Édouard Spach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Édouard Spach

Édouard Spach (Strasburgo, 26 novembre 1801Parigi, 18 maggio 1879) è stato un botanico francese.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Spach era figlio di un commerciante di Strasburgo. Terminati gli studi secondari, si recò a Parigi, dove assistette ai corsi dei botanici René Desfontaines (1750-1831) e Antoine-Laurent de Jussieu (1768-1836). Frequentando l'ambiente dei naturalisti, conobbe Charles-François Brisseau de Mirbel (1776-1854), che lo assunse come segretario. Quando Mirbel ebbe la nomina di professore presso il Muséum national d'histoire naturelle di Parigi, Spach lo seguì e iniziò a lavorare per il Museo. Spach trascorse tutto il resto della sua vita nel Museo.
Nominato aiuto-naturalista, si fece subito apprezzare per le sue competenze in botanica e pubblicò numerose monografie.
Alla morte di Charles Gaudichaud, nel 1854, fu nominato Curatore e susseguentemente Conservatore delle Gallerie di Botanica. Completati gli ultimi tomi delle "Illustrationes", Spach smise di scrivere e di pubblicare testi e si dedicò interamente alla classificazione e alla determinazione degli esemplari presenti negli erbari del Museo.
Per venticinque anni annotò migliaia di esemplari, con la sua caratteristica scrittura inclinata: fu un lavoro immenso, eseguito con minuzia e abnegazione, che egli portò avanti sino ai suoi ultimi giorni.
Durante l'elogio funebre, Édouard Bureau disse di lui: «La vita di Monsieur Spach fu fatta di lavoro, di modestia e di dedizione. È difficile raccontare una tale esistenza, nella quale tutti i giorni si assomigliano, ma ci si deve inchinare davanti ad essa, poiché tale vita riassume un attaccamento assoluto alla Scienza e al dovere».

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • "Histoire naturelle des végétaux. Phanérogames". Opera in 14 volumi e un Atlante. Edita da Roret a Parigi dal 1834 al 1848 nella collana Suites à Buffon.
  • "Illustrationes plantarum orientalium". Opera in 5 volumi. Edita da Roret a Parigi, dal 1842 al 1856. Quest'ultimo lavoro fu compiuto in collaborazione con il conte Hippolyte Jaubert (1798-1874).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Philippe Jaussaud & Édouard R. Bryoo, "Du Jardin au Muséum en 516 biographies". Museo di storia naturale. Parigi, 2004.
  • Édouard Bureau, "Discours de M. Bureau sur la tombe de M. Spach". Bollettino della Società botanica di Francia, n. 26. 1879.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Spach è l'abbreviazione standard utilizzata per le piante descritte da Édouard Spach.
Elenco delle piante assegnate a questo autore dall'IPNI
Consulta la lista delle abbreviazioni degli autori botanici.
Controllo di autoritàVIAF (EN71382399 · ISNI (EN0000 0001 2138 5753 · GND (DE128557397 · BNF (FRcb107337955 (data) · CERL cnp00497800 · WorldCat Identities (EN71382399