasio. Inoltre la flotta ateniese è la più potente tra quelle della Grecia. I loro eroi sono Ificrate, Pericle e Temistocle, tutti fanti con lancia.
    • Spartani: hanno la fanteria meno varia tra i popoli ellenici e non possono costruire mura, ma sono i migliori a usare la fanteria nella formazione a falange, e dispongono anche del Syssition, ovvero la mensa militare, dove si reclutano gli Spartiati, l'unità di fanteria con lancia più forte del gioco. I loro eroi sono Agide III, Brasida e Leonida I, tutti fanti con lancia.
    • Macedoni: possiedono un esercito vario e completo, la cui fanteria è in grado di disporsi nella tipica formazione a falange macedone detta syntagma. Possiedono anche l'Elepoli, una gigantesca torre d'assalto a più piani in legno all'interno della quale possono disporsi un gran numero di arcieri. I loro eroi sono Filippo II, Alessandro III e Demetrio I.
  • Indiani Maurya: l'impero Maurya, regnante sull'India, è stata una civiltà in fase di sviluppo fino alle ultime versioni del gioco, e compare per la prima volta in Alpha 13-Magadha. Possono disporre di 3 tipi di elefanti: uno da guerra, uno guidato da un arciere e anche uno da lavoro che assiste le donne nella costruzione e funge anche da magazzino mobile (ma non raccogliere risorse). Inoltre hanno accesso a 4 unità campione, invece delle 2 delle altre civiltà, tra cui i carri da guerra e le donne guerriere, e tramite un'apposita tecnologia, possono anche catturare elefanti Gaia (cioè appartenenti a nessuna fazione - non ancora implementato). I loro arcieri possiedono la maggiore gittata del gioco (a disposizione tramite un potenziamento acquistabile nella caserma). Infine, il loro limite di popolazione assoluto aumenta del 10% (per esempio, invece di 300, i Maurya avranno una popolazione massima assoluta di 330). I loro eroi sono Acharya Chanakya, Chandragupta Maurya e Ashoka il Grande.
  • Iberi: introdotti in Alpha 5-Edetania, si contraddistinguono per la fanteria più rapida sia nei movimenti sia nel tiro, in particolare i frombolieri Balearici. Le unità campione a cavallo sono in grado di tirare anche proiettili infuocati, efficaci contro qualsiasi tipologia di struttura, mentre l'acciaio di Toledo ricercabile nella Forgia garantisce ai guerrieri un miglior armamentario in metallo. Come se non bastasse, la loro cavalleria è la più economica, e i loro guerrieri élite possono causare gravi danni anche in inferiorità numerica. I loro eroi sono Caros, Vindibale e Viriato.
  • Persiani: comparsi per la prima volta nella versione 8-Haxamanis, sono la civiltà più cosmopolita, e possono arruolare una grande varietà di truppe dalle loro satrapie, come arcieri sogdiani cavalleggeri medi, giavellottisti ausiliari anatolici, arcieri a cavallo iraniani, lancieri a cavallo cappadoci e carri falcati babilonesi. Le loro unità di fanteria sono deboli e poco equipaggiate, ma possono essere ammassate in grossa quantità. La loro cavalleria è la più forte (ma anche la più costosa) del gioco, e i Persiani sono l'unica civiltà a poter disporre di qualunque tipo di unità a cavallo. I loro edifici sono anche i più resistenti nel gioco, e dispongono anche di una tecnologia che aumenta la loro resistenza al prezzo di maggior tempo di costruzione. I loro eroi sono Ciro II, Dario I e Serse I.
  • Romani: questa versione repubblicana dei Romani, apparsa per la prima volta nella versione 9-Ides of March, è in grado di addestrare la fanteria con spada più forte del gioco, gli Hastati, e di assemblare le migliori macchine da assedio. I Romani possono anche costruire muri d'assedio in territorio neutrale e nemico per circondare le città nemiche. I loro 3 eroi sono tutti spadaccini di cavalleria, e sono Publio Cornelio Scipione, Marco Claudio Marcello e Quinto Fabio Massimo.
  • Seleucidi: sono il più largo regno nato dopo la morte di Alessandro Magno, ed esordiscono nella versione 16-Patañjali. Dalla loro apposita fortezza (disponibile dalla fase Città) è possibile scegliere se mantenersi all'esercito tradizionale (sbloccando i Carri falcati e i Picchieri dallo Scudo Argentato) oppure riformarlo (sbloccando lo Spadaccino Romanizzato e il Catafratto Seleucida). Dopo il centro civico iniziale, sarà possibile costruirne altri solo dopo aver reclutato un eroe, reclutabile direttamente da essi; in compenso, si potranno costruire degli avamposti militari, un poco deboli ma abbastanza economici. I loro eroi sono Seleuco I, Antioco III e Antioco IV.
  • Tolemaici: sono la trentatreesima ed ultima dinastia d'Egitto e uno dei Diadochi nati dopo la morte di Alessandro Magno, e compaiono nella versione 15-Osiris. Dispongono di varie tecnologie di agricoltura, il che migliora la raccolta di cibo, e di una varietà di mercenari. Dopo il centro civico iniziale, sarà possibile costruirne altri solo dopo aver reclutato un eroe, reclutabile direttamente da essi; in compenso, si potranno costruire degli avamposti militari, un poco deboli ma abbastanza economici. I Tolemaici possono anche catturare elefanti e cammelli appartenenti a Gaia (cioè neutrali - non ancora implementato). I loro tre eroi sono Tolomeo I, Tolomeo IV e Cleopatra VII.
  • Kushiti: sono un antico regno africano situato tra il Nilo blu, il Nilo bianco e il fiume Atbara in quella che è ora la repubblica del Sudan, ed esordiscono nella versione 23-Ken Wood. Il regno di Kush inizia ogni partita con l'aggiunta di un sacerdote curatore, e possiede una particolare tipologia di edifici, ossia le loro esclusive piramidi (che aumentano l'influenza dei centri città del 10%, ma il prezzo di costruzione di una nuova aumenta per ogni piramide costruita in precedenza) e il Grande Tempio di Amon (che diminuisce la salute degli eroi). Possiedono una vasta scelta di unità da reclutare, tra cui possenti elefanti e torri d'assedio e persino due tipologie di unità inedite, ossia il soldato con la mazza e il razziatore del deserto, e dal tempio possono reclutare la Guardia del tempio di Meroe, una forte unità campione in grado di infliggere danni bonus contro le unità campione nemiche. I loro eroi sono Nastasen, Amanirenas e Arakamani.

Cronologia delle versioni[modifica | modifica wikitesto]

Versione Nome Data di pubblicazione Caratteristiche
Pre-Alfa 1 2 aprile 2010 [19][20]
2 12 giugno 2010 [21][22]
3 11 luglio 2010 [22][23]
Alfa 1 Argonaut 16 agosto 2010 Prima versione Alfa giocabile[24][25][26][27]
2 Bellerophon 20 ottobre 2010 Condizioni di vittoria, nebbia di guerra, raggruppamento unità e nuova interfaccia grafica utente.[25][28]
3 Cerberus 11 dicembre 2010 Introdotte le statistiche di partita, e i guerrieri possono conquistare gli edifici.[25][29]
4 Daedalus 12 marzo 2011 Intelligenza Artificiale migliorata previa prima e nuova Alfa.[25][30]
5 Edetania 20 maggio 2011 Entrano per la prima volta in gioco gli Iberi, più un nuovo generatore di mappe casuali.[25][31]
6 Fortuna 10 luglio 2011 Introdotti nuovi comandi delle unità.[25][32]
7 Geronium 17 settembre 2011 I Cartaginesi entrano in gioco. Nuove caratteristiche di gioco: design di territorio migliorato, nuovo design del menu principale, molti nuovi brani musicali, e nuove mappe.[33][34]
8 Haxāmaniš 23 dicembre 2011 I Persiani sono la nuova civiltà nel gioco. Nuove caratteristiche di gioco: supporto per salvataggio e caricamento partita, supporto di riconnessione multigiocatore, IA migliorata, e 3 nuovi brani musicali.[35]
9 Ides of March 15 marzo 2012 Entrano per la prima volta i Romani. Nuove caratteristiche di gioco: sistema di scambio, nuovo sistema di battaglia, IA migliorata, nuove mappe casuali, e nuove animazioni.[36]
10 Jhelum 16 maggio 2012 Gli Ellenici si dividono in Ateniesi, Spartani e Macedoni. Nuove caratteristiche di gioco: nuove tecnologie base, mura costruibili anche trascinando il mouse, cura, effetti spettacolari, e nuove opzioni grafiche.[37]
11 Kronos 7 settembre 2012 I Celti si dividono in Britanni e Galli. Porte nelle mura e nuova grafica.[38]
12 Loucetios 17 dicembre 2012 Nuove caratteristiche di gioco: diplomazia, unità d'assedio capaci di chiudersi, ordini di formazione, Eroi, possibilità di eliminare animali domestici con le armi da mischia, tasti di scelta rapida per le unità, nuove opzioni di inizio partita, e 5 nuove mappe casuali.[39]
13 Magadha 2 aprile 2013 Fanno la loro comparsa gli Indiani Maurya. Migliorate l'Intelligenza Artificiale, l'interfaccia e le animazioni delle strutture. Nuove caratteristiche di gioco: livelli di difficoltà, comando attacco in movimento, nuove musiche e effetti ambientali. Introdotto anche il Supporto per le Mod ed un nuovo debugger JavaScript[40]
14 Naukratis 4 settembre 2013 Nuove caratteristiche di gioco: fabbri; migliorate le fattorie; armature esponenziali; stato di salute più realistico; guadagno commerciale condiviso con gli alleati; unità da tiro migliorate.[41]
15 Osiris 24 dicembre 2013 Nuove caratteristiche di gioco come lobby multiplayer e Aure degli eroi, comparsa degli Egizi Tolemaici, e nuove mappe per Schermaglia[42]
16 Patañjali 17 maggio 2014 Entrano in scena i Seleucidi, presente una traduzione in varie lingue (catalano, ceco, olandese, inglese, francese, galizio, tedesco, italiano, portoghese, gaelico e spagnolo), nuove animazioni per formazioni come la testudo romana o la syntagma per macedoni, tolemaici e seleucidi, nuovo allarme che permette alle unità di rifugiarsi all'interno degli edifici, nuova condizione di vittoria (Meraviglia, ossia vince chi costruisce una Meraviglia e la mantiene per almeno cinque minuti), menu revisionati o estesi.[43]
17 Quercus 12 ottobre 2014 Le unità possiedono punti forza migliorati e possono anche salire sulle mura. Nuovo sistema di eventi, una nuova mappa casuale e una di schermaglia, e nuova gestione di mod. Inoltre, è possibile visualizzare i profili degli altri giocatori, con le loro statistiche globali.[44]
18 Rhododactilos 13 marzo 2015 Nuova modalità di gioco "Nomade" (soltanto cittadini all'inizio), introdotto l'albero tecnologico, nuovi edifici per i Seleucidi, e prestazioni migliorate.[45]
19 Syllepsis 26 novembre 2015 Replay, orientamento migliorato, tregue, tre nuove mappe schermaglia, possibilità di conquistare/catturare edifici e macchine da guerra, e di coordinare gli attacchi ai nemici tramite gli alleati, e una nuova condizione di vittoria (Conquista Strutture, ossia la conquista o la distruzione tutte le strutture nemiche). Inoltre, il Faro tolemaico può visualizzare le superfici costiere dell'intera mappa.[46]
20 Timosthenes 31 marzo 2016 Otto nuove mappe, menu riprogettati, possibilità di annullare il raggio minimo delle torri o di usare i magazzini degli alleati (entrambi tramite una tecnologia), e di saccheggiare risorse portate dai nemici uccisi, e lobby migliorati nel multiplayer.[47]
21 Ulysses 8 novembre 2016 Unità ed edifici aggiornabili (ad esempio le Torri di Sentinella possono diventare Torri di Difesa), revisione dei Seleucidi con nuovi modelli delle strutture (stessa cosa per Fortezza e Taverna galliche e Colonia Militare tolemaica), nuova condizione di vittoria (Regicidio/Eroicidio, dove perde la partita chi perde il proprio eroe), nuova modalità di gioco (Ultimo in piedi, con alleanze temporanee fino a che non rimane una sola squadra e alla fine solo un giocatore, valido per tutte le condizioni di vittoria), Tempio di Vesta per i Romani e Porte di Ishtar per i Persiani, funzionalità di sentinelle, e nuove mappe (undici casuali e due di schermaglia)[48].
