(Fanculopensiero)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Fanculopensiero)
Autore Maksim Cristan
1ª ed. originale 2007
Genere romanzo
Lingua originale italiano

(Fanculopensiero) è un romanzo autobiografico di Maksim Cristan, pubblicato da Giangiacomo Feltrinelli Editore nel 2007.

« È una specie di testo di filosofia morale, che ci vede mentre siamo saldi nella nostra normalità. E ci spiega che siamo tutti, in realtà, pronti a sbriciolarci. »
(Alberto Rollo, responsabile editoriale Giangiacomo Feltrinelli Editore)

Trama del libro[modifica | modifica wikitesto]

Il libro è ambientato a Zagabria, Croazia, e successivamente a Milano. Un fortunato giovane manager si dimena nel cuore del traffico. All'improvviso ha una crisi, un tracollo nervoso, tra lo sgomento di tutti decide di cambiare completamente vita. Prende il primo treno in partenza dalla stazione di Zagabria. Arriva a Milano, Italia, dove decide di perseguire solo quello che gli dà gioia (l'unico modo per sopravvivere). Qui conosce il mondo della strada, tra l'istinto e la follia, tra una visione ironica del mondo e di sé, s'inventa un nuovo mestiere, scrittore di strada. Libero da interferenze e aspetti materialistici della vita, trascorre e trascrive le sue giornate ed i personaggi che le popolano.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura