Giappone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Giappone
Giappone – Bandiera Giappone - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Giappone - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Impero del Sol Levante o Impero giapponese, Stato del Giappone, Impero del Giappone
Nome ufficiale 日本国
Nippon-koku
Nihon-koku
Lingue ufficiali giapponese (de facto)[1]
Capitale Tokyo  (13 010 287 ab. / 2011)
Politica
Forma di governo Monarchia parlamentare (Impero)
Imperatore Akihito
Primo Ministro Shinzo Abe
Indipendenza 660 a.C. (fondazione dello Stato)
Ingresso nell'ONU Dal 18 dicembre 1956
Superficie
Totale 372 824 km² (60º)
 % delle acque 0,8 %
Popolazione
Totale 127 535 920 ab. (2012) (10º)
Densità 337 ab./km²
Tasso di crescita -0,077% (2012)[2]
Geografia
Continente Asia
Confini Nessuno
Fuso orario UTC+9
Economia
Valuta Yen giapponese
PIL (nominale) 5 960 269[3] milioni di $ (2012) ()
PIL pro capite (nominale) 46 707 $ (2012) (12º)
PIL (PPA) 4 575 530 milioni di $ (2012) ()
PIL pro capite (PPA) 35 855 $ (2012) (22º)
ISU (2011) 0,901 (molto alto) (12º)
Fecondità 1,4 (2010)[4]
Varie
Codici ISO 3166 JP, JPN, 392
TLD .jp
Prefisso tel. +81
Sigla autom. J
Inno nazionale Kimi ga yo ("Il Regno dell'Imperatore")
Festa nazionale 11 febbraio
Giappone - Mappa
Evoluzione storica
Stato precedente Flag of Allied Occupied Japan.svg Occupazione del Giappone
 

Coordinate: 35°N 136°E / 35°N 136°E35; 136

Il Giappone (日本 Nihon o Nippon?, ufficialmente 日本国 Nihon-koku o Nippon-koku)[5] è uno Stato insulare dell'Asia orientale.

Situato nell'Oceano Pacifico, si trova a est del Mar del Giappone, Cina, Corea del Nord, Corea del Sud e Russia. Si sviluppa nell'area compresa tra il Mare di Ohotsk nel nord, fino al Mar Cinese Orientale e Taiwan nel sud.

Il Giappone è un arcipelago composto da 6 852 isole; le quattro isole più grandi sono: Honshū, Hokkaidō, Kyūshū e Shikoku, che da sole rappresentano circa il 97% della superficie terrestre del Giappone. Molte isole sono montagne, alcune di origine vulcanica; per esempio, la vetta più alta del Giappone, il Monte Fuji, è un vulcano attivo.[6] Con una popolazione di circa 128 milioni di individui, il Giappone risulta essere la decima nazione più popolosa al mondo. La Grande Area di Tōkyō, che include Tōkyō e numerose prefetture vicine, è di fatto la più grande area metropolitana del mondo, con oltre 30 milioni di residenti.

Ricerche archeologiche indicano che l'arcipelago è abitato dal Paleolitico superiore. La prima menzione scritta sul Giappone inizia con una breve apparizione in un libro di storia cinese del primo secolo a.C. Alle influenze provenienti dal mondo esterno seguì un lungo periodo di isolamento che ha caratterizzato profondamente la storia del Giappone. Fin dall'adozione dell'attuale costituzione, il Giappone mantiene una monarchia parlamentare con un imperatore ed un parlamento eletto, la Dieta.

Tra le grandi potenze,[7] il Giappone ha la terza maggiore economia per prodotto interno lordo e la quarta maggiore per potere d'acquisto, è anche il quarto maggiore esportatore ed il sesto maggiore importatore a livello mondiale. Inoltre, il Giappone è l'unico Stato asiatico ad essere membro del G8 e del G7; attualmente, è un membro non permanente del consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Il Paese ha un moderno apparato militare utilizzato per l'autodifesa e per missioni di pace ed ha riottenuto il diritto di dichiarare guerra (cosa che dal 1945 non poteva fare).

Il Giappone è un paese sviluppato con uno standard di vita molto elevato (decimo a livello mondiale), inoltre, i cittadini giapponesi hanno la maggiore aspettativa di vita al mondo ed il tasso di mortalità infantile è il secondo più basso dietro al Principato di Monaco.[8][9]

Etimologia del nome[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nomi del Giappone.

In giapponese, Giappone si dice Nihon (Ascolta[?·info]) o Nippon (Ascolta[?·info] più formale, utilizzato in occasioni ufficiali, come eventi sportivi internazionali) e si scrive con i caratteri 日本, che significano rispettivamente “sole” e “origine”, e insieme hanno quindi il significato di “origine del Sole”. Per questo motivo, il Giappone è spesso identificato come la “terra del Sole nascente” o il “Paese del Sol levante”. Questo è di fatto il nome che i cinesi hanno dato al Paese che, rispetto al loro, si trova a Est: all'origine del sole.[10] Prima dell'introduzione del nome Nihon il Giappone era conosciuto con il nome Wa (?) o Wakoku (倭国?).[11]

Il nome Giappone è solo apparentemente un esonimo (ovvero il nome di una località diverso da quello usato dai suoi stessi abitanti). Infatti, l'italiano Giappone è affine al francese Japon, al tedesco Japan ed all'inglese Japan, i quali derivano tutti dalla pronuncia cinese Rìběn (o Rìběnguó) dei caratteri 日本. Il nome Giappone, insieme con le omologhe forme nelle altre lingue occidentali, fu introdotto in Europa da Marco Polo, il quale si riferiva al Paese asiatico usando il nome Cipango (o Zipangu),[12] corruzione del nome cinese Rìběnguó. Nippon non è altro che il risultato dell'uso della pronuncia giapponese nichi del carattere 日 (nichi + hon = nippon o nihon).

Dalla Restaurazione Meiji fino alla fine della seconda guerra mondiale, il nome completo del Giappone è stato Dai Nippon Teikoku (大日本帝国?), che significa “Impero del Grande Giappone”. Attualmente il nome ufficiale è Nippon-koku o Nihon-koku (日本国?) in cui il suffisso koku (?) significa “Paese”, “nazione” o “Stato”.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia del Giappone.

Preistoria ed era classica[modifica | modifica sorgente]

Hōryū-ji, complesso templare buddista della città di Ikaruga-no-Sato, vicino Nara. Gli edifici più antichi, (il Kondō, la pagoda a 5 piani e la porta centrale) risalgono al periodo Asuka e sono considerati le più antiche costruzioni in legno esistenti al mondo.

I primi segni di civiltà risalgono al XI millennio a.C. circa con la cultura Jōmon, caratterizzata dal mesolitico al neolitico da uno stile di vita semi sedentario cacciatore-raccoglitore e da una forma rudimentale di agricoltura.[13] Si ritiene che tra la popolazione Jomon vi fossero gli antenati delle attuali popolazioni Ainu e Yamato e che questi perciò rappresentino i discendenti dei primi abitanti del Giappone.[14][15] I vasi di terracotta decorati realizzati in questo periodo costituiscono alcuni dei più antichi esempi superstiti di ceramica al mondo.[N 1]

Il Periodo Yayoi, iniziato intorno al 300 a.C. segnò l'introduzione di nuove pratiche come la coltivazione del riso e la produzione di oggetti in bronzo e ferro, portate da immigrati dell'Asia continentale orientale.[16] Il Giappone compare per la prima volta in registrazioni scritte nell'Hou Hanshu cinese del 57 d.C., come «il popolo di Wa, formato da più di un centinaio di tribù». Secondo il Libro di Wei cinese, il più potente regno giapponese nel III secolo era chiamato Yamataikoku ed era governato dalla leggendaria regina Himiko.

Il Grande Buddha nel tempio di Tōdai-ji, Nara, fuso originariamente nel 752.

Durante il periodo Kofun, dal III secolo al VII secolo, si stabilì un centro dominante politico basato nell'area di Yamato, da dove sorse la linea dinastica degli imperatori giapponesi.

Il Buddhismo fu importato in Giappone dal regno coreano di Baekje, a cui il Giappone fornì aiuto militare,[17] ricevendo il supporto della classe governante. Il principe Shōtoku si impegnò a diffondere il Buddhismo e la cultura cinese in Giappone. Gli viene attribuito l'aver portato una pace relativa al Giappone attraverso la proclamazione della Costituzione di 17 articoli.

Cominciando con gli Editti di riforma di Taika del 645 la corte Yamato intensificò l'adozione di pratiche culturali cinesi e riorganizzò il governo e il codice penale basandosi sulla struttura amministrativa cinese dell'epoca.[18] Ciò preparò la strada al dominio della filosofia confuciana in Giappone fino al XIX secolo. In questo periodo venne utilizzata per la prima volta la parola Nihon (日本?) come nome per lo Stato emergente.

Il periodo Nara dell'VIII secolo segnò il primo emergere di un forte stato giapponese, centrato intorno alla corte imperiale nella città di Heijō (l'odierna Nara). La corte imperiale si trasferì per un breve periodo a Nagaoka-kyō, e quindi a Heian-kyō (ora Kyōto).

Gli scritti storici del Giappone culminarono all'inizio dell'VIII secolo con le cronache epiche del Kojiki e del Nihon Shoki. Queste due cronache danno un resoconto leggendario delle origini del Giappone. Secondo esse il Giappone venne fondato nel 660 a.C. dall'imperatore Jinmu, un discendente della divinità shintoista Amaterasu (la dea del sole). Si dice che Jinmu sia l'antenato della dinastia imperiale, rimasta ininterrotta fino ai nostri giorni. Comunque secondo gli storici il primo imperatore realmente esistito fu l'imperatore Ōjin.

Durante il periodo Heian (794-1185) fiorirono arte, poesia e letteratura autoctone, immortalate all'inizio dell'XI secolo dalla dama di corte Murasaki Shikibu nel Genji monogatari (Il racconto di Genji), il più antico racconto ancora esistente. I reggenti del clan Fujiwara controllarono la politica dell'epoca.

Era medievale[modifica | modifica sorgente]

Il samurai Hasekura Tsunenaga, primo ambasciatore ufficiale giapponese alle Americhe e Europa, nel 1615.

L'era medievale giapponese fu caratterizzata dell'emergere di una classe nobile e colta di guerrieri, i samurai. Nel 1185 in seguito alla sconfitta dei nemici del clan Taira, Minamoto no Yoritomo venne nominato Shōgun a vita e stabilì la sua base di potere a Kamakura nel 1192, da allora il titolo di shogun divenne ereditario[19] ed il Giappone iniziò ad essere governato da una oligarchia militare: con lo shogunato le elitè e la popolazione si divisero in caste, si creò così un'organizzazione sociale per certi versi simile ai sistemi feudali occidentali controllata e mantenuta stabile dai samurai.
Dopo la morte di Yoritomo, un altro clan guerriero imparentato con lui, il clan Hōjō, divenne reggente per gli shōgun. Lo shogunato Kamakura riuscì a respingere le invasioni mongole nel 1274 e nel 1281 con l'aiuto di una tempesta che venne interpretata dai giapponesi come un kamikaze o "Vento Divino". Lo shogunato Kamakura durò altri cinquant'anni e venne infine spodestato da Ashikaga Takauji nel 1333. Il successivo shogunato Ashikaga non riuscì a controllare i signori della guerra feudali (daimyō) e ciò provocò lo scoppio di una guerra civile. La guerra Ōnin (1467-1477) viene generalmente considerata come l'anticamera degli "Stati in guerra" o periodo Sengoku.

Nel XVI secolo commercianti e missionari portoghesi raggiunsero per la prima volta il Giappone, iniziando il periodo Nanban ("barbari meridionali") di attivi scambi commerciali e culturali tra il Giappone e l'Occidente, introducendo anche la religione Cattolica. Oda Nobunaga conquistò numerosi altri daimyo utilizzando tecnologie e armi da fuoco europee ed era sul punto di unificare la nazione quando venne assassinato ("Incidente di Honnōji") nel 1582. Toyotomi Hideyoshi succedette a Nobunaga e unificò la nazione nel 1590. Hideyoshi tentò due volte di invadere la Corea ma venne ogni volta arrestato dalle forze coreane e dalla dinastia Ming cinese. In seguito a numerose sconfitte e alla morte di Hideyoshi le truppe giapponesi vennero ritirate nel 1597.

Periodo Edo[modifica | modifica sorgente]

Una Nave shuinsen del 1634. Questo genere di navi fu usato per il commercio con l'Asia.

Dopo la morte di Hideyoshi, Tokugawa Ieyasu sfruttò la sua posizione di reggente del figlio di Hideyoshi, Toyotomi Hideyori, e i conflitti sorti tra i lealisti del clan Toyotomi, per ottenere il supporto di diversi signori della guerra da tutto il Giappone. Quando scoppiò la guerra aperta sconfisse i clan rivali nella battaglia di Sekigahara nel 1600. Ieyasu venne nominato shōgun nel 1603 e stabilì lo shogunato Tokugawa a Edo (la moderna Tōkyō).

