Étienne Le Camus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Étienne Le Camus
cardinale di Santa Romana Chiesa
Bmr 41 étienne le camus cardinal.jpg
Cardinalbishop.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Grenoble
Cardinale presbitero di Santa Maria degli Angeli
Nato 24 settembre 1632 a Parigi
Nominato vescovo 1º luglio 1671 da papa Clemente X
Consacrato vescovo 24 agosto 1671 dal vescovo Pierre-Armand du Cambout de Coislin (poi cardinale)
Creato cardinale 2 settembre 1686 da papa Innocenzo XI
Deceduto 12 settembre 1707 a Grenoble

Étienne Le Camus (Parigi, 24 settembre 1632Roma, 12 settembre 1707) è stato un cardinale e vescovo cattolico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Nicolas Le Camus, che era un consigliere di stato, Étienne frequento l'Università della Sorbona, dove completò gli studi di teologia nel 1650. In giovane età fu elemosiniere del re di Francia. A causa della sua vita dissipata, il cardinale Giulio Mazzarino lo esiliò a Meaux. Richiamato alla corte francese, si ritirò nel monastero certosino di La Trappe nel 1665. Questa esperienza religiosa lo cambiò radicalmente, tanto da portarlo verso l'ascetismo e da condurlo alla abbazia di Port-Royal des Champs, famosa ai tempi per la comunità religiosa di orientamento giansenista.

Impressionato dal profondo cambiamento del giovane, il cardinale Giulio Mazzarino lo fece rientrare nei favori del re e il 1º luglio 1671 lo fece eleggere vescovo di Grenoble, anche contro la volontà di Le Camus. Fu consacrato il 24 agosto successivo nella chiesa dei certosini di Parigi da Pierre-Armand du Cambout de Coislin, vescovo di Orléans, assistito da Hugues de Bar, vescovo di Lectoure e da Armand Jean de Rotondy de Biscaras, vescovo di Béziers. Rifiutò di firmare la proposizione del clero gallicano nel 1682.

Il 2 settembre 1686 fu creato cardinale presbitero da papa Innocenzo XI. La sua promozione al cardinalato fu una iniziativa personale del papa, un'azione veramente non frequente nel caso di cardinali stranieri. Il re Luigi XIV pretendeva che fosse elevato François de Harlay de Champvallon, arcivescovo di Parigi.

Non partecipò al conclave del 1689 che elesse papa Alessandro VIII; partecipò, invece, al conclave del 1691 che elesse papa Innocenzo XII. Terminato il conclave, l'8 agosto 1691 ricevette dal nuovo papa la berretta cardinalizia con il titolo di Santa Maria degli Angeli. Partecipò anche al conclave del 1700, che elesse papa Clemente XI.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • INGOLD, Lettres du Card. Le Camus in Bulletin de l'Académie Delphinoise, 2nd series, I.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Grenoble Successore BishopCoA PioM.svg
Pierre Scarron 1671-1707 Ennemond Montmartin
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Maria degli Angeli Successore CardinalCoA PioM.svg
Raimondo Capizucchi 1691-1707 Giuseppe Vallemani