Ángel Crespo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ángel Crespo

Ángel Crespo (Ciudad Real, 18 luglio 1926Barcellona, 12 dicembre 1995) è stato un poeta e critico letterario spagnolo.

È uno degli intellettuali della Generazione del '50.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È una figura chiave del panorama culturale degli anni cinquanta e sessanta spagnolo. Poliglotta, fu apprezzato traduttore e critico letterario. A lui si devono le migliori traduzioni in spagnolo degli italiani Dante Alighieri, Francesco Petrarca e del portoghese Fernando Pessoa, del quale ha scritto la biografia la più completa disponibile[1]. In un primo tempo aderì al partito comunista, ma poi ne uscì negli anni sessanta per le critiche subite.

Il suo primo libro di poesie, Una lengua emerge, fu pubblicato nel 1950. Le altre pubblicazioni: Quedan señales (1951), Docena florentina (1960), En medio del camino (1971), Donde no corre el aire (1981), El aire es de los dioses (1982), El bosque transparente (1983), El ave en su aire (1985). La sua opera dall'iniziale realismo esistenziale dopo la guerra civile spagnola, passò al postsurrealismo (noto pure come postismo), e poi all'umanismo trascendente. Si interessò anche di simbologia e di occultismo.[2]

Ha pubblicato inoltre una Antología de la poesía modernista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ángel Crespo, La vita plurale di Fernando Pessoa, Editorial Seix Barral, Barcelona, 1988, trad. it a cura di Brunello N. De Cusatis, Bietti, Milano, 2014 ISBN 978-88-8248-305-0
  2. ^ (ES) Autobiografia (DOC), su es.geocities.com (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2006).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN73866543 · ISNI (EN0000 0001 0915 2025 · LCCN (ENn80094238 · BNF (FRcb12024480d (data) · BNE (ESXX887132 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80094238