Dopo aver sconfitto il clan Toyotomi all'assedio di Osaka nel 1614 e nel 1615 i Tokugawa divennero i governanti del Giappone, imponendo un sistema feudale centralizzato con lo shogun Tokugawa a capo dei domini feudali. Dopo la morte di Ieyasu, lo shogunato Tokugawa instaurò diverse misure per controllare i daimyo, tra cui la politica sankin-kōtai di rotazione forzata della residenza tra i feudi ed Edo. Nel 1639, lo shogunato iniziò la politica isolazionista del sakoku («paese chiuso») che diede due secoli e mezzo di tenue unità politica conosciuto come periodo Edo. Questo viene spesso considerato come l'apice della cultura medievale giapponese. Lo studio delle scienze occidentali, conosciuto come rangaku, continuò in questo periodo mediante contatti con l'enclave olandese di Dejima a Nagasaki. Il periodo Edo vide la nascita del kokugaku, letteralmente «studi giapponesi», sebbene più correttamente rappresenti lo studio delle origini del Giappone da parte dei giapponesi stessi.[20] Yamaga Soko è uno stratega che sostenne i princìpi del Bushido. Le sue idee ebbero una forte influenza sui Quarantasette Ronin e il Sonnō jōi. Il lungo governo shogunale del bakufu irrigidì lo schema sociale dell'arcipelago giapponese. La classe dirigente era rappresentata dalla grande nobiltà terriera (Bushi), feudatari dipendenti direttamente dagli Shogun Tokugawa e suddivisi in Daimyo, Hatamoto, Gokenin e Bashin. Il territorio era suddiviso in dieci regioni:

  • Gokinai (le cinque province interne)
  • To kai do (strada per il mare orientale)
  • To san do (strada per i monti orientali)
  • Foku roku do (paese del territorio settentrionale)
  • San in do (strada per la zona ombrosa delle montagne)
  • San yo do (strada per la zona soleggiata delle montagne)
  • Nan kai do (strada per il mare meridionale)
  • Sai kai do (strada per il mare occidentale)
  • isola Iki
  • isola Tsushima
  • governo militare di Ezo (Hokkaido)

Giappone moderno[modifica | modifica sorgente]

L'imperatore Meiji (1868-1912).

Il 31 marzo 1854, il commodoro Matthew Perry e le "Navi Nere" della marina degli Stati Uniti forzarono l'apertura del Giappone all'Occidente con la Convenzione di Kanagawa. La guerra Boshin del 1867-1868 condusse all'abdicazione dello shogunato e alla restaurazione Meiji instaurando un governo centrato intorno all'imperatore. Il Giappone adottò numerose istituzioni occidentali, inclusi un sistema legale, un esercito moderno e un sistema parlamentare, quest'ultimo modellato su quello britannico, con Hirobumi Ito come Primo Ministro nel 1882.

Il periodo Meiji di riforme trasformò l'Impero del Giappone in una potenza mondiale, che si imbarcò in diversi conflitti militari per aumentare il suo accesso alle risorse naturali e la sua influenza su Corea e Cina, come la prima guerra cino-giapponese (1894-1895) e la guerra russo-giapponese (1904-1905). Con quest'ultima per la prima volta una nazione asiatica sconfisse una potenza europea. Nel 1910 il Giappone controllava la Corea e la metà meridionale di Sakhalin. L'anno successivo i trattati ineguali firmati dal Giappone con le potenze occidentali vennero cancellati.

L'inizio del XX secolo vide un breve periodo di "democrazia Taisho", messa in ombra dalla crescita dell'espansionismo giapponese e della militarizzazione. La prima guerra mondiale permise al Giappone, che combatté al fianco degli Alleati vittoriosi, di espandere la sua sfera di influenza in Asia e i suoi possedimenti coloniali nel Pacifico. Nel contempo, solamente l'ultimatum di Gran Bretagna e Stati Uniti fecero desistere il Giappone dal trasformare la Cina in un suo vassallo ("Lista delle ventun richieste"). Nel 1920 il Giappone si unì alla Società delle Nazioni divenendone un membro del consiglio di sicurezza, ma nel 1933 ne uscì in seguito alle critiche per l'occupazione della Manciuria del 1931. Nel 1936 firmò il patto anti-Comintern con la Germania nazista, unendosi all'Asse nel 1940 (Patto tripartito).

Il Giappone attaccò il resto della Cina nel 1937, iniziando così la seconda guerra sino-giapponese. In risposta alle sue azioni, alcuni Stati occidentali, tra cui principalmente gli Stati Uniti, il Regno Unito e i Paesi Bassi, imposero un embargo delle forniture di petrolio e altre sanzioni. Il 7 dicembre 1941 l'aviazione giapponese, senza dichiarazione di guerra, attaccò la base navale statunitense ancorata a Pearl Harbor, nelle Hawaii, e la distrusse in gran parte. Quest'azione fece entrare nella seconda guerra mondiale gli Stati Uniti, che quattro giorni dopo ricevettero la dichiarazione di guerra da Germania e Italia.

Con progressione costante le forze giapponesi furono respinte o distrutte. Man mano che gli Stati Uniti si portavano sempre più vicini al Giappone furono in grado di sferrare un numero sempre più alto di bombardamenti strategici su città come Tōkyō e Osaka, culminati infine con il bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki. Questi attacchi uccisero diverse centinaia di migliaia di giapponesi e portarono al termine della guerra. A seguito di ciò, il 2 settembre 1945 il Giappone accettò una resa incondizionata. Venne organizzato un tribunale militare per perseguire i leader giapponesi per crimini di guerra. Altri criminali di guerra vennero giudicati in tribunali locali dell'Asia e del Pacifico. L'Imperatore Hirohito ricevette l'immunità e mantenne la posizione di imperatore.

Molti storici criticano il lavoro fatto dal generale Douglas MacArthur e dai suoi collaboratori per esonerare l'Imperatore Hirohito e tutti i membri della famiglia imperiale coinvolti nella guerra come i principi Yasuhito Chichibu, Tsuneyoshi Takeda, Yasuhiko Asaka, Naruhiko Higashikuni, Kotohito Kan'in e Hiroyasu Fushimi.[21][22]

Herbert Bix sostiene inoltre che "le misure straordinarie adottate da MacArthur per salvare Hirohito dall'essere processato come criminale di guerra ebbero un duraturo e profondo impatto distorsivo sulla comprensione della guerra da parte dei giapponesi", e che "nei mesi dopo che il processo di Tōkyō iniziò, i più elevati sottoposti di MacArthur stavano lavorando per attribuire la sostanziale responsabilità per Pearl Harbor a Hideki Tojo".[23] Shuichi Mizota, l'interprete dell'ammiraglio Mitsumasa Yonai, ha dichiarato che Bonner Fellers incontrò l'ammiraglio il 6 marzo 1946 e gli disse: "sarebbe più conveniente se da parte giapponese ci arrivasse la prova che l'Imperatore è completamente innocente. Credo che l'incombente processo offra la migliore opportunità di farlo. Su Tojo, in particolare, dovrebbe gravare il peso di tutta la responsabilità in questo processo".[24][25] Nel 1951 fa il Patto di San Francisco con gli Stati Uniti. Per John Dower, un altro storico americano, "la riuscita campagna per assolvere l'Imperatore dalle responsabilità di guerra non conobbe limiti. Hirohito non fu solo semplicemente presentato come innocente di ogni atto formale che avrebbe potuto renderlo indiziato come criminale di guerra. Egli fu trasformato in una figura quasi santa senza la minima responsabilità morale per la guerra", "con il pieno supporto del quartier generale di MacArthur, l'accusa, in effetti era come una squadra di difensori dell'imperatore".[26]

La guerra costò al Giappone milioni di vite e distrusse la maggior parte della struttura industriale e infrastrutturale. Nel 1947 il Giappone adottò una nuova costituzione pacifista, cercando la cooperazione internazionale, enfatizzando i diritti umani e le pratiche democratiche. L'occupazione statunitense durò ufficialmente fino al 1952; nel 1956 il Giappone divenne membro delle Nazioni Unite. Grazie a un programma di sviluppo industriale aggressivo e con l'assistenza degli Stati Uniti, l'economia giapponese crebbe rapidamente fino a diventare la seconda più grande economia del mondo, con un tasso di crescita medio del 10% per quattro decenni. Questa crescita si arrestò all'inizio degli anni novanta, quando il paese soffrì una grave recessione. A partire dal 2001 il Giappone ha ripreso a crescere grazie alle riforme dell'ex premier Junichiro Koizumi, ed ha anche riacquistato prestigio militare, affiancando gli USA nella guerra al terrorismo.

Più recentemente, in data 11 marzo 2011, il Giappone ha subito il terremoto più forte mai registrato nella sua storia (e uno dei più violenti di sempre), con epicentro a 130 km al largo di Sendai; lo tsunami provocato dalla violenta scossa ha prodotto ingenti devastazioni e causato la morte di oltre 25.000 persone, nonché creato grave allarme circa la sicurezza delle centrali nucleari del paese, alla luce del grave incidente verificatosi nell'impianto di Fukushima.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia del Giappone.
Mappa topografica del Giappone.

L'arcipelago giapponese è composto da un totale di 6 852 isole situate al largo delle coste orientali asiatiche, confina con il Mar di Ohotsk a Nord, l'Oceano Pacifico ad Est, il Mar Cinese Orientale a Sud e il Mar del Giappone ad Ovest.[27][28] Il Paese, comprese tutte le isole da esso controllate, si trova tra le latitudini 24° e 46° N, e longitudine 122° e 146° E.[27] Le quattro isole principali, da nord a sud, sono Hokkaido, Honshu, Shikoku, Kyushu, le quali formano un arco lungo circa 3000 km che si apre verso nord-ovest. Le isole Ryukyu, Okinawa compresa, sono situate a sud di Kyūshū.[29]

Il 73% del territorio giapponese è composto da foreste e montagne rendendolo inadatto per l'uso agricolo, industriale o residenziale.[7][30] Il sistema montuoso principale è costituito dalle Alpi Giapponesi situate al centro di Honshu, a cavallo della fossa tettonica Itoigawa-Shizuoka.[31] La maggior parte delle vette, caratterizzate da forme spigolose e cime scoscese, sfiorano e in alcuni casi superano i 3 000 metri[31] (la vetta più alta è il Monte Fuji-san, 3 776 m).[32] Le pianure, delle quali la pianura Kanto è la più vasta, sono situate lungo la costa o lungo le vallate interne.[33]

Le isole del Giappone si trovano in una zona vulcanica all'interno della cintura di fuoco del Pacifico. Esse sono principalmente il risultato di grandi movimenti oceanici verificatisi nel corso di centinaia di milioni di anni a partire dalla metà del Siluriano al Pleistocene a causa della subduzione della placca delle Filippine sotto la placca dell'Amur e della placca di Okinawa a sud, e della subduzione della placca pacifica sotto la placca di Okhotsk a nord. Il Giappone era originariamente collegato alla costa orientale del continente eurasiatico. I movimenti oceanici hanno spinto il Giappone verso est, formando il Mar del Giappone circa 15 milioni di anni fa.[34]

Il Giappone ha 108 vulcani attivi.[35][36] Terremoti distruttivi, spesso con conseguenti tsunami, si verificano più volte ogni secolo.[37] Il terremoto del Kanto nel 1923 uccise oltre 140 000 persone.[38] Tra i terremoti più recenti più importanti si ricordano il grande terremoto di Kobe del 1995 e il terremoto del Tohoku dell'11 marzo 2011. Quest'ultimo fece registrare un magnitudo 9.0[39] innescando uno tsunami di grandi dimensioni.[40]

Idrografia[modifica | modifica sorgente]

Vista aerea del fiume Shinano.

A causa della conformazione stretta ed allungata delle isole giapponesi, i fiumi che attraversano il Paese sono generalmente brevi. Essi, inoltre, rigonfi durante il disgelo primaverile o le piogge estive, diventano esigui corsi d'acqua durante la stagione asciutta; la scarsa profondità e le frequenti rapide ne permettono la navigazione unicamente a imbarcazioni molto leggere. Il fiume più lungo è lo Shinano, nell'isola di Honshu, con un corso di circa 370 km;[41] sull'isola altri fiumi importanti sono il Tone, il Kitakami, il Tenryu e il Mogami.[42] Tra i principali fiumi di Hokkaido vi sono l'Ishikari, secondo fiume giapponese per estensione del bacino,[43] oltre al Teshio e al Tokachi.[44] Lo Yoshino è il maggiore fiume di Shikoku.[45] Numerosi sono i laghi, alcuni di origine vulcanica, che spesso si formano nelle caldere dei vulcani spenti e altri formati da sbarramenti delle valli fluviali; in gran parte sono situati in montagna, dove spesso sono diventati luoghi di soggiorno estivi. Il principale è il lago Biwa, nell'isola di Honshu, che ha una superficie di 670 km² e una profondità di 104 m.[41]

Clima[modifica | modifica sorgente]

La fioritura dei fiori di Sakura durante l'Hanami.

Il clima del Giappone è generalmente temperato ma varia a volte in modo sensibile da nord a sud. La temperatura media invernale è di 5,1 °C mentre la temperatura media estiva è di 25,2 °C.[46] La più alta temperatura misurata in Giappone è di 41 °C fatta registrare il 12 agosto 2013.[47] La stagione delle piogge inizia a maggio ad Okinawa. Fondamentalmente è possibile dividere l'arcipelago in sei distinte zone:

  • Hokkaidō - situata all'estremo nord della regione, ha inverni rigidi ed estati fresche con clima prevalentemente montano. Le precipitazioni sono normali, tranne in inverno in cui le isole vengono solitamente sepolte dalla neve.
  • Mar del Giappone - ad ovest, in inverno vi sono forti nevicate causate dai venti che in estate espongono a brezze fresche la regione. In ogni caso le temperature possono raggiungere a volte picchi elevati (tipico delle regioni toccate dal Föhn).[48]
  • Isola centrale - clima tipico delle parti più interne delle isole, con forti sbalzi di temperatura dall'estate all'inverno e dal giorno alla notte. Poche precipitazioni.
  • Seto Naikai - la zona marina tra Honshū, Shikoku e Kyūshū viene riparata dai monti Chūgoku e Shikoku dai venti caratterizzando l'area con un clima particolarmente mite durante tutto l'anno.
  • Oceano Pacifico - la costa est in cui gli inverni sono rigidi con poche precipitazioni e estati calde e afose.
  • Isole a sud ovest - zona caratterizzata da un clima subtropicale con inverni caldi e estati torride. Le precipitazioni sono abbondanti e sovente si abbattono tifoni.

Geografia politica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Prefetture del Giappone, Regioni del Giappone, Città del Giappone, Municipalità del Giappone, Cittadina del Giappone e Villaggio del Giappone.

Divisioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Il Giappone è suddiviso in otto regioni geografiche (Hokkaido, Tohoku, Kanto, Chubu, Kansai, Chugoku, Shikoku, Kyushu) e in 47 prefetture, ciascuna controllata da un governatore elettivo, da un'assemblea legislativa e da una burocrazia amministrativa. Ogni prefettura è ulteriormente suddivisa in città, paesi e villaggi.[49] La nazione è attualmente in fase di riorganizzazione amministrativa col principale intento di unire molte delle attuali città, paesi e villaggi gli uni con gli altri. Questo processo consentirà di ridurre il numero di sotto-prefetture e di regioni amministrative permettendo di alleggerire i costi amministrativi.[50]

Hokkaidō Aomori Akita Iwate Yamagata Miyagi Fukushima Niigata Tochigi Gunma Ibaraki Nagano Saitama Chiba Tōkyō Kanagawa Toyama Ishikawa Gifu Fukui Yamanashi Shizuoka Aichi Shiga Kyoto Mie Nara Hyōgo Ōsaka Wakayama Tottori Okayama Shimane Hiroshima Yamaguchi Kagawa Tokushima Ehime Kochi Fukuoka Ōita Saga Nagasaki Kumamoto Miyazaki Kagoshima Okinawa Tōkyō Kanagawa Ōsaka WakayamaRegions and Prefectures of Japan 2.svg
Informazioni sull'immagine

Città principali[modifica | modifica sorgente]

Le aree urbanizzate si concentrano lungo le coste dove le città sono sorte in corrispondenza delle zone pianeggianti e coltivabili, sviluppandosi poi come centri portuali e industriali. Da Tokyo-Yokohama sino a Osaka si estende un'unica grande conurbazione comprendente diverse città per un totale di oltre 25 milioni di abitanti.[51]

La città più popolata è Tokyo, nonché capitale del Paese nipponico, con i suoi 8 956 000 abitanti,[52] è considerato dalle Nazioni Unite il maggiore agglomerato urbano al mondo. Tokyo possiede una suddivisione amministrativa che prevede 23 quartieri speciali (ku), 26 città (shi), 5 paesi (machi) e 8 villaggi (son o mura).[53]

Altri importanti centri sono Osaka, importante porto e scalo aeroportuale, nonché tra i principali centri finanziari del Paese;[54] Nagoya, centro industriale che si distingue per le porcellane, i tessili e la ceramica;[55] Kyoto, la capitale storica, nota soprattutto per le attività nel campo della produzione di oggetti d'arte, tra cui la tessitura e la stampa della seta;[56] e Kobe, importante porto, e tra le città più apprezzate dai turisti.[54]

Di seguito le prime cinque città giapponesi per abitanti aggiornate al 2 maggio 2012.[52]

Posizione Città Prefettura Regione Abitanti Foto
1 Tokyo Tokyo PrefSymbol-Tokyo.svg Tokyo Kanto 8 956 000 Tokyo tower aerial night.jpg
2 Yokohama Yokohama Flag of Kanagawa Prefecture.svg Kanagawa Kanto 3 960 000 Yokohama, Japan.jpg
3 Osaka Osaka Flag of Osaka Prefecture.svg Osaka Kansai 2 670 000 Osaka Castle 03bs3200.jpg
4 Nagoya Nagoya Flag of Aichi Prefecture.svg Aichi Chubu 2 266 000 View from Midland Square Nagoya.JPG
5 Sapporo Sapporo Flag of Hokkaido Prefecture.svg Hokkaido Hokkaido 1 906 000 Sapporo2005-1-9.jpg

Popolazione[modifica | modifica sorgente]

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Giapponesi e Demografia del Giappone.
Ainu, una minoranza etnica del Giappone.

Il Giappone ha una popolazione di 127 770 794 abitanti.[7] Avendo una superficie di 372.824 km² ha una densità abitativa di circa 343 abitanti/km², di quasi sette volte superiore alla media mondiale. La popolazione è distribuita in megalopoli, la maggiore delle quali ha il suo centro nella capitale Tōkyō.[57] Quest'ultima ospita 8 535 792 abitanti nella prefettura omonima, ma il tessuto urbano ininterrotto che la collega alle città circostanti conta più di 35 milioni di abitanti.

La società giapponese è linguisticamente e culturalmente omogenea,[58] il 98,5% della popolazione è formato da cittadini di etnia giapponese con un esiguo numero di lavoratori stranieri.[7] Coreani zainichi,[59] cinesi zainichi, filippini, brasiliani per lo più di origine giapponese[60] e peruviani anch'essi di origine giapponese fanno parte dei piccoli gruppi di minoranza presenti in Giappone.[61]

Una famiglia giapponese.

Il gruppo etnico nativo dominante è il popolo Yamato; altri gruppi minoritari principali includono gli indigeni Ainu[62] e i Ryukyuani,[63] così come gruppi minoritari sociali quali i burakumin.[64] Nelle Isole Ogasawara vivono gruppi di persone di diverse origini etniche e un decimo della popolazione ha origini europee, americane, micronesiane o polinesiane.[65] La popolazione del Giappone è sostanzialmente etnicamente omogenea (nel 2009, i nati all'estero non naturalizzati costituivano solo l'1,7% della popolazione totale) e gli stessi giapponesi tendono a preservare l'idea del Giappone come una società monoculturale respingendo ogni necessità di riconoscere le differenze etniche in Giappone, benché tali richieste vengano inoltrate dalle stesse minoranze etniche degli Ainu e della gente Ryukyu.[66] L'ex primo ministro giapponese Taro Aso ha una volta descritto il Giappone come una nazione di «una razza, una civiltà, una lingua e una cultura».[67]

L'aspettativa di vita in Giappone è una delle più alte al mondo: 83,5 anni.[68] Ne consegue un tasso di mortalità fra i più bassi al mondo (9,54/1000 ab), con un tasso di natalità altrettanto limitato (7,64/1000 ab) i quali determinano una diminuzione effettiva della popolazione e un suo progressivo invecchiamento. Già oggi un giapponese su quattro ha più di 65 anni, e si stima che nel 2050 questo rapporto salirà a un terzo.[57][69]

I suddetti cambiamenti nella struttura demografica hanno creato una serie di questioni sociali, in particolare un calo della potenziale forza lavoro e l'aumento del costo delle prestazioni di sicurezza sociale, come il piano pensionistico pubblico. Un numero crescente di giovani giapponesi preferisce non sposarsi o non avere una famiglia.[70] Nel 2005 il numero delle morti ha superato per la prima volta dal 1950 il numero delle nascite;[71] nel 2011, la popolazione del Giappone è scesa ancora per il quinto anno consecutivo, di 204 000 persone. Su questi dati incidono i 15 844 morti e i 3 451 dispersi lasciati dallo tsunami,[72] e l'alto numero di suicidi annuali, i quali rappresentano una delle maggiori piaghe del Paese.[73][74]

La popolazione del Giappone dovrebbe scendere a 95 milioni entro il 2050.[69] Per far fronte a questo problema sono state intraprese campagne di sensibilizzazione in favore dell'immigrazione e incentivi per le nascite in modo da contrastare l'invecchiamento della popolazione della nazione.[75] Inoltre il Giappone naturalizza circa 15 000 nuovi cittadini giapponesi all'anno.[76]

Religioni[modifica | modifica sorgente]

Torii (il portale tradizionale dei templi scintoisti) del santuario di Itsukushima.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Religioni in Giappone.

Il Giappone gode di una piena libertà religiosa ai sensi dell'articolo 20 della sua Costituzione. Secondo una ricerca del 2011 il 22% della popolazione giapponese segue la religione buddista.[77] Secondo un'altra ricerca del 2008 si definiva buddista il 34% dei Giapponesi.[78] Tra il 49% e il 67%, la popolazione giapponese non riferisce una affiliazione a una religione organizzata.[77][78] Di fatto, la grande maggioranza della popolazione è legata a locali santuari e culti shinto, e una larga fetta pratica un sincretismo di scintoismo e buddismo.[7] Tra le minoranze religiose vi sono l'islamismo, l'induismo, l'ebraismo, il cristianesimo (il quale viene praticato dal 2% della popolazione giapponese[79]) e 217.154 testimoni di Geova.[80] Infine, a partire dalla metà del XIX secolo, numerosi nuovi movimenti religiosi sono emersi in Giappone.[81]

Lingua[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lingua giapponese e Lingue nipponiche.

Più del 99% della popolazione parla giapponese come prima lingua.[7] Il giapponese è una lingua agglutinante caratterizzata dalla presenza di un sistema di onorifici che riflettono la natura gerarchica della società giapponese, con forme verbali e un particolare vocabolario indicante lo stato sociale di chi parla e di chi ascolta. Il sistema di scrittura giapponese utilizza i kanji (caratteri cinesi) e due serie di kana (alfabeti sillabici basati sui caratteri cinesi semplificati), così come l'alfabeto latino e i numeri arabi.[82]

Oltre il giapponese, le lingue ryukyuane, facenti parte della famiglia delle lingue nipponiche, continuano ad essere usate a Okinawa, mentre la lingua Ainu, che non ha alcuna relazione dimostrata con la lingua giapponese o qualsiasi altra lingua, è quasi scomparsa, utilizzata solamente da pochi anziani nativi a Hokkaido.[83] La maggior parte delle scuole pubbliche e private richiedono agli studenti di seguire corsi sia in giapponese sia in inglese.[84]

Ordinamento dello Stato[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Politica del Giappone.
Il Palazzo della Dieta Nazionale a Tokyo.

Formalmente il Giappone è una monarchia parlamentare ereditaria, ma il ruolo dell'imperatore, l'unico al mondo che può fregiarsi di questo titolo, è esclusivamente simbolico, come stabilito dalla costituzione del 3 novembre 1946.[85] La successione avviene esclusivamente secondo la linea maschile della famiglia imperiale; in caso di mancanza di un erede, l'imperatore può essere scelto unicamente all'interno di quattro famiglie di principi di rango pari alla casa imperiale.[86] L'ordinamento istituzionale giapponese è quindi identificabile con le moderne democrazie parlamentari; in confronto, vi è una più marcata differenziazione dei poteri (legislativo, esecutivo, giudiziario) dovuta all'influenza degli Stati Uniti durante la stesura della costituzione.[87] All'imperatore, almeno nominalmente, spetta anche la nomina del Primo Ministro, sulla base dell'esito delle consultazioni elettorali.[87]

Il potere legislativo è affidato alle due camere della Dieta: la Camera dei Rappresentanti (Shugi-in), composta da 480 membri eletti a suffragio universale per 4 anni, e la Camera dei Consiglieri (Sangi-in), composta da 252 membri eletti per 6 anni, rinnovabili per metà ogni tre anni.[87] Il diritto di voto spetta a tutti i cittadini giapponesi che abbiano compiuto i venti anni.[86]

Il potere esecutivo è esercitato dal Primo Ministro e dal Gabinetto, da costui nominato. Il Primo Ministro è scelto dalla Dieta e i Ministri del Gabinetto devono essere in maggioranza membri della Dieta.[87]

L'imperatore Akihito e l'imperatrice Michiko.