22 Venustas 26 luglio 2017 Grafica e IA migliorate, nuovo tutorial, dodici nuove mappe, due nuovi brani musicali, una nuova condizione di vittoria (Reliquie), Aura dell'Eroe, bonus di squadra, grafici nella schermata dei risultati, e introduzione dello spionaggio (consente di corrompere temporaneamente un'unità nemica al prezzo di una certa quantità di metallo)[49].
23 Ken Wood[50]
  • 17 maggio 2018
  • 23 dicembre 2018
Fa la sua comparsa una nuova fazione: i Kushiti. Nuove caratteristiche: possibilità di combinare condizioni di vittoria diverse (regicidio, meraviglia e conquista), modalità "Nomade" implementata in tutte le mappe casuali, colori diplomatici, visualizzazione tiro a distanza, sette nuove mappe, danni da distruzione, autenticazione del lobby per impedire false identità, e possibilità di vedere informazioni su unità ed edifici durante il gioco[51]. Questa versione Alpha 23 è stata poi ridistribuita dopo la riparazione di alcuni bug (compresi quelli ai lobby) e la risoluzione di vari problemi legali e di sicurezza[52].
24 Xšayāršā 20 febbraio 2021 Ribilanciamento delle civiltà, che ora dispongono anche di caserme, scuderie e fabbriche di macchine d'assedio separate; gli eroi sono addestrabili una volta sola per partita; introdotti le voci per le unità persiane e kushite nelle loro lingue; i cittadini donna e soldato possono ora costruire tutte le strutture; le fortezze non addestrano più soldati, e mantengono quindi il loro status difensivo e territoriale; è possibile usare il tasto Ctrl per incollare edifici in costruzione ad altri edifici; popolazione mondiale ridistribuita tra i giocatori; possibilità di sfogliare le mappe; introduzione panoramica Catafalchi; le unità presentano nuovi modelli e animazioni; sette nuove mappe (Valli dell'Atlante, Vesuvio, Odeska Bog giorno e notte, Butte di Sahyadri, Fattoria, Sentiero Temperato e Costa Oceanica).[53]
25 Yaunā 8 agosto 2021 Pathfinding migliorato, nuovo ribilanciamento delle civiltà, coda automatica per le unità, segnale per le mappe, nuove opzioni grafiche, miglioramenti dell'interfaccia, nuovi biomi (tra cui l'Isola di Meroe), ristrutturazione degli ordini (è ora possibile spostare i nuovi ordini nelle code di produzione), quattro nuove mappe (Crocodilopoli, Mileto, Alipiani gallici e Scogliere bianche di Dover), e nuovo supporto d'interfaccia campagna, che consente di creare e modificare le proprie campagne.[54]

Lista brani musicali attuale[modifica | modifica wikitesto]

Al momento sono presenti ben 32 brani musicali, più altri tre futuri. È possibile scaricare l'intera colonna sonora dal sito ufficiale del gioco. Alcune mod aggiungono anche altre musiche.

