'ndrina Trimboli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Famiglia Trimboli
Nomi alternativi'Ndrina Trimboli
Area di originePlatì, Calabria
Aree di influenzaProvincia di Reggio Calabria, Centro Italia, Nord Italia, Estero
Periodoanni '70? - in attività
BossDomenico Trimboli (1955), Robert Trimboli (1931-1987), Rocco Trimboli, Natale Trimboli
AlleatiBarbaro, Marando, Papalia, Agresta, Camorra, Cosa Nostra
Attivitàtraffico di droga, riciclaggio di denaro, traffico di armi, estorsione, usura, racket, contrabbando, contraffazione, ricettazione, furto, rapina, frode, truffa, evasione fiscale, appalto pubblico, gioco d'azzardo, gestione dei rifiuti, sequestro di persona, corruzione, omicidio, infiltrazioni nella pubblica amministrazione
PentitiSaverio Morabito
Domenico Trimboli

I Trimboli sono una 'ndrina originaria di Platì. Si trovano fin dagli anni '70 nel comune di Volpiano, in provincia di Torino con cui sono alleate dei Marando e degli Agresta e dagli anni '60 in Australia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anni '60 - Australia[modifica | modifica wikitesto]

Già negli anni '60 viene citata la sua presenza in territorio australiano in un documento dell'ASIO, in particolare nel Nuovo Galles del Sud[1]

Anni '70 e '80 - Il traffico di droga in Australia[modifica | modifica wikitesto]

Fu coinvolta nel traffico di droga tra gli anni settanta e ottanta in Australia, sotto la guida di Robert Trimboli.

Anni '90 - Traffico di droga a Volpiano[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993 a Volpiano, viene scoperto un traffico internazionale di droga gestito dalle 'ndrine di Volpiano che coinvolgeva anche la malavita turca, criminali portoghesi e pachistani[2].

Nel 1995 viene arrestato a Platì Natale Trimboli, cognato di Pasquale Marando.

Anni 2000 - L'operazione Igres, Revenge 2 e l'arresto di Rocco e Saverio Trimboli[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 10 ottobre 2001 viene arrestato Rocco Trimboli insieme a Pasquale Barbaro, viene poi scarcerato nel 2003 per essere ricercato di nuovo 7 anni dopo, dal maggio 2010 si dà nuovamente alla latitanza[3]
  • Il 12 febbraio 2010, dopo 16 anni di latitanza viene arrestato Saverio Trimboli, tra i 100 latitanti più pericolosi, accusato fin dal 1994 di associazione a delinquere per traffico di droga. In passato era sfuggito già due volte alla cattura[5][6].
  • Il 9 giugno 2010 con l'operazione Revenge 2 la DIA esegue 11 arresti a presunti esponenti dei Trimboli, Perre e Marando, di cui scoprono anche 5 bunker. Sono accusati di aver ucciso Antonio Stefanelli, Antonino Stefanelli e Franco Mancuso e di riciclaccio di denaro[7].
  • Il 19 novembre 2010 viene arrestato Pasquale Barbaro (1977), latitante dal 2009.[8]

Oggi - L'arresto di Natale Trimboli e il nuovo arresto di Rocco Trimboli[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 24 aprile 2012 viene arrestato il latitante Rocco Trimboli inserito nell'elenco dei 100 latitanti più pericolosi del Ministero dell'Interno, già condannato per traffico di stupefacenti nell'operazione Riace di cui deve ancora scontare 11 anni e per l'operazione Minotauro del 2011 in cui è accusato di associazione mafiosa.[3]
  • Inchiesta Minotauro: nel gennaio 2015 viene arrestato il latitante Natale Trimboli (ritenuto un santista di Volpiano) assieme ai fiancheggiatori Natale Altomonte, Santo Surace e Carmine Luci[12].

Esponenti di spicco[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pierluigi Spagnolo, L'ascesa della 'ndrangheta in Australia, in Altre Italie, 2010.
  2. ^ MAFIE IN PIEMONTE: QUANDO VOLPIANO E PLATÌ PARLANO LO STESSO DIALETTO, in omicronweb, 24-03-2013. URL consultato il 25-10-2013 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2018).
  3. ^ a b c Catturato il latitante Rocco Trimboli era nell'elenco dei più pericolosi, 22-09-2015. URL consultato il 24-04-2012.
  4. ^ Gratteri 2006.
  5. ^ 'Ndrangheta, arrestato il boss Trimboli era uno dei 100 latitanti più pericolosi, in Repubblica.it.
  6. ^ 'Ndrangheta: arrestato boss Saverio Trimboli Era latitante da 16 anni, in Quotidiano.net (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2010).
  7. ^ Blitz Dia, 11 arresti e sequestri. Scoperti 5 bunker nella Locride, in Repubblica.it.
  8. ^ Preso a Platì il latitante Barbaro di Vincenzo Frascà, Calabria Ora del 19 novembre 2010
  9. ^ 'Ndrangheta, arrestato in Colombia il narcotrafficante latitante Domenico Trimboli, in Crimeblog.
  10. ^ Parla il boss Trimboli: il più grande trafficante di cocaina della ’ndrangheta diventa “pentito”, in La Stampa, 19-03-2015. URL consultato il 19-03-2015.
  11. ^ ‘Ndrangheta, si pente il boss Domenico Trimboli: “Voglio collaborare”, in il fatto quotidiano, 19-03-2015. URL consultato il 19-03-2015.
  12. ^ ‘Ndrangheta: arrestato in Calabria il boss Natale Trimboli, ‘santista’ di Volpiano, su ilfattoquotidiano.it.
  13. ^ 'Ndrangheta, il covo di Trimboli, in repubblica.it, 13 febbraio 2010. URL consultato il 3 marzo 2020.
  14. ^ a b A Buccinasco torna “il governo” della ‘ndrangheta, i pm: nessun vuoto di potere, 09-01-2013. URL consultato il 09-01-2013.
  15. ^ ‘Ndrangheta a Nord Ovest: le dichiarazioni dei pentiti Marando e Varacalli che inchiodano Natale Trimboli, 21-01-2015. URL consultato il 22-12-2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]