Il potere giudiziario è del tutto separato e indipendente dal potere esecutivo: oltre che per ragioni di salute, i giudici possono essere allontanati dal loro incarico solo in caso di imputazione.[86] È amministrato da una Corte Suprema e da corti inferiori, i cui giudici sono nominati dal Gabinetto per dieci anni.[87] I giudici della Corte Suprema sono confermati o sfiduciati dagli elettori in occasione della prima elezione della Camera dei Rappresentanti successiva alla nomina. La Costituzione prevede altri tipi di tribunali: le alte corti, tribunali d'appello per i processi civili e penali condotti in primo grado da tribunali inferiori; tribunali circoscrizionali, che esercitano una giurisdizione sia d'appello sia di primo grado; tribunali di famiglia e inferiori, con giurisdizione esclusivamente di primo grado.[86]

Tra i 47 paesi che praticano la pena di morte (dato 2008[88] di Nessuno tocchi Caino), il Giappone si può contare tra i 9 che si possono definire di democrazia liberale (considerando il sistema politico, i diritti umani, i diritti civili e politici, le libertà economiche e la pratica delle regole dello stato di diritto). Particolarità del Giappone è il fatto che ai detenuti nel braccio della morte non venga comunicata la data dell'esecuzione, ed essi ne siano informati solo un'ora prima della stessa. Con le 17 esecuzioni effettuate nel 2008, il Giappone ha superato il numero record del 1975, anno in cui le esecuzioni furono 15; nel 2007 erano state giustiziate 9 persone, 4 nel 2006. Ciò mostra elementi di escalation, dato anche che dal 1998 al 2005 si è registrato un totale di 16 esecuzioni, ovvero una media di due all'anno. Fino al 2006, per 15 mesi, si era verificata una moratoria di fatto delle esecuzioni; il Ministro della Giustizia dell'epoca, Seiken Sugiura (di confessione buddista), era contrario alla pena capitale.[88]

Simboli[modifica | modifica sorgente]

I principali simboli che rappresentano il Giappone, come decretato dalla legge sulla Bandiera e Inno Nazionale del 1999, sono:[89]

Forze armate[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Jieitai.
Militari dell'esercito giapponese nel 2006.

A seguito della sconfitta del Giappone nella seconda guerra mondiale l'atteggiamento nei confronti della guerra, delle forze armate e del coinvolgimento militare nella politica ebbe un cambiamento sostanziale portando allo smantellamento totale di ogni struttura e alla rimozione di tutte le cariche militari. Inoltre il trauma della sconfitta produsse un forte sentimento pacifista che trovò la sua espressione nella Costituzione del 1947 (Nihonkoku Kenpō), la quale, all'articolo 9 dichiara:[90][91]

« Il popolo giapponese rinuncia per sempre alla guerra come diritto sovrano della nazione e alla minaccia di un uso della forza per risolvere le dispute internazionali, [...] i potenziali di forze terrestri, aeree o navali non saranno più mantenuti »
(Art. 9 dell Costituzione del Giappone)

Così dopo la guerra fu istituito il corpo delle Forze di autodifesa giapponesi (in giapponese Jieitai, in inglese Japan Self-Defense Forces o JSDF) la cui unica funzione era quella di difendere il territorio nazionale da eventuali attacchi o invasioni esterne.[91] Tuttavia a seguito dei fatti dell'11 settembre 2001 venne approvata la legge antiterrorismo, la quale autorizzava l'invio di unità delle JSDF oltremare in supporto alle forze americane e della coalizione, supporto tuttavia limitato solo alla logistica, consentendo la partecipazione delle JSDF a operazioni quali trasporto di munizionamento, supporto medico, ricerca e salvataggio trasporto e distribuzione di aiuti umanitari, opere di ricostruzione di infrastrutture.[91] Nel 2003 vennero inviate, disarmate, in Iraq per la ricostruzione del Paese e la fornitura alle popolazioni locali di generi e aiuti di prima necessità.[92][93] Nel 2007 si incominciò a discutere di una modifica dell'articolo 9 della Costituzione, con l'intento di dotare il Giappone di un esercito ufficiale,[94] e l'argomento è tornato d'attualità nel 2012, soprattutto dopo l'incrinamento dei rapporti con le altre due potenze asiatiche, Cina e Corea del Sud.[95] Attualmente, in Giappone è in vigore il divieto di esportare armi e tecnologia militare.[96]

Le JSDF, formate esclusivamente da civili volontari, si dividono in forze terrestri (Rikujō Jieitai), marina militare (Kaijō Jieitai) e aeronautica militare (Kōkū Jieitai) per un totale di 239 430 volontari attivi (nel 2011),[97] numeri che collocano formalmente il Giappone al 9º posto al mondo per potenza militare.[98]

Ordinamento scolastico[modifica | modifica sorgente]

Una tipica aula di una scuola giapponese.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Istruzione in Giappone.

Le scuole primarie, le scuole secondarie e le università sono state introdotte nel 1872 a seguito della restaurazione Meiji.[99] Dal 1947, l'istruzione obbligatoria in Giappone comprende scuola elementare e media, per un totale di nove anni (dai 6 ai 15 anni).[100] Quasi tutti gli studenti proseguono gli studi nei tre anni di liceo, mentre il 50% di essi frequenta un'università, una scuola professionale o un altro istituto di istruzione superiore, e di questi l'80% riesce a laurearsi.[101]

Le due università di alto livello in Giappone sono l'Università di Tokyo e l'Università di Kyoto.[102] Il Programma per la valutazione internazionale dell'allievo coordinato dall'OCSE colloca attualmente la conoscenza globale e le competenze dei ragazzi giapponesi di 15 anni al sesto posto al mondo.[103]

Sistema sanitario[modifica | modifica sorgente]

Il sistema sanitario in Giappone è pubblico e prevede il pagamento di una forma assicurativa obbligatoria per tutti coloro che si trovano ad essere residenti nel Paese. Esistono due categorie assicurative: la Kenkō-Hoken, un'assicurazione definita sociale (per i lavoratori indipendenti e per gli studenti) e la Kokumin-Kenkō-Hoken, l'assicurazione sanitaria nazionale in uso tra i lavoratori dipendenti. L'assicurazione pubblica giapponese copre il 70% delle cure, il paziente è responsabile per il restante 30%, nei limiti previsti da regolamenti particolari. Sono disponibili assicurazioni sanitarie di tipo privato atte a coprire esclusivamente quel 30% dei costi attribuibili al cittadino. In Giappone il servizio ospedaliero viene praticato dagli ospedali nazionali e regionali pubblici e privati; il paziente ha completo accesso ai servizi medici.[104][105][106]

Politica[modifica | modifica sorgente]

Politica interna[modifica | modifica sorgente]

L'attuale Premier giapponese Shinzo Abe.

L'attuale legge elettorale è stata approvata nel 1993 e modificata marginalmente prima delle elezioni del 2000. I governi giapponesi durano in media sedici mesi: ve ne sono stati 42 dal novembre 1955 al 2012 e addirittura 8 dal maggio 1947 al novembre 1955 (si è trattato in genere di governi di minoranza). Vi sono stati anche primi ministri che hanno presieduto più governi: Eisaku Sato è restato in carica per quasi 8 anni dal novembre 1964; più recentemente Junichiro Koizumi ha guidato l'esecutivo per più di cinque anni dall'aprile 2001.[107]

In Giappone vi sono oggi due principali partiti e numerosi altri minori ed è consuetudine che il segretario o presidente del partito di maggioranza diventi Primo Ministro. I principali partiti giapponesi sono il Partito Liberal Democratico, di tendenza conservatrice, e il Partito Democratico, di tendenza socialdemocratica e progressista. Altri partiti importanti sono quelli Socialista e Comunista. In particolare il Partito Liberal Democratico ha governato ininterrottamente dal 1946 al 2009, riscuotendo sempre un grande consenso dal popolo.[107]

Dal 2005 al 2012 si sono alternati otto diversi primi ministri. Dopo che Junichiro Koizumi fece approvare alcune riforme impopolari, si dimise nel 2006 in favore del conservatore nazionalista Shinzo Abe. Anche quest'esperienza durò poco, e al suo posto subentrò nel settembre 2007 il moderato Yasuo Fukuda che pure rimase in carica un anno.[108] Ultimo premier LDP prima delle elezioni fu un altro conservatore Taro Aso.[109] Le elezioni vennero indette il 30 agosto 2009, e a sfidare Aso fu il candidato del Partito Democratico (neonata formazione di centro-sinistra, originata però da una costola del Partito Liberal Democratico) Yukio Hatoyama. Con la storica vittoria di quest'ultimo, si spezzò dopo più di 50 anni l'egemonia politica del partito di centro-destra, che fino ad allora era sempre stato al governo; la sconfitta fu così clamorosa che Taro Aso si dimise il giorno seguente.[110]

Il 2010 ha visto le dimissioni del Premier Hatoyama dopo appena otto mesi, a causa delle dure polemiche scaturite dal mancato spostamento della base Usa dall'isola di Okinawa. Hatoyama è stato il quinto Primo Ministro a dimettersi in un periodo di cinque anni.[111] Al suo posto, l'8 giugno 2010, è subentrato il leader democratico Naoto Kan[112] prima di lasciare spazio, dopo alcuni errori nella gestione delle emergenze legate al terremoto del Tohōku, a Yoshihiko Noda.[113]

Nel novembre 2012 Noda ha convocato delle nuove elezioni anticipate,[114] che hanno decretato la fine, dopo tre anni, dell'egemonia del Partito Democratico a favore di un ritorno del Partito Liberal Democratico, con la nomina a Primo Ministro di Abe, già Premier nel biennio 2006-2007.[115]

Politica estera[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Relazioni internazionali del Giappone.
L'allora primo ministro Yasuo Fukuda rappresenta il Giappone al 34º G8, tenutosi a Hokkaido nel 2008.

Il Giappone è un membro del G8, dell'APEC e dell'ASEAN Plus Three con ruolo di coordinatore nell'area di libero scambio dell'ASEAN, partecipando inoltre all'East Asia Summit. Nel marzo 2007 ha siglato un patto di sicurezza con l'Australia,[116] bissato nell'ottobre 2008 da quello con l'India.[117]

In seguito alla sconfitta del Giappone nella seconda guerra mondiale e alla successiva occupazione statunitense, il Giappone e gli Stati Uniti sono legati da solide relazioni economiche e militari.[118]

Stato membro delle Nazioni Unite dal 1956, il Giappone ha servito anche come membro non permanente del Consiglio di Sicurezza, per un totale di 20 anni, più di recente nel 2009 e nel 2010.[119] Fa inoltre parte della coalizione denominata G4 (India, Germania, Giappone e Brasile).

Ci sono attualmente svariate dispute aperte con le nazioni vicine relative al controllo di determinate isole, solitamente concernenti interessi di tipo economico (estrazione di petrolio o gas naturale), tra le quali le isole Curili[120] con la Russia, le rocce di Liancourt con la Corea del Sud,[121] le isole Senkaku con Cina e Taiwan[122] e la disputa con la stessa Cina per quanto concerne l'amministrazione economica dell'isola di Okinotorishima.[123] Ultimamente poi i rapporti con la Corea del Nord sono nuovamente degenerati in seguito agli esperimenti nucleari di quest'ultima. A metà febbraio 2007 il governo giapponese ha messo in orbita due satelliti-spia militari per la sorveglianza dallo spazio della regione, con particolare attenzione alla penisola coreana.[124]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Economia del Giappone.
Sala principale della borsa di Tokyo, dove tutte le transazioni avvengono telematicamente.

A partire dal 1868 iniziò la prima espansione economica del Giappone, grazie all'Imperatore Mutsuhito. Il Paese adottò le idee anglosassoni del libero mercato, molti giapponesi iniziarono a studiare all'estero e viceversa. In quel periodo sorsero alcune delle maggiori aziende del Paese, che così già all'inizio del Novecento divenne il più sviluppato dell'Asia.

Dopo la seconda guerra mondiale il Giappone fu protagonista di un “miracolo economico”: il suo prodotto interno lordo crebbe in media del 10% negli anni sessanta, del 5% nei settanta e del 4% negli ottanta.[125] La crescita rallentò fortemente negli anni novanta, con lo scoppio della bolla speculativa e l'emersione di alcune debolezze locali sul mercato interno, in politica, nei settori bancario e finanziario e nei conti pubblici (il debito pubblico giapponese ammonta a ben oltre il 200% del PIL).[126] Il Paese tentò anche di riprendersi leggermente, almeno fino al collasso delle dot com nel 2000.[127] Dopo il 2005 l'economia ha ricominciato a crescere del 2,8%, fino a punte del 5,5 negli anni immediatamente successivi, più degli Stati Uniti e dell'Unione Europea.[128]

Oggi il Giappone è la seconda potenza economica dell'Asia, e la terza[3] al mondo per PIL nominale dopo Stati Uniti e Cina, e quarta per PIL a parità di potere d'acquisto, sorpassata nel 2012 dall'India.[129][130] L'industria è tra le più imponenti ed avanzate al mondo, ed è dominata da due settori chiave, la produzione di automobili[131] e l'elettronica di consumo,[132] seguite dai settori siderurgico, chimico, farmaceutico, della gomma, petrolchimico, cantieristico, motociclistico, microelettronico, videoludico, tessile, alimentare, del legno, dei laterizi, del tabacco e degli strumenti musicali.[127] Nel Paese si trovano sia grandi multinazionali (Toyota, Honda, Sony, Panasonic, Yamaha, Toshiba, Sharp, Canon, Nintendo, SEGA, Bridgestone, Japan Tobacco, NTT, Nippon Steel, Nippon Oil)[133] sia piccole e medie aziende. Inoltre hanno sede alcune delle maggiori banche mondiali, e la Borsa di Tokyo, seconda al mondo per capitalizzazione.[134] Più limitato è il ruolo dell'agricoltura (riso, tè, patate, ortaggi) e dell'allevamento, mentre la pesca locale è seconda al mondo dopo quella della Cina.

Nel 2001 il Giappone contava su una popolazione attiva di 67 milioni di persone,[135] e solo il 4% degli adulti è disoccupato. Nonostante il reddito pro capite dei giapponesi sia ancora 19º al mondo[136] e il salario orario sia il più alto in assoluto,[137] il paese deve fare i conti con l'aumento della povertà (20 milioni di persone).

Le esportazioni del Giappone ammontavano a 4 210 dollari pro capite nel 2005, e sono rappresentate in primo luogo da automobili e prodotti elettronici. I suoi principali clienti sono: Stati Uniti 22,8%, Unione europea 14,5%, Cina 14,3%, Corea del Sud 7,8%, Taiwan 6,8% ed Hong Kong 5,6%. Il Paese importa soprattutto materie prime agricole e minerarie, da: Cina 20,5%, Stati Uniti 12,0%, Unione europea 10,3%, Arabia Saudita 6,4%, Emirati Arabi Uniti 5,5%, Australia 4,8%, Corea del Sud 4,7%, Indonesia 4,2%.[138].Il 4.7% dell'economia appartiene al settore primario, il secondario per il 29.7% e il terziario occupa il 65.6%

Agricoltura e pesca[modifica | modifica sorgente]

Una coltivazione di riso giapponese.

In passato, come oggi, la coltura principale giapponese era il riso, a tal punto che durante il periodo Edo il valore di un feudo era misurato in koku, un'unità di misura che indicava quanto riso era in grado di produrre tale feudo, corrispondente alla quantità di riso necessaria a sfamare una persona per un anno. Il riso ha sempre rivestito un ruolo chiave nell'alimentazione giapponese, a tal punto che le coltivazioni venivano considerate obiettivi principali degli alleati durante la seconda guerra mondiale; ciò portò a diverse carestie che vennero superate solo tramite delle speciali riforme agrarie mirate. Nel luglio 1999 fu approvata una nuova legge che indirizzava l'agricoltura giapponese al mercato internazionale.[139] Attualmente in Giappone l'agricoltura ha pochi addetti poiché la maggioranza della forza lavoro è impiegata nel settore dell'industria e dei servizi. Si pratica inoltre un'agricoltura di tipo intensivo, con lo scopo di sfruttare al massimo il poco terreno pianeggiante disponibile, corrispondente al circa 15% del suolo giapponese. La grande estensione latitudinale del Giappone consente la coltivazione di molti prodotti differenti: oltre al riso si coltivano anche ortaggi, cereali e legumi tipici delle zone a clima temperato e prodotti tipici dei climi subtropicali come la canna da zucchero, il , tabacco e alberi da frutto (soprattutto ciliegi).[139]

Fin dall'antichità anche la pesca ha avuto un ruolo importante nell'alimentazione dei giapponesi, che a differenza degli europei hanno una cucina basata sull'utilizzo del pesce più che della carne, i prodotti ittici infatti sono la maggiore fonte di proteine per la popolazione giapponese. La conformazione territoriale del Giappone è particolarmente adatta alla pratica della pesca: il mare che bagna le zone costiere e le numerose baie è molto pescoso soprattutto grazie all'azione benefica della corrente calda Kuroshio a sud e di quella fredda Oyashio a nord, situazioni favorevoli che hanno portato il Giappone ad affermarsi al secondo posto nell'industria della pesca mondiale dopo la Cina.[140] Dal periodo Edo fino al 1972 si passò da una raccolta di pesce di circa 4 milioni di tonnellate a circa 10 milioni grazie ai provvedimenti che lo Stato assunse dopo la guerra. Oltre alla pesca di merluzzi, tonni, sardine, aringhe, salmoni, crostacei, molluschi e altri pesci per il fabbisogno alimentare, in Giappone vengono pescate anche le ostriche perlifiche per la raccolta di perle.[140]

Scienza e tecnologia[modifica | modifica sorgente]

Il Japanese Experiment Module (Kibo) sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Il Giappone è una nazione leader nel campo della ricerca scientifica, in particolare nella tecnologia, nella produzione di macchinari e nella ricerca biomedica. Nella ricerca e sviluppo vengono impiegati circa 700 000 ricercatori con un fondo destinato di 130 miliardi di dollari, il terzo al mondo dopo Stati Uniti e Cina.[141] Il Giappone è uno dei leader mondiali nella ricerca scientifica fondamentale, avendo prodotto sedici premi Nobel per la chimica, la fisica e la medicina,[142] tre medaglie Fields,[143] e un Gauss Prize.[144] I contributi più importanti del Giappone nel progresso tecnologico sono nei campi dell'elettronica, automobili, macchinari, ingegneria sismica, robotica industriale, ottica, chimica, semiconduttori e metalli. Il Giappone inoltre è leader mondiale nella produzione e nell'uso della robotica, possedendo più della metà (402 200 su 742 500) dei robot industriali del mondo.[145]

L'Agenzia Spaziale Giapponese (JAXA), è attiva nella ricerca aerospaziale occupandosi dello sviluppo di razzi e satelliti e partecipando alle missioni della Stazione Spaziale Internazionale: il Japanese Experiment Module (Kibo) ha partecipato alle missioni di assemblaggio dello Space Shuttle nel 2008.[146]

Il 14 settembre 2007, fu lanciata partendo dal Tanegashima Space Center la sonda lunare SELENE (Selenological and Engineering Explore) su un razzo vettore H-IIA (modello H2A2022). SELENE è anche conosciuto col nome di Kaguya, ispirandosi al racconto della “principessa lunare” in Taketori monogatari.[147] Lo scopo di Kaguya era quello di raccogliere dati sull'origine della Luna e sulla sua evoluzione. Entrò nell'orbita lunare il 4 ottobre 2007,[148][149] volando ad un'altitudine di circa 100 km.[150] Una volta terminata la missione fu fatta deliberatamente schiantare dalla JAXA sulla Luna l'11 giugno 2009.[151]

Le missioni previste dalla JAXA nel campo dell'esplorazione spaziale sono il lancio della sonda spaziale Akatsuki su Venere,[152][153] lo sviluppo della missione BepiColombo che vedrà la luce nel 2013[154][155] e la costruzione di una base lunare entro il 2030.[156]

Energia e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Produzione di energia elettrica in Giappone e Trasporti in Giappone.

Nel 2008, il 46,4% dell'energia del Giappone veniva prodotta dal petrolio, il 21,4 dal carbone, il 16,7% dal gas naturale, il 9,7% dal nucleare il 2,9% dall'energia idroelettrica. Nel 2009 l'energia nucleare prodotta rappresentava il 25,1% di tutta l'energia elettrica del Giappone.[157] Tuttavia, a partire dal 5 maggio 2012, tutte le centrali nucleari del Paese sono state dismesse a causa della continua opposizione dell'opinione pubblica a seguito del disastro nucleare di Fukushima Dai-ichi,[158] anche se da settembre 2012 sono stati riattivati i reattori considerati sicuri per far fronte al fabbisogno delle aziende, con il programma di chiuderli definitivamente entro il 2030.[159] Data la sua forte dipendenza dalle importazioni di energia,[160] il Giappone ha l'obiettivo primario di diversificare le fonti e mantenere elevati i livelli di efficienza energetica.[161]

Capolinea della East Japan Railway Company, con in primo piano dei treni Shinkansen.

La rete dei trasporti giapponese dispone di 1,2 milioni di chilometri di strade asfaltate,[162] tutte le autostrade sono a pagamento e sono disponibili aree adibite al noleggio auto nella maggior parte delle città di medie e grandi dimensioni, così come negli aeroporti e nelle principali stazioni ferroviarie del Paese.[163] È diffuso anche l'utilizzo di autobus, taxi e delle cosiddette step-thru, motociclette con 50 cm³ di cilindrata che possono essere guidate senza patente.[164]

Il mezzo di trasporto più utilizzato in Giappone rimane comunque il treno, con decine di imprese ferroviarie che competono nel mercato regionale e locale dei trasporti per passeggeri; tra le maggiori aziende del settore vi sono la Japan Railways Group, le ferrovie Kintetsu, le ferrovie Seibu e la Keiō Corporation. I treni ad alta velocità Shinkansen collegano le principali città e sono sinonimo di sicurezza e puntualità.[164][165] Inoltre è in progetto il prototipo di una nuova generazione di treni ad alta velocità a levitazione magnetica chiamati Maglev, progettati per operare a una velocità di crociera di oltre 480 chilometri orari.[166]

Tra i 99 aeroporti del Giappone[167] il più grande è l'Aeroporto di Tokyo-Haneda, nonché l'aeroporto più trafficato in Asia.[168] I principali aeroporti internazionali in Giappone sono l'aeroporto internazionale di Narita e l'aeroporto internazionale del Kansai situato nei pressi di Osaka.[169]

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Turismo in Giappone.
Akihabara (Tokyo), uno dei luoghi più visitati del Giappone.[170]

Il turismo in Giappone ha attirato 8 611 175 visitatori stranieri nel 2010,[171] dei quali il 27% erano sud coreani,[172] tuttavia il turismo interno rimane una parte vitale dell'economia giapponese e della cultura giapponese; difatti il Giappone è solo al 25º posto nella classifica delle più importanti destinazioni in termini di spesa dei visitatori stranieri. Nel 2011, prima del terremoto dell'11 marzo, l'apporto del settore turistico in Giappone era previsto essere di circa 10,5 trilioni di yen (equivalenti a circa 120 miliardi di dollari), ovvero un contributo diretto del 2.2% al PIL Giapponese e di fornire quasi 1,5 milioni di posti di lavoro.[173]

Dopo l'11 marzo gli arrivi turistici internazionali nel mese di marzo sono diminuiti del 50,3%, con una diminuzione che va dal -35% al -65% come due estremi considerando gli arrivi dai singoli Paesi, mentre i viaggi di piacere in entrata nel periodo marzo-aprile sono calati di circa il 90% sia in marzo sia in aprile. Le zone che più hanno risentito dalla catastrofe sono la zona di Sendai, colpita dallo tsunami, e Tokyo, che pur non essendo stata toccata direttamente ha registrato un calo nella domanda di prenotazioni nel mese di marzo con una diminuzione del 34% rispetto allo scorso anno.[173] Per contrastare questo andamento negativo il governo del Giappone ha deciso di regalare 10 000 biglietti aerei ai turisti stranieri nel tentativo di risollevare il turismo della nazione.[174] Nonostante ciò, il Giappone è risultato la terza meta turistica per quanto concerne le destinazioni più popolari secondo un sondaggio del 2011, dopo Stati Uniti e Gran Bretagna.[174]

Ambiente[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Politica ambientale in Giappone.
Saihouji (Kyoto), patrimonio mondiale dell'UNESCO.

La politica di preservazione ambientale del Giappone risale all'era Tokugawa (circa 1603-1867) e seguì una strategia top-down (letteralmente "dall'alto verso il basso")[175] di cui si fece promotore lo shogun stesso. All'epoca, infatti, il Giappone viveva un periodo di pace e prosperità che aveva ben presto portato a un eccessivo sfruttamento delle risorse forestali del Paese, a causa dell'eccessivo uso del legname per costruzioni, concime e combustibile sommato ai frequenti incendi e all'isolamento vissuto in quel momento dal Paese, che lo costringeva all'autosufficienza anche per il legname.

Una zona densamente popolata di Hamamatsuchō, Tokyo.

Il disboscamento ebbe la sua acme, assieme al boom edilizio, nel periodo 1570-1650. La gravità della situazione venne messa a nudo dal grande incendio del 1657 e gli shogun dell'epoca reagirono esortando alla parsimonia nello stile di vita (limitazioni nel fasto delle case) e imponendo delle rigide regole allo sfruttamento delle foreste. Già nel 1666 venne vietato il taglio degli alberi, incentivato il rimboschimento e un editto dello shogun metteva in guardia contro l'erosione, la deforestazione e l'impoverimento dei suoli. Dal 1700 fu attivo un articolato corpo di leggi per la gestione forestale (demandata al Ministero delle Finanze), che prevedeva anche una capillare rete di gestione sul territorio con diversi ambiti e gradi di responsabilità (chi poteva rilasciare il permesso di taglio, quanto tagliare, chi era demandato al controllo). Inoltre, lungo le strade principali e i fiumi, vennero istituiti dei posti di guardia per assicurarsi che tutto il legname in transito avesse rispettato le leggi. Venne inoltre ridotto l'impiego di legname nelle costruzioni e anche per il riscaldamento delle abitazioni (sostituito dal carbone); si ridusse il rischio di incendi.

