Śani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
litografia rappresentante Śani

Śani (devanagari: शनि, IAST: Śani; nella grafia anglosassone: Shani), o Śanaiśchara, è, nell'induismo e nell'astrologia indiana, la personificazione del pianeta Saturno,[1] e uno dei nove principali oggetti celesti (Navagraha).[2]

Śani è anche una divinità maschile citata nei Purana. È il dio del karma, della giustizia e del castigo divino, e in quanto tale fornisce risultati che dipendono dai propri pensieri, parole e azioni. È inoltre il controllore di longevità, miseria, dolore, vecchiaia, restrizioni, responsabilità, ritardi, ambizione, leadership, autorità, umiltà, integrità e saggezza nate dall'esperienza. Significa anche ascesi spirituale, penitenza, disciplina e lavoro coscienzioso.

La sua iconografia consiste in una figura dalla pelle nera che porta una spada e un danda (scettro) e cavalca un corvo.[2][3]

È indicato come figlio del dio solare Sūrya e della sua seconda moglie Chhaya. Si sposò due volte, la prima con Neela, la personificazione della pietra preziosa dello zaffiro, e la seconda con Manda, una principessa Gandharva.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Planet Saturn ( Shani ) in Astrology, su www.rudraksha-center.com. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  2. ^ a b Roshen Dalal, Hinduism: An Alphabetical Guide, Penguin Books India, 2010, p. 373, ISBN 978-0-14-341421-6.
  3. ^ James G. Lochtefeld, The Illustrated Encyclopedia of Hinduism: N-Z, The Rosen Publishing Group, 2002, pp. 608–609, ISBN 978-0-8239-3180-4.
  4. ^ (EN) Archit Saxena, Durga : A Governing Mother: Mother-Son Duo logy Book - 2, Archit Saxena, 13 aprile 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]