  1. Honor Bound (menu principale) - 02:46
  2. The Road Ahead - 05:05
  3. Elysian Fields - 05:22
  4. Peaks of Atlas - 02:58
  5. Tale of Warriors - 02:44
  6. Forging a City-State - 03:31
  7. Highland Mist - 03:58
  8. Ammon-Ra - 02:37
  9. Water's Edge - 03:08
  10. Helen Leaves Sparta - 04:19
  11. In the Shadow of Olympus - 04:05
  12. Sands of Time - 04:12
  13. An Old Warhorse Goes to Pasture - 03:23
  14. Sunrise - 01:26
  15. First Sighting - 01:49
  16. Juno Protect You - 04:09
  17. Cisalpine Gaul - 02:54
  18. Valley of the Nile - 01:56
  19. Celtica - 03:01
  20. The Hellespont - 02:08
  21. Mediterranean Waves - 04:27
  22. Harvest Festival - 03:41
  23. Tavern in the Mist - 02:36
  24. Rise of Macedon - 04:00
  25. Celtic Pride - 03:15
  26. Karmic Influence - 01:46
  27. Harsh Lands Rugged People - 02:33
  28. Eastern Dreams - 03:49
  29. Land Between the Two Seas - 02:11
  30. Elusive Predator - 02:57
  31. Calm Before the Storm - 02:22
  32. Dried Tears (Sconfitta) - 01:23
  33. Main Theme (bonus) - ?
  34. Main Theme (versione 8 bit) - ?
  35. Roman Battle - ?

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 0 AD è stato votato nella top 100 dei migliori Mod Indie dell'anno (non era ancora uscita la pre-alfa). Nel 2009, oltre che a ricevere lo stesso risultato di voto nella classifica, si è classificato terzo nella classifica Player's Choice Upcoming Indie tra i Giochi dell'Anno. Nel 2010 si è qualificato tra i migliori Indie in produzione dell'anno, e nel 2012 si è classificato secondo nella stessa competizione. Nel giugno 2012 è stato votato come progetto SourceForge del mese.

Mod[modifica | modifica wikitesto]

Com'è naturale per progetti in open-source, il gioco presenta anche varie mod.

Titolo mod Testo del titolo
Terra Magna In origine Rise of the East, questa mod, già disponibile per la versione Alfa 21, ha incluso la Dinastia Han, rappresentante i Cinesi. Successivamente ha incluso i Zapotechi e gli Xiongnu.
Millennium A.D. Include Carolingi, Bizantini, Anglo-sassoni e Nordici.
Ponies Ascendant Nata nel 2014, questa mod, inclusa a partire dalla versione Alfa 23, include i Pegasi, gli Unicorni e i Pony terrestri.
Delenda Est Include nuovi bilanciamenti delle unità, un nuovo albero tecnologico con nuove tecnologie uniche, nuove strutture (ovvero la Statua del Culto, il Poligono da Tiro, la Scuderia e il Laboratorio), quattro nuove fazioni (Cinesi Han, Romani principati, Epiroti e Tebani, più gli Sciti per la prossima Alfa 24), nuove mappe, campi mercenari conquistabili con nuove unità mercenarie, una nuova risorsa (la Gloria), una nuova fase (la Fase Imperiale, Empire Phase) e molto altro ancora.
Aristeia Age of Bronze Pacchetto di civiltà che include gli Egiziani Saitici, gli Achei, gli Assiri e i Giudaici divisi
Hyrule Conquest Conversione totale del gioco ambientata nel mondo di The Legend of Zelda e attualmente nella versione 0.3.
Oniversalis: Age of Exploration Conversione totale del gioco ambientata nell'epoca delle scoperte, ancora in fase di produzione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Christopher Tozzi, 0 A.D. Promises Real Gaming for Ubuntu, su thevarguy.com, The Var Guy, 13 ottobre 2009. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2011).
  2. ^ a b (EN) Justin McElroy, The Joystiq Indie Pitch: 0 A.D., su joystiq.com, The Joystiq Indie, 13 luglio 2010. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  3. ^ Re-release of 0 A.D. Alpha 25: Yaunā, su play0ad.com, 26 agosto 2021. URL consultato il 29 agosto 2021.
  4. ^ (EN) IAN RIDGWELL, An interview with Wildfire Games, su geek-haven.com, Geek Haven, 20 giugno 2011. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2011).
  5. ^ (EN) Jason Adams, A First-Look at 0 A.D., su gamedev.net. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2011).
  6. ^ (EN) How long has 0 A.D. been in development?, su wildfiregames.com. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2011).
  7. ^ (EN) Baptiste Domps, Wikinews interviews 0 A.D. game development team, su en.wikinews.org, Wikinews, 22 marzo 2011. URL consultato il 24 settembre 2011.
  8. ^ (EN) Does everyone like the Revision Log?, su wildfiregames.com. URL consultato il 24 settembre 2011.
  9. ^ (EN) 0 A.D. Goes Open Source, su games.slashdot.org, Moddb.com, 15 luglio 2009. URL consultato il 24 settembre 2011.
  10. ^ (EN) Real-time strategy game 0 A.D. goes open source, su h-online.com, The H Open Source, 14 luglio 2009. URL consultato il 24 settembre 2011.
  11. ^ (EN) Charlie, 0 A.D. Now Open Source, su freegamer.blogspot.com, Free Gamer, 13 luglio 2009. URL consultato il 24 settembre 2011.
  12. ^ (EN) feneur, 0 A.D. development moves to open source, su wildfiregames.com, 10 luglio 2009. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2009).
  13. ^ (EN) Christopher Tozzi, RTS Game 0 A.D. Needs You!, su thevarguy.com, The Var Guy, 23 maggio 2010. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2012).
  14. ^ (EN) Wildfire Games, Cheat codes, su trac.wildfiregames.com, Wildfire Games, 7 settembre 2012. URL consultato il 12 settembre 2012.
  15. ^ (EN) 0 A.D. - PC - IGN, su pc.ign.com, IGN. URL consultato il 24 settembre 2011.
  16. ^ (EN) John Knight, 0 A.D.—Stunning Real-Time Strategy Game, su linuxjournal.com, Linux Journal, 1º gennaio 2011. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2011).
  17. ^ (EN) Scipii, Wildfire Games Interview, su heavengames.com, HeavenGames, 17 dicembre 2009. URL consultato il 24 settembre 2011.
  18. ^ (EN) Factions :: 0 A.D. :: Wildfire Games, su wildfiregames.com, Wildfire Games. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  19. ^ (EN) Jeru, 0 A.D. Debuts Pre-Alpha Version, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 2 aprile 2010. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  20. ^ (EN) Christopher Tozzi, 0 A.D. Releases Alpha Build, Launches PPA, su thevarguy.com, The Var Guy, 2 luglio 2010. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  21. ^ (EN) Jeru, 0 A.D. Pre-Alpha 2 Released, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 12 maggio 2010. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  22. ^ a b (EN) Christopher Tozzi, 0 A.D. Reaches Third Pre-Alpha Release, su thevarguy.com, The Var Guy, 19 agosto 2010. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  23. ^ (EN) Jeru, 0 A.D. Pre Alpha 3 Released, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 11 luglio 2011. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  24. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D. Alpha 1 Argonaut, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 16 agosto 2010. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  25. ^ a b c d e f (EN) Christopher Tozzi, Open Source Game 0 A.D. Making Leaps and Bounds, su thevarguy.com, The Var Guy, 22 luglio 2011. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  26. ^ Julius, 0 A.D. Alpha 1 Argonaut, su freegamer.blogspot.com, Free Gamer, 16 agosto 2010. URL consultato il 24 settembre 2011.
  27. ^ (EN) Playable alpha for real-time strategy game 0 A.D. released, su h-online.com, The H Open Source, 18 agosto 2010. URL consultato il 24 settembre 2011.
  28. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D. Alpha 2 Bellerophon, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 19 ottobre 2010. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  29. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D. Alpha 3 Cerberus, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 11 dicembre 2011. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  30. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D. Alpha 4 Daedalus, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 12 marzo 2011. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  31. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D. Alpha 5 Edetania, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 20 maggio 2011. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  32. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D. Alpha 6 Fortuna, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 10 luglio 2011. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  33. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D. Alpha 7 Geronium, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 17 settembre 2011. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  34. ^ (EN) 0 A.D. Alpha 7 code name Geronium has been released, su unixmen.com, Unixmen, 17 settembre 2011. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2011).
  35. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D. Alpha 8 Haxāmaniš, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 23 dicembre 2011. URL consultato il 24 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2012).
  36. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D. Alpha 9 Ides of March, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 15 marzo 2012. URL consultato il 15 marzo 2012.
  37. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D Alpha 10 Jhelum, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 16 maggio 2012. URL consultato il 21 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2012).
  38. ^ Jeru, New Release: 0 A.D. Alpha 11 Kronos, su wildfiregames.com, Wildfire Games, 7 settembre 2012. URL consultato il 7 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2012).
  39. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D Alpha 12 Loucetios, su play0ad.com, Wildfire Games, 17 dicembre 2012. URL consultato il 17 dicembre 2012.
  40. ^ (EN) Jeru, New Release: 0 A.D Alpha 13 Magadha, su play0ad.com, Wildfire Games, 2 aprile 2013. URL consultato il 2 aprile 2013.
  41. ^ Jeru, New Release: 0 A.D. Alpha 14 Naukratis, su play0ad.com, Wildfire Games, 4 settembre 2013. URL consultato il 4 settembre 2013.
  42. ^ Feneur, New Release: 0 A.D. Alpha 15 Osiris, su play0ad.com, Wildfire Games, 24 dicembre 2013. URL consultato il 24 dicembre 2013.
  43. ^ (EN) New Release: 0 A.D. Alpha 16 Patañjali, su play0ad.com, 17 maggio 2014. URL consultato il 7 aprile 2016.
  44. ^ (EN) New Release: 0 A.D. Alpha 17 Quercus, su play0ad.com, 12 ottobre 2014. URL consultato il 7 aprile 2016.
  45. ^ (EN) New Release: 0 A.D. Alpha 18 Rhododactylos, su play0ad.com, 13 marzo 2015. URL consultato il 7 aprile 2016.
  46. ^ (EN) New Release: 0 A.D. Alpha 19 Syllepsis, su play0ad.com, 26 novembre 2015. URL consultato il 7 aprile 2016.
  47. ^ (EN) New Release: 0 A.D. Alpha 20 Timosthenes, su play0ad.com, 31 marzo 2016. URL consultato il 7 aprile 2016.
  48. ^ (EN) New Release: 0 A.D. Alpha 21 Ulysses, su play0ad.com, 8 novembre 2016. URL consultato l'8 novembre 2016.
  49. ^ (EN) New Release: 0 A.D. Alpha 22 Venustas, su play0ad.com, 26 luglio 2017. URL consultato il 26 luglio 2017.
  50. ^ Questa versione è stata nominata col nome di uno dei produttori del progetto, Ken Wood, deceduto di cancro il 2006.
  51. ^ (EN) New Release: 0 A.D. Alpha 23 Ken Wood, su play0ad.com, 17 maggio 2018. URL consultato il 17 maggio 2018.
  52. ^ (EN) Re-release of 0 A.D. Alpha 23 Ken Wood, su play0ad.com, 23 dicembre 2018. URL consultato il 23 dicembre 2018.
  53. ^ (EN) New Release: 0 A.D. Alpha 24 Xšayāršā, su play0ad.com, 20 febbraio 2021. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  54. ^ (EN) New Release: 0 A.D. Alpha 25Yaunā, su play0ad.com, 8 agosto 2021. URL consultato l'8 agosto 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]