Durante il periodo di rapida crescita economica dopo la seconda guerra mondiale, le politiche ambientali vennero trascurate dalle aziende governative e industriali, di conseguenza, negli anni cinquanta e sessanta l'inquinamento ambientale subì un incremento notevole. In risposta alla crescente preoccupazione per il problema, il governo introdusse diverse leggi di protezione dell'ambiente nel 1970.[176] La crisi petrolifera del 1973 inoltre incoraggiò l'uso di energia pulita a causa della mancanza del Giappone di risorse naturali.[177] Gli attuali problemi in materia ambientale riguardano l'inquinamento dell'aria urbana (NOx, particolato sospeso, e sostanze tossiche), la gestione dei rifiuti, l'eutrofizzazione delle acque, il cambiamento climatico, la gestione dei prodotti chimici e la cooperazione internazionale per la conservazione.[178]

Il Giappone è uno dei leader mondiali nello sviluppo di nuove tecnologie rispettose dell'ambiente, ed è al 20º posto al mondo secondo l'Indice di sostenibilità ambientale 2010.[179] In quanto firmatario del Protocollo di Kyoto, il Giappone ha l'obbligo di ridurre le proprie emissioni di anidride carbonica e di adottare altre misure per contrastare il cambiamento climatico.[180]

Aree protette[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Parchi nazionali del Giappone.

Le aree protette in Giappone si suddividono in parchi nazionali, controllati e gestiti dal Ministero dell'Ambiente, e parchi seminazionali, più piccoli e meno rinomati, che vengono gestiti direttamente dalle prefetture, sempre sotto la supervisione del Ministero.[181] Al 31 marzo 2008 in Giappone si contavano 29 parchi nazionali e 56 parchi seminazionali. L'area dei primi copre 20 869 km² (il 5,5% della superficie nazionale), mentre i secondi coprono 13 614 km² (il 3,6% del totale). Inoltre i 309 parchi prefetturali si sviluppano su un'area di 19 608 km² (il 5,2% del totale).[182]

In Giappone inoltre vi sono 17[183] siti riconosciuti patrimoni mondiali dall'UNESCO, tra i quali le Isole Ogasawara, la penisola di Shiretoko, Shirakami-Sanchi, e l'Isola Yakushima.[184]

Biodiversità[modifica | modifica sorgente]

Il Giappone ha nove eco-regioni forestali che riflettono il clima e la geografia delle isole. Si va dalle foreste umide subtropicali di latifoglie delle isole Ryukyu e Bonin, alle foreste temperate di latifoglie nelle regioni a clima mite delle isole principali, alle foreste boreali di conifere delle isole del nord.[185] Il Giappone inoltre ha oltre 90 000 specie di fauna selvatica, tra cui l'orso bruno, il macaco giapponese, il cane procione giapponese, e la salamandra gigante giapponese.[186] Oltre alla grande rete di parchi nazionali sono state create 37 zone umide Ramsar.[187]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cultura giapponese, Cultura popolare giapponese e Folclore giapponese.
Da in alto a sinistra: una cerimonia del tè, un esempio di ikebana, un esempio di origami, una geisha assiste un cliente.

La cultura giapponese ha subito molte modifiche nel corso dei secoli, cambiando da quella originaria (risalente al periodo Jōmon), fino a quella contemporanea, che combina influenze asiatiche, europee e statunitensi. L'arte tradizionale giapponese include le arti dell‘ikebana, dell‘origami, dell‘ukiyō-e, delle bambole, delle lacche, e delle ceramiche; il teatro (bunraku, bon-Odori, kabuki, e rakugo); le tradizioni (i giochi, la cerimonia del tè, il budo, le spade, le arti marziali, l'arte della calligrafia, il vestiario e la figura della geisha). Il Giappone inoltre ha un sistema sviluppato per la tutela e la promozione delle proprietà materiali e immateriali culturali e del patrimonio nazionale.[188] Sedici siti sono stati iscritti nella Lista del Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, dodici dei quali hanno un'elevata importanza culturale.[189]

Arte[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Arte giapponese, Architettura giapponese, Giardino giapponese, Giardino zen e Estetica giapponese.
Il tempio Kinkaku-ji a Kyoto, esempio di architettura giapponese e patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Con l'arrivo della civiltà occidentale non si può più parlare di un'arte autonoma, ma l'arte giapponese si inserisce vigorosamente nelle più moderne correnti artistiche, specie architettoniche.

Per quanto riguarda le arti tradizionali giapponesi, che sono tutte permeate dalla filosofia zen, esse hanno costituito per secoli un unicum che non ha corrispondenza in occidente. Sono giunte fino a noi pressoché intatte e sono tuttora vive e vitali. Sono praticate in tutto il mondo da decine di migliaia di persone ed hanno costituito un vettore essenziale della conoscenza all'estero della cultura giapponese. Tutte sono fondate sul principio della "via" () cioè su un cammino interiore da percorrere per giungere all'illuminazione. Ma al di là della loro valenza filosofica, hanno comunque un contenuto estetico che può essere percepito autonomamente. Queste forme espressive costituiscono il nucleo più autentico della cultura giapponese e ad esse i giapponesi sono stati e sono molto legati. Elemento costante e centrale di esse è la rappresentazione istantanea della bellezza, espressa, il più sinteticamente possibile, con il segno, la forma o il gesto. Le più note sono: il cha no yu (o sadō) la via del tè,[190] l‘ikebana (o kadō) la via dei fiori,[191] lo shodō la via della calligrafia,[192] il kodo la via dell'incenso.[193]

Una menzione a parte per la corrente artistica del mono-Ha, originatasi sul finire degli anni sessanta, per mano di un gruppo di artisti concentratisi sull'aspetto effimero e impermanente di oggetti ed eventi, messi in relazione allo spazio, all'uomo ed alla realtà.[194]

Nell'architettura giapponese le case tradizionali e le strutture dei templi sono caratterizzate da pavimenti rivestiti da particolari tappeti chiamati tatami, pareti in legno, porte laccate, muri di argilla, soffitto a cassettoni, un tetto di tegole, muri di legno e gesso, e da porte scorrevoli note come shoji, le quali hanno la funzione di dividere le stanze e gli spazi interni da quelli esterni.[195]

La fusione della pittura tradizionale giapponese e di quella occidentale ha dato vita all'influenza artistica nota come giapponismo, sviluppatasi nella seconda metà del XIX secolo, e iniziata con la diffusione delle tipiche stampe giapponesi ukiyo-e in Europa;[196] e ai manga, i fumetti tradizionali del Giappone, diventati famosi anche nel resto del mondo. I cartoni animati influenzati dallo stile dei manga vengono chiamati anime.[197] I videogiochi giapponesi hanno iniziato ad avere grande successo a partire dagli anni ottanta, grazie soprattutto all'opera di Nintendo, che si è lanciata con successo in questo mercato, seguita poi da Sony, SEGA, Konami ed altre aziende negli anni novanta.[198]

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Letteratura giapponese e Poesia giapponese.
Parte di Genji monogatari risalente al XII secolo.

Tra i primi manoscritti della letteratura giapponese i più importanti sono il Kojiki, il Nihon Shoki, e il Man'yōshū, raccolta di poesie dell'VIII secolo. Tutti vennero scritti in caratteri cinesi.[199] All'inizio del periodo Heian venne creato il sistema di trascrizione fonetica detto kana (formato da hiragana e katakana). Il Taketori monogatari (竹取物語? "Storia di un tagliabambù") è considerato il primo racconto della letteratura giapponese.[200] Una descrizione della vita di corte dell'epoca Heian viene data da Sei Shōnagon nel Makura no sōshi (枕草子? "Note del Guanciale"), mentre il Genji monogatari (源氏物語? "Storia di Genji") di Murasaki Shikibu è considerato il primo romanzo della storia.

Durante il periodo Edo la letteratura divenne l'arte dei chōnin (letteralmente “gente di città”), la gente ordinaria. Non era più, quindi, prerogativa degli aristocratici. Il cosiddetto Yomihon, ad esempio, divenne famoso, dando prova di questo cambiamento. Il periodo Meiji segnò il declino delle forme tradizionali della letteratura; infatti è proprio in questo periodo che la letteratura giapponese integrò le influenze occidentali. Natsume Soseki e Mori Ōgai furono i primi scrittori della letteratura giapponese moderna. Vennero seguiti da Akutagawa Ryunosuke, Tanizaki Jun'ichirō, Kawabata Yasunari, Mishima Yukio fino ad arrivare a Murakami Haruki e Banana Yoshimoto. Il Giappone vanta due scrittori vincitori di un Premio Nobel: Kawabata Yasunari (1968) e Ōe Kenzaburō (1994), mentre tra gli scrittori contemporanei conosciuti e pubblicati in Italia spiccano fra gli altri Banana Yoshimoto (Kitchen, Honeymoon, H/H, Tsugumi, Arcobaleno, Amrita), e Murakami Haruki (Norwegian Wood, Underground, La ragazza dello Sputnik).

Musica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Musica giapponese.
Un uomo giapponese suona uno shamisen accompagnato da un cantante.

Avendo preso in prestito dalle vicine culture strumenti, scale e stili, la musica giapponese è particolarmente eclettica. Molti strumenti musicali come il koto (simile al salterio) o la biwa (specie di liuto) vennero introdotti nel IX secolo e X secolo. L'accompagnamento del teatro nasce nel XIV secolo, e la musica popolare folcloristica con lo shamisen (chitarra a 3 corde a plettro) nel XVI secolo. La musica occidentale venne introdotta nel XIX secolo, ed è ormai diventata parte integrante della cultura giapponese.[201]

Per molto tempo i musicisti giapponesi si sono nutriti di elementi prevalentemente germanici; dopo la prima guerra mondiale i favori si sono, invece, volti sempre più verso la musica francese ed italiana. Successivamente con l'avvento della globalizzazione anche i giapponesi si sono scoperti anglofili, imitando la musica pop e rock d'oltre oceano e cantando in inglese. Sono nati così negli anni ottanta due filoni (interconnessi al punto che spesso si contaminano l'un l'altro) che vengono definiti j-pop (legato soprattutto al fenomeno delle idol) e j-rock (che si suddivide a sua volta in diverse sotto categorie), dove la lettera J sta appunto a indicare la parola japanese (giapponese). Accanto a j-pop e j-rock si è sviluppato più recentemente anche l'hip hop giapponese.[202] Il karaoke è una delle attività da tempo libero più praticate in Giappone, con appositi locali a esso dedicato in cui si canta all'interno di piccole stanze in compagnia di pochi amici o del partner.[203] Fuori dall'Asia la musica contemporanea giapponese è conosciuta quasi esclusivamente grazie alle colonne sonore e musiche di sottofondo di videogiochi ed anime.[202]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Il 13 maggio 1939[204] fu effettuato il primo esperimento di trasmissione via radio, mentre le trasmissioni regolari iniziarono il 1º febbraio 1953.[205]

Sei sono le emittenti tv principali, a cui fanno capo i rispettivi network che coprono l'intera nazione:

Altre importanti stazioni di trasmissioni televisive sono:

Ad esse fanno capo diverse TV locali legate alle varie prefetture.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sport in Giappone.
Un incontro tra due lottatori di sumo.
Il Koshien Stadium, lo stadio da baseball di Nishinomiya.

All'inizio del XX secolo il Giappone ha dato vita a una serie di arti marziali denominate budō, molto in voga tra i guerrieri. Queste includono il karate, il jūjutsu, il ninjutsu, il judo, l'aikido e il kendō.[206][207] Il sumo viene inoltre considerato il più caratteristico sport nazionale giapponese, con i suoi enormi lottatori che si sfidano in piccole arene circolari.[207][208]

Il baseball (野球 yakyū?) è uno degli sport più popolari in Giappone, dove la prima squadra professionale fu istituita nel 1938. Il massimo campionato è denominato Lega Professionale Giapponese ed è suddiviso in due leghe. La nazionale giapponese rappresenta il Giappone nelle competizioni internazionali organizzate dalla IBAF.[209][210]

Invece, per quanto riguarda il calcio, la J-League professionistica è nata soltanto nel 1992,[211] guadagnando popolarità negli ultimi anni, grazie soprattutto alla vittorie della nazionale maschile nella Coppa d'Asia e di quella femminile nel campionato mondiale. Molto popolari sono anche la pallavolo, che ha visto la squadra femminile vincitrice del torneo olimpico nel 1964, il rugby (il Giappone sarà il paese ospitante della Coppa del mondo 2019) e il motociclismo. Abbastanza diffusi sono anche la pallacanestro,[212] il golf,[213] il nuoto (alcuni nuotatori giapponesi sono tra i più competitivi al mondo, come ad esempio Kosuke Kitajima, che ha conquistato quattro medaglie d'oro alle Olimpiadi e tre medaglie d'oro ai Campionati Mondiali di Nuoto nei 100 e 200 metri rana),[214] la ginnastica artistica e l'atletica leggera.

Il Giappone festeggia il Taiiku no hi (体育の日?), ovvero la giornata dello sport e della salute, il 10 ottobre in commemorazione della XVIII Olimpiade (1964). Altri eventi degni di nota sono stati gli XI Giochi olimpici invernali del 1972 a Sapporo, i XVIII Giochi olimpici invernali di Nagano e i Mondiali di calcio del 2002 organizzati in collaborazione con la Corea del Sud. Inoltre il Giappone ospiterà i Giochi della XXXII Olimpiade che si svolgeranno nel 2020 nella capitale Tokyo.

Oltre alle attività sopra elencate, in Giappone sono estremamente diffusi gli sport da combattimento, in particolare il K-1 e le arti marziali miste, infatti è in questa nazione che sono stati fondati i più importanti tornei al mondo di K-1 (K-1 World Max e K-1 World Grand Prix) ed alcune delle prime e più importanti promozioni di MMA (Pride, Shooto e Pancrase).

Il wrestling in Giappone è considerato uno sport vero e proprio con spazi sulle riviste e giornali sportivi del paese; il termine con cui ci si riferisce ad esso è Puroresu (la traslitterazione di Pro Wrestling);[213] la prima federazione, la Japan Pro Wrestling, fu fondata nel 1953 da Rikidozan: da questa federazione provengono Antonio Inoki e Giant Baba, fondatori delle federazioni New Japan Pro Wrestling e All Japan Pro Wrestling e per anni avversari. Nel panorama attuale oltre a queste federazioni (ad eccezione della JPW chiusa nel 1973) le più importanti sono la NOAH, la Dragon Gate, la Zero1 Max e la Big Japan Wrestling, oltre a queste ci sono miriadi di federazioni minori. Nel panorama wrestling giapponese un grande spazio hanno le federazioni di Joshi Puroresu (wrestling femminile), assai numerose.

Tradizioni[modifica | modifica sorgente]

Sushi, uno dei piatti più conosciuti della cucina giapponese.

Gastronomia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cucina giapponese.

La cucina giapponese è caratterizzata dalla presenza di pietanze derivate da combinazioni di prodotti alimentari di base tipiche del Giappone come riso o noodles, zuppe e okazu (piatti a base di pesce, verdure, tofu e simili) per insaporire l'alimento di base. Nei primi anni dell'era moderna vennero introdotti ingredienti come le carni rosse, che in precedenza erano scarsamente utilizzate in Giappone. La cucina giapponese è conosciuta per prestare particolarmente attenzione al cibo di stagione, offrendo una vasta gamma di specialità regionali che usano le ricette tradizionali e gli ingredienti locali.[215]

Festività[modifica | modifica sorgente]

La festa del Tanabata a Hiratsuka.

Il termine utilizzato dai giapponesi per indicare una festa tradizionale è matsuri, eventi annuali originari della Cina[216] che prevedono processioni durante le quali si trasportano le statue dei kami dal santuario fino all'interno delle vie della città.[217] Uno dei più famosi e importanti festival del Giappone è l'Hakata Gion Yamakasa di Fukuoka, caratterizzato da una sfilata di carri allegorici trasportati in spalla dagli stessi cittadini.[218]

Nella settimana che va dal 29 aprile al 5 maggio si festeggiano una serie di avvenimenti noti come Golden Week, durante la quale si registrano picchi di vendite nel settore dell'intrattenimento, motivo stesso per cui fu istituita nel 1948.[219]

Il 7 luglio si svolge il Tanabata, durante il quale si festeggia il ricongiungimento delle stelle Vega e Altair, seguendo un'antica leggenda popolare di origine cinese. L'usanza principale è quella dei tanzaku, piccole strisce di carta colorata dove sopra vengono scritti desideri e preghiere rivolti alle stelle protagoniste della festa e successivamente legati a rami di bambù.[220]

Ogni anno in Giappone viene festeggiato anche il compleanno dell'imperatore corrente,[221] che attualmente cade il 23 dicembre, in quanto l'attuale imperatore Akihito è nato in questa data nel 1933.[222] Durante i festeggiamenti si svolge una cerimonia pubblica all'interno del Palazzo Imperiale di Tokyo, dove i cittadini hanno straordinariamente il permesso di entrare per poter rendere omaggio all'imperatore e per ricevere i suoi ringraziamenti.[223]

Tra le festività nazionali giapponesi recita un ruolo fondamentale il capodanno, istituito nel 1873 e durante il quale si allestiscono i cosiddetti kadomatsu (portatori di longevità, forza e prosperità), si preparano pietanze a base di mochi, si gioca a hanetsuki, si inviano nengajō e ci si reca ai templi per pregare e bere sake.[224]

Note[modifica | modifica sorgente]

