Əjdər İsmayılov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Əjdər İsmayılov nel 2014.

Əjdər İsmayılov (Chomakhtur, 23 aprile 1938) è un filologo e politico azero tra i fondatori del Partito del Nuovo Azerbaigian (YAP).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ajdar Ismayilov è nato il 23 aprile 1938 a Chomakhtur, villaggio del distretto di Şərur della Repubblica Autonoma di Naxçıvan. Nel 1961 si è laureato in Lettere presso l'Università statale dell'Azerbaigian. Negli anni 1963-1965 ha studiato regia presso l'Istituto di Teatro dell'Azerbaigian ed è stato studente del regista Mehdi Mammadov e dell'attore Rza Tahmasib.[1]

Tra il 1961 e il 1977 ha svolto le professioni di insegnante, preside scolastico a Chomakhtur, giornalista dello «Sherq qapisi» pubblicato dal Ministero degli affari interni. Nel 1974 ha conseguito il dottorato presso l'Accademia delle Scienze dell'Azerbaigian. Dal 1977 al 1994 è stato professore, dirigente scolastico e docente afferente al dipartimento di letteratura dell'Università Statale di Nakhichevan.

La sua attività di ricerca si è concentrata sullo studio del poeta azero Hüsejn Cavid e sull'origine del movimento del romanticismo progressista. İsmayılov, in particolare, ha sostenuto la tesi che tale movimento non tragga origine dagli eventi del 1905-1917, ma dallo Zoroastrismo degli Avestā.[2]

Nel novembre del 1990 si è espresso su un giornale locale del distretto di Şərur contro l'aggressiva politica russa. Nel 1992 ha appoggiato l'elezione di Heydər Əliyev alla presidenza dell'Azerbaigian, contribuendo alla fondazione delle sezioni locali del suo partito nel distretto di Şərur.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • "Tradizione di romanticismo mondiale e Huseyn Javid". Baku: Scrittore, 1982, 220 pagine.[4]
  • "Tradizioni di Huseyn Javid nella letteratura sovietica dell'Azerbaigian" – istruzione metodica – Baku–1990, (è stampato secondo l'ordine numero 90 di 03.04.90 del Ministero d'istruzione dell'Azerbaigian, pagine 55).
  • "Attività di Huseyn Javid e la tradizione di demonismo nella letteratura mondiale”. Baku: Elm, 1991, 224 pagine.
  • " Tribù turche dell'Asia antica e del Fronte del Caucaso " (Gli armeni ed i giorgiani nel territorio di Albania Oguz di Caucaso). Baku, “Nurlan”, 2008, 799 p. (1ª edizione 2006) (è stato pubblicato con l'ordine del Consiglio Scientifico dell'Istituto di Storia a nome di A.A.Bakikhanov dell'Accademia Nazionale di Scienze dell'Azerbaigian)[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Accademia Nazionale di Scienze dell'Azerbaigian, Enciclopedia Nakhichevan, Nakhichevan-2005.
  2. ^ (AZ) Ramazan Seyidov, Hüseyn Cavidin "İBLİS" faciəsinin əsas qayəsi, ramazan-seyid.blogspot.com, 29 dicembre 2010. URL consultato il 15 dicembre 2014.
  3. ^ Giornale "Naxçıvan", №83(267), 29 novembre 1997
  4. ^ (AZ) Hüseyn Cavid-Azərbaycan şairi, yazıçı və dramaturq, xatai.libmks.az, 24-10-2014. URL consultato il 15 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2014).
  5. ^ (AZ) "Qədim ön Asiya və ön Qafqaz türk tayfaları" erməni saxtakarlığını elmi əsaslarla ifşa edir, olaylar.az, 17.06.2014 15:13. URL consultato il 15 dicembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56069688 · ISNI (EN0000 0000 3627 2674 · LCCN (ENn2007079858
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie