Émile Ollivier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di Émile Ollivier

Olivier Émile Ollivier (Marsiglia, 2 luglio 1825Saint-Gervais-les-Bains, 20 agosto 1913) è stato un politico, scrittore e avvocato francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Trascorse un lungo periodo a Firenze, col padre Demostene, che era stato espulso dalla Francia per essersi opposto al colpo di Stato del 1851. Avvocato, si occupò di processi politici e fu eletto deputato nel 1857 ed entrò nel Gruppo dei Cinque che si opponevano alla politica di Napoleone III, sostenendo una trasformazione più liberale del regime imperiale. Pubblicò Démocratie et liberté (1867) e Le 19 février (1868). È stato il Primo ministro della Francia e ministro di Grazie e Giustizia, dal 2 gennaio al 9 agosto 1870, con l'incarico di elaborare una nuova Costituzione, che fu ratificata cl Plebiscito dell'8 maggio 1870.

Si ritirò in Italia, dopo la sconfitta della Francia e tornò in Patria nel 1873, dedicandosi alla scritura di opere di carattere politico e memorialistico. Pubblicò L'Église et l'État au Concile du Vatican (1879), Le Pape est-il libre à Rome? (1882), 1789 et 1889 (1889), Solutions politiques et sociales (1894). Raccolse studi, articoli e ricordi in 17 volumi, che costituiscono l'Impero liberale (1891-1901). Fece parte dell'Académie française dal 1870.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Dizionario Letterario Bompiani. Autori, Milano, Bompiani, 1957, vol. III, O-Z, p. 8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59093008 · ISNI (EN0000 0001 2101 6501 · SBN IT\ICCU\IEIV\009820 · LCCN (ENn84208544 · GND (DE118589865 · BNF (FRcb120045196 (data) · NLA (EN35484407 · CERL cnp00561441 · WorldCat Identities (ENn84-208544