Annotazioni[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vasellami in Giappone:
    • «I primi esempi conosciuti di vasellame al mondo provengono dal Giappone e sono stati datati al 10500 a.C. circa, Cina e Indocina sono seguiti poco dopo» (Past worlds, The Times Atlas of Archeology. p. 100, 1995).
    • «La fine dell'Era Glaciale fu accompagnata dal primo dei più decisivi cambiamenti della storia giapponese: l'invenzione del vasellame. Secondo l'esperienza tipica degli archeologi le invenzioni passano dal continente alle isole e piccole società periferiche generalmente non contribuiscono ad avanzamenti rivoluzionari nel resto del mondo. Pertanto gli archeologi si stupirono nello scoprire che i più antichi esemplari di vasellame furono prodotti in Giappone 12.700 anni fa.» Jared Diamond, [1].
    • «Comunque il Giappone, fu il luogo dove vennero sviluppate le prime ceramiche» (The History and Geography of Human Genes, p. 249, Cavalli-Sforza ISBN 0-691-08750-4.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 法制執務コラム集「法律と国語・日本語」. URL consultato il 19-01-2009.
  2. ^ (EN) Population growth rate in CIA World Factbook. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  3. ^ a b Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  4. ^ Tasso di fertilità nel 2010. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  5. ^ "Giappone" in giapponese si dice Nihon, ma all'estero è molto più diffusa la parola Nippon. Si ritiene che il nome usato in Occidente sia derivato da quello di un dialetto della Cina meridionale nella quale viene pronunciato /jāk-bəng/.
  6. ^ Monte fuji.
  7. ^ a b c d e f Cia world factbook, Giappone.
  8. ^ aspettativa di vita in Israele.
  9. ^ Prospettiva della popolazione mondiale secondo le nazioni unite.
  10. ^ Dyer 1909, op. cit., p. 24
  11. ^ Piggot 1997, op. cit., pp. 143-144
  12. ^ Marco Polo, Il Milione, p. 155.
    «Zipangu è una isola in levante, ch'è ne l'alto mare 1.500 miglia».
  13. ^ John Travis, Jomon Genes - Using DNA, researchers probe the genetic origins of modern Japanese, University of Pittsburg. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  14. ^ (EN) Hirofumi Matsumara, Yukio Dodo, Dental characteristics of Tohoku residents in Japan : implications for biological affinity with ancient Emishi, vol. 117, n. 2, Anthropological Science, 2009, pp. 95-105. DOI:10.1537/ase.080325, ISSN: 09187960. (Abstract).
  15. ^ (EN) Michael F Hammer; et al., Dual origins of the Japanese: common ground for hunter-gatherer and farmer Y chromosomes, vol. 51, Journal of Human Genetics, 2006, pp. 47-58. DOI:10.1007/s10038-005-0322-0. (Abstract).
  16. ^ "The Yayoi period (c. 250 BC–c. AD 250)," Encyclopædia Britannica; Jared Diamond, "Japanese Roots, Discover 19:6 (June 1998); Dual origins of the Japanese: common ground for hunter-gatherer and farmer Y chromosomes, Michael F. Hammer, 2005.
  17. ^ Vedi Nihon Shoki, volumes 19, Story of Kinmei. [2]"Nihon Shoki; Delmer M. Brown (ed.) (a cura di), The Cambridge History of Japan, Cambridge University Press, 1993, pp. 140-149. ; George Sansom, A History of Japan to 1334, Stanford University Press, 1958. p. 47. ISBN 0-8047-0523-2
  18. ^ Questo è in riferimento al Ritsuryō
  19. ^ dizionario storico treccani.
  20. ^ http://www.wsu.edu/~dee/GLOSSARY/KOKUGAKU.HTM
  21. ^ John Dower, Embracing Defeat, 1999
  22. ^ Herbert Bix, Hirohito and the making of modern Japan, New York, HarperCollins, 2001.
  23. ^ Bix, ibid. p.585
  24. ^ Kumao Toyoda, Sensô saiban yoroku, Taiseisha Kabushiki Kaisha, 1986. p.170-172
  25. ^ Bix, ibid. p.584
  26. ^ Dower, ibid. p.326
  27. ^ a b (EN) Facts and Figures of Japan 2007 01: Land (PDF), Foreign Press Center Japan. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  28. ^ (EN) Standard Country and Area Codes Classifications (PDF), United Nations Statitistics Division, 1º aprile 2010. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  29. ^ Duncan McCargo, Il Giappone Contemporaneo, Basingstoke e Nuova York: Palgrave Macmillan, 2000, pp. 8-11.
  30. ^ (EN) U.S. Relations With Japan, U.S. Department of State. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  31. ^ a b Alpi Giapponesi, sapere.it. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  32. ^ Fuji Hakone, turismo-giappone.it. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  33. ^ Stefano Kristel, Il Giappone, web.tiscalinet.it, 12 dicembre 2000. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  34. ^ (EN) Gina L. Barnes, Origins of the Japanese Islands: The New “Big Picture” (PDF), Università di Durham, 2003. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  35. ^ Giappone, il risveglio del vulcano Shinmoedake in Panorama, 2 febbraio 2011. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  36. ^ Vulcani del Giappone, giappone.cc. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  37. ^ (EN) Tectonics and Volcanoes of Japan, Oregon State University. URL consultato il 26 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2007).
  38. ^ (EN) The 1923 Tokyo Earthquake and Fire (PDF), University of California Berkeley, 2002. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  39. ^ (EN) USGS WPhase Moment Solution NEAR EAST COAST OF HONSHU, JAPAN, earthquake.usgs.gov. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  40. ^ Terremoto e tsunami, colpito il Giappone. Nuove scosse a Joetsu e nel nord-ovest in Corriere della Sera, 11 marzo 2011. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  41. ^ a b Idrografia del Giappone, sulgiappone.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  42. ^ Honshu, treccani.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  43. ^ Ishikari, treccani.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  44. ^ Hokkaidō, sapere.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  45. ^ Marcello Muccioli, SHIKOKU, treccani.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  46. ^ (EN) Climate, Japan National Tourism Organization. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  47. ^ (EN) Japan’s highest temperature--41 degrees--marked in Kochi Prefecture in Asahi Shimbun, 12 agosto 2013. URL consultato il 2 settembre 2013.
  48. ^ Temperatura del mare. URL consultato il 9 dicembre 2012.
  49. ^ Duncan McCargo, Il Giappone Contemporaneo, Basingstoke e Nuova York: Palgrave Macmillan, 2000, pp. 84-85.
  50. ^ (EN) Masaru Mabuchi, Municipal Amalgamation in Japan (PDF), worldbank.org, maggio 2001. URL consultato il 25 dicembre 2012.
  51. ^ Gli abitanti del Giappone, voyagesphotosmanu.com. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  52. ^ a b (EN) Yasunori Sato, More than 63 million people live in Japan's largest cities, City Mayor Statistics, 2 maggio 2012. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  53. ^ Guida alle città giapponesi: Tokyo, giappone.cc. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  54. ^ a b Made in Japan: Prefetture e città, liricigreci.org. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  55. ^ Nagoya e dintorni, turismo-giappone.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  56. ^ Guida alle città giapponesi: Kyoto, giappone.cc. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  57. ^ a b La popolazione giapponese (PDF), giappone.cc. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  58. ^ (EN) Chris Burgess, 'Multicultural Japan' remains a pipe dream in The Japan Times, 27 marzo 2007. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  59. ^ (EN) Norimitsu Onishi, Japan-born Koreans live in limbo in New York Times, 2 aprile 2005. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  60. ^ (EN) Norimitsu Onishi, An Enclave of Brazilians Is Testing Insular Japan in New York Times, 1º novembre 2008. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  61. ^ (EN) Abraham Lama, 'Home' is where the heartbreak is for Japanese-Peruvians in Asia Times, 16 ottobre 1999. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  62. ^ (EN) Philippa Fogarty, Recognition at last for Japan's Ainu in BBC News, 6 giugno 2008. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  63. ^ (EN) The Ryukyuan of Japan, prayway.com. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  64. ^ (EN) JAPAN: The Invisible Race in TIME, 8 gennaio 1973. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  65. ^ (EN) Gavan McCormack, Dilemmas of Development on The Ogasawara Islands in Japan Policy Research Institute, agosto 1999. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  66. ^ (EN) Japan to Immigrants: Thanks, But You Can Go Home Now in TIME, 20 aprile 2009. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  67. ^ (EN) Aso says Japan is nation of 'one race' in The Japan Times, 18 ottobre 2005. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  68. ^ (EN) WHO: Life expectancy in Israel among highest in the world in Haaretz, 24 maggio 2009. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  69. ^ a b (EN) Total Population, Statistics Bureau. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  70. ^ (EN) Demographic Trends and Their Implications for Japan's Future, Ministry of Foreign Of Japan. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  71. ^ (EN) Japanese parents marry off 'parasite single' offspring in The Independent, 24 agosto 2008. URL consultato il 24 dicembre 2012.
  72. ^ (EN) Aya Takada, Japan Population Drops Most Since World War II in Bloomberg, 2 gennaio 2012. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  73. ^ (EN) Stephanie Strom, In Japan, Mired in Recession, Suicides Soar in The New York Times, 15 luglio 1999. URL consultato il 20 settembre 2008.
  74. ^ (EN) Leo Lewis, Japan gripped by suicide epidemic in The Times, 19 giugno 2008. URL consultato il 20 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il ).
  75. ^ (EN) Award French, Insular Japan Needs, but Resists, Immigration in The New York Times, 24 luglio 2003. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  76. ^ (JA) 帰化許可申請者数等の推移, Ministry of Justice. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  77. ^ a b (EN) Views on globalisation and faith (PDF), fgi-tbff.org, 5 luglio 2011. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  78. ^ a b (JA) “宗教的なもの”にひかれる日本人, nhk.or.jp. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  79. ^ (EN) Mariko Kato, Christianity's long history in the margins in The Japan Times, 24 febbraio 2009. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  80. ^ Annuario dei Testimoni di Geova 2013, p. 182. (ISBN non esistente).
  81. ^ (EN) Japan New Religions, Library of Congress Country Studies. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  82. ^ (EN) Shigeru Miyagawa, The Japanese Language, Massachusetts Institute of Technology. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  83. ^ (EN) 15 familes keep ancient language alive in Japan, The UN Works for Cultural Diversity. URL consultato il 28 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2008).
  84. ^ (EN) Lucien Ellington, Japanese Education, National Clearinghouse for U.S. Japan Studies. URL consultato il 28 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2006).
  85. ^ The Constitution of Japan, House of Councillors. The National Diet of Japan, 3 novembre 1946. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  86. ^ a b c d Giappone: ORDINAMENTO DELLO STATO, tripod.com. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  87. ^ a b c d e Ordinamento dello stato, giappone-turismo.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  88. ^ a b Dossier sulla pena di morte in Giappone di Nessuno Tocchi Caino, nessunotocchicaino.it. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  89. ^ (EN) Legge sulla bandiera e l'Inno Nazionale, art. 127, Governo del Giappone, 13 agosto 1999. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  90. ^ Costituzione Giapponese, sulgiappone.it. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  91. ^ a b c Giappone, forze di difesa e riforma della Costituzione, paginedidifesa.it, 16 settembre 2005. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  92. ^ Iraq. Il Giappone invia truppe a Bagdad e supera i vincoli costituzionali: soldati anche in zone a rischio combattimenti in Rai News 24, 4 dicembre 2012. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  93. ^ Iraq. Il Giappone approva l'invio di 1.100 militari in Rai News 24, 4 dicembre 2012. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  94. ^ Pino Cazzaniga, Verso una nuova Costituzione: Tokyo avrà ufficialmente l'esercito che già ha in Asianews, 16 maggio 2007. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  95. ^ Giappone: prepara una modifica costituzionale per tornare ad armarsi in AGC Communication, 19 dicembre 2012. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  96. ^ Matteo Dian, Di fronte all'ascesa della Cina il Giappone abbandona il pacifismo in Limes. URL consultato il 6 marzo 2013.
  97. ^ Japan Military Strength Detail by the numbers, globalfirepower.com. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  98. ^ Country Ranks 1 through 30, globalfirepower.com, 25 dicembre 2012. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  99. ^ (EN) Beyond the Rhetoric: Essential Questions About Japanese Education, Foreign Policy Research Institute, dicembre 2003. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  100. ^ (EN) Sistema scolastico giapponese, giappone.cc. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  101. ^ Sistema universitario giapponese, giappone.cc. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  102. ^ QS World University Rankings, topuniversities.com. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  103. ^ OECD's PISA survey shows some countries making significant gains in learning outcomes, OCSE. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  104. ^ La sanità in Giappone, giappone.cc. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  105. ^ Sistema sanitario giapponese, giappone.cc. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  106. ^ (EN) Health Insurance, National Institute of Population and Social Security Research. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  107. ^ a b Situazione politica del Giappone (PDF), Osservatorio di Politica Internazionale, ottobre 2010. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  108. ^ Giappone: si è dimesso il premier Fukuda in Corriere della Sera, 1º settembre 2008. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  109. ^ Taro Aso nuovo primo ministro, promette riduzione delle tasse e aumento della spesa pubblica in Euronews, 24 settembre 2008. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  110. ^ (EN) Japanese Ruling Party Loses After 54 Years in Power in The Washington Post, 31 agosto 2009. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  111. ^ Giappone, il Premier Hatoyama si dimette in Sky TG 24, 2 giugno 2010. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  112. ^ Naoto Kan eletto primo ministro. Il Giappone si affida a un "ulivista" in La Repubblica, 4 giugno 2010. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  113. ^ GIAPPONE, YOSHIKO NODA NUOVO PRIMO MINISTRO in Rai, 30 agosto 2010. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  114. ^ In Giappone elezioni anticipate il 16 dicembre in Sole 24 Ore, 14 novembre 2012. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  115. ^ Giappone, Shinzo Abe primo ministro in La Stampa, 26 dicembre 2012. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  116. ^ (EN) Japan-Australia Joint Declaration on Security Cooperation, Ministry of Foreign Affairs of Japan, 13 marzo 2007. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  117. ^ (EN) Joint Declaration on Security Cooperation between Japan and India, Ministry of Foreign Affairs of Japan, 22 ottobre 2009. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  118. ^ (EN) Michael Green, Japan Is Back: Why Tokyo's New Assertiveness Is Good for Washington in Real Clear Politics, 19 marzo 2007. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  119. ^ (EN) UK backs Japan for UNSC bid in Central Chronicle, 10 gennaio 2007. URL consultato il 29 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2007).
  120. ^ Giappone: “Trattative con Mosca per le isole Curili” in Euronews, 7 febbraio 2012. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  121. ^ Corea e Giappone, quelle isole contese in Corriere della Sera. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  122. ^ Disputa Cina-Giappone: intellettuali contro l'isteria nazionalista in La Stampa, 6 ottobre 2012. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  123. ^ (EN) The US-Japan-China Mistrust Spiral and Okinotorishima in The Asia-Pacific Journal, 11 ottobre 2007. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  124. ^ Emma Chanlett-Anvey, North Korea's Abduction of Japanese Citizens and the Six-Party Talks (PDF), CRS Report Congress, 19 marzo 2008. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  125. ^ Japan: Patterns of Development, country-data.com, gennaio 1994. URL consultato il 28 dicembre 2006.
  126. ^ World Factbook; Country Comparison : Public Debt, CIA, 2009. URL consultato il 22 luglio 2010.
  127. ^ a b World Factbook; Japan—Economy, CIA, 19 dicembre 2006. URL consultato il 28 dicembre 2006.
  128. ^ Masake Hisane, A farewell to zero in Asia Times, 3 febbraio 2006. URL consultato il 28 dicembre 2006.
  129. ^ Attualmente è un Paese postindustriale, in cui due terzi del reddito provengono dal terziario (banche, assicurazioni, settore immobiliare, commercio, trasporti, comunicazione, costruzioni, intrattenimento).
  130. ^ Manufacturing and Construction, Statistical Handbook of Japan, Ministry of Internal Affairs and Communications. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  131. ^ OICA » Production Statistics, oica.net. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  132. ^ Yoshiko Hara, Japan's IC needs met at home in EE Times, 10 maggio 2004. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  133. ^ Japan 500 2007 in Financial Times. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  134. ^ Market data, New York Stock Exchange, 31 gennaio 2006. URL consultato l'11 agosto 2007.
  135. ^ Executive Summary: Population Trends in Japan, Population Resource Center. URL consultato l'11 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  136. ^ Groningen Growth and Development Centre (GGDC), GGDC, 26 gennaio 2009. URL consultato il 30 novembre 2009.
  137. ^ "Japan Tries to Face Up to Growing Poverty Problem". The New York Times. April 21, 2010.
  138. ^ Paul Blustein, China Passes U.S. In Trade With Japan: 2004 Figures Show Asian Giant's Muscle" in The Washington Post, 27 gennaio 2005. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  139. ^ a b Agricoltura Giapponese, sulgiappone.it. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  140. ^ a b Pesca in Giappone, sulgiappone.it. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  141. ^ Keith Nuthall, China surpasses Japan in R&D spending in Times Higher Education, 22 dicembre 2006. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  142. ^ (EN) Japanese Nobel Laureates, Kyoto University. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  143. ^ (EN) Japanese Fields Medallists, Kyoto University. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  144. ^ (EN) Dr. Kiyoshi Ito receives Gauss Prize, Kyoto University. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  145. ^ (EN) The Boom in Robot Investment Continues, UNECE, 17 ottobre 2000. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  146. ^ (EN) International Space Station Assembly - Past Flights, NASA. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  147. ^ (EN) "KAGUYA" selected as SELENE's nickname, JAXA. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  148. ^ (EN) Japan Successfully Launches Lunar Explorer "Kaguya" in JCN Network, 14 settembre 2007. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  149. ^ Il Giappone lancia la sua prima sonda sulla Luna in Sole 24 Ore, 14 settembre 2007. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  150. ^ (EN) KAGUYA (SELENE) Image Taking of "Full Earth-Rise" by HDTV, JAXA. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  151. ^ Pieno successo della missione lunare giapponese: la sonda si è schiantata oggi al suolo, asianews.it, 11 giugno 2009. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  152. ^ (EN) AKASTUKI current status and future operation, JAXA, 31 gennaio 2010. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  153. ^ Lunedì il lancio Giapponese verso Venere, astronautinews.it, 11 maggio 2010. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  154. ^ Claudio Censori, Bepi Colombo, treccani.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  155. ^ (EN) BepiColombo: Development progressing smoothly, JAXA, 20 dicembre 2012. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  156. ^ Il Giappone annuncia la costruzione di una base sulla Luna al termine della missione dell'ESA nell'orbita del pianeta in CORDIS Notiziario, 8 agosto 2006. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  157. ^ (EN) Energy, Statistics Bureau. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  158. ^ (EN) Osamu Tsukimori, Japan nuclear power-free as last reactor shuts in Reuters, 5 maggio 2012. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  159. ^ Giappone: centrali nucleari chiuse entro il 2030 in Corriere della Sera, 13 settembre 2012. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  160. ^ (EN) Brendan Barrett, Can nuclear power save Japan from peak oil? in OurWorld 2.0, 2 febbraio 2011. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  161. ^ Ilaria Maria Sala, Il Giappone dà l'addio alle centrali nucleari "Chiuse entro 30 anni" in La Stampa, 15 settembre 2012. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  162. ^ (EN) Transport, Statistics Bureau. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  163. ^ Trasporti. Auto e autobus, turismo-giappone.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  164. ^ a b Viabilità e trasporti, viaggigiappone.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  165. ^ About the Shinkansen, Central Japan Railways Company. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  166. ^ Il Giappone prepara maglev, il treno a 480 km/h, lagenziadiviaggi.it, 30 novembre 2012. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  167. ^ Società bulgara vende al Giappone sistema high tech che vale milioni in Bulgaria Oggi, 14 dicembre 2012. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  168. ^ Aeroporto Tokyo-Haneda International Airport, voli.idealo.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  169. ^ Trasporti aerei, giappone.it. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  170. ^ (EN) How today's Akihabara hatched, Japan National Tourism Organization. URL consultato il 27 agosto 2010.
  171. ^ (JA) 訪日外客統計 国籍/月別 訪日外客数 2010年推計値 (PDF), Japan National Tourism Organization. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  172. ^ (EN) Mure Dickye, Tourists flock to Japan despite China spat in Financial Times, 26 gennaio 2011. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  173. ^ a b Giappone, terremoto e tsunami: impatti sul turismo, puretourism.it, 24 luglio 2011. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  174. ^ a b Ermal Burchia, Turismo, il Giappone regala 10.000 biglietti aerei ai turisti stranieri in Corriere della Sera, 10 ottobre 2011. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  175. ^ Così J.Diamond definisce quelle politiche che vengono imposte dall'alto, in stati caratterizzati da un governo centrale forte, come il Giappone dell'epoca. Questo tipo di gestione si oppone a quello bottom-up che si riscontra in paesi (solitamente piccoli) in cui è tutta la popolazione a proporre e fare pressioni per l'adozione di particolari strategie.(cfr. bibliografia)
  176. ^ (JA) 日本の大気汚染の歴史, Environmