È un peccato morir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
È un peccato morir
Zucchero un peccato morir.jpg
Screenshot del video
ArtistaZucchero Fornaciari
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1º ottobre 2010
Durata3:40
Album di provenienzaChocabeck
GenerePop
Blues
EtichettaUniversal Music Group
ProduttoreZucchero Fornaciari, Brendan O'Brien
Registrazione2010
FormatiDownload digitale
Certificazioni
Dischi d'oroItalia Italia[1]
(Vendite: 15.000+)
Zucchero Fornaciari - cronologia
Singolo precedente
(2008)
Singolo successivo
(2011)

È un peccato morir è un singolo del cantante italiano Zucchero Fornaciari pubblicato il 1º ottobre 2010 per il mercato radiofonico e l'11 ottobre 2010 come CD singolo o download digitale dall'etichetta discografica Universal Music Group. È il primo estratto dall'undicesimo album di inediti, Chocabeck, uscito il 3 novembre 2010.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il brano è stato scritto da Zucchero Fornaciari e Pasquale Panella e prodotto dallo stesso Zucchero insieme a Brendan O'Brien e ha raggiunto la quinta posizione della classifica dei singoli più venduti in Italia e la posizione 41 in Svizzera.[2]. Zucchero, parlando del brano, ha detto che si tratta di "una preghiera, un inno alla vita, agli uccellini che cantano, al sole, alla buona tavola, ai sapori nostrani, alla voglia di vivere per rivivere tutto"[3].

Il 22 novembre 2014 sul web si è diffusa la notizia falsa della morte di Zucchero, prontamente smentita dalla replica del cantautore reggiano con un post su tutti i suoi profili web ufficiali raffigurante una mano che fa le corna e la citazione "È un peccato morir" annessa[4].

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. È un peccato morir – 3:40 (testo: Zucchero, Pasquale Panella – musica: Zucchero)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Zucchero - voce, organo Hammond, chitarra acustica, chitarra 12 corde, clavicembalo, chitarra acustica, chitarra elettrica, pianoforte, Fender Rhodes, tastiera
  • Max Marcolini - chitarra elettrica
  • Brendan O'Brien - chitarra, cori, tastiera
  • Paul Bushnell - basso
  • Jon Hopkins - tastiera addizionale
  • Josh Freese - percussioni
  • Patrick Warren - tastiera

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2010) Posizione
massima
Italia[5] 5
Svizzera[6] 41
Europa[7] 80

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2010) Posizione
Italia[8] 031 31

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Benvenuto! Archiviato il 24 gennaio 2011 in Internet Archive.
  2. ^ È un peccato morir su italiancharts.com, su italiancharts.com. URL consultato l'8 giugno 2011.
  3. ^ ZUCCHERO: IL MIO PICCOLO MONDO ANTICO, in Famiglia Cristiana, 19 novembre 2010. URL consultato il 21 ottobre 2015.
  4. ^ «È morto Zucchero». E lui su Twitter risponde con le corna, in La Stampa, 23 novembre 2014. URL consultato il 21 ottobre 2015.
  5. ^ Classifica, fimi.it.
  6. ^ Classifica, swisscharts.com.
  7. ^ (EN) Europe official top 100, Top@40. URL consultato l'11 settembre 2019.
  8. ^ I singoli più venduti del 2010, Hit parade Italia. URL consultato il 23 agosto 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica