Épinay-sous-Sénart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Épinay-sous-Sénart
comune
Épinay-sous-Sénart – Stemma
Épinay-sous-Sénart – Veduta
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneFrance moderne.svg Île-de-France
DipartimentoBlason département fr Essonne.svg Essonne
ArrondissementÉvry
CantoneÉpinay-sous-Sénart
Territorio
Coordinate48°41′N 2°31′E / 48.683333°N 2.516667°E48.683333; 2.516667 (Épinay-sous-Sénart)Coordinate: 48°41′N 2°31′E / 48.683333°N 2.516667°E48.683333; 2.516667 (Épinay-sous-Sénart)
Superficie3,58 km²
Abitanti12 437[1] (2009)
Densità3 474,02 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale91860
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE91215
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Épinay-sous-Sénart
Épinay-sous-Sénart
Sito istituzionale

Épinay-sous-Sénart è un comune francese di 12.437 abitanti situato nel dipartimento dell'Essonne nella regione dell'Île-de-France.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della città avrebbe un'origine gallo-romana: spinolaïum, dal latino spina che significa "spina", "cespuglio di spine". Spina potrebbe anche riferirsi alla testa della curva di un fiume. Questo è il caso di Epinay, situata in uno dei meandri del fiume Yerres. Sono documentate le forme Spinolium nel 637, Espinolium nel 1298, Espinoletum Sanctae Genovefae  nel XIII secolo. Tra il XVI e il XVII secolo, la città portò il nome di Epinay-sur-Hières, in riferimento al fiume, prima di prendere il nome di Epinay-en-Brie nel XVIII secolo.

Il comune venne ufficialmente istituito nel 1793 e il nome definitivo di Épinay-sous-Sénart, con riferimento alla foresta nazionale di Sénart, venne adottato con una legge del 1801.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dal IX secolo fino alla metà del XVIII secolo, la fattoria e le terre di Epinay appartenevano alla congregazione religiosa dell'abbazia di Santa Genoveffa di Parigi.

Nel 1756, i Canonici regolari di Santa Genoveffa affittarono la loro terra al ricco imprenditore Jean Pâris de Monmartel (1690–1766), signore di Brunoy. Dopo la sua morte, suo figlio vendette la signoria e il contratto di locazione al conte di Provenza, futuro Luigi XVIII di Francia. Per quasi 200 anni, Epinay-sous-Sénart continuò ad essere un piccolo insediamento rurale con terreni agricoli.

Dopo la seconda guerra mondiale, in Francia e soprattutto nella regione parigina, si ebbe una forte crisi abitativa. Nel 1958, le autorità pubbliche crearono le Zone di urbanizzazione prioritaria (Zone à urbaniser en priorité, ZUP), tra le quali venne inclusa Epinay-sous-Sénart con un decreto del 9 marzo 1959. Il 28 settembre 1962, il Consiglio Comunale emise parere favorevole all'urbanizzazione della città. Nel 1963, quando iniziarono i lavori per l'operazione "Grand Ensemble Val d'Yerres", a Epinay-sous-Sénart vivevano meno di 900 persone ma già nel 1975, la città contava quasi 15.000 abitanti.[2]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma si blasona: d'azzurro allo scaglionetto alzato ondato d'argento sostenuto da un pastorale d'oro e da una conocchia dello stesso posti in decusse.

Lo stemma è stato adottato dal Comune il 1º aprile 1982. Lo scaglione ondato si riferisce alla posizione di Epinay-sous-Sénart su un'ansa del fiume Yerres. Il pastorale e la conocchia ricordano la presenza a Epinay dei genoveffani. Quest'ordine religioso fu, dal Medio Evo alla Rivoluzione francese, il più importante proprietario terriero della città.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ (FR) Epinay : histoire, su ville-epinay-senart.fr. URL consultato il 24 febbraio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN158263822 · BNF (FRcb13121013r (data) · WorldCat Identities (ENviaf-158263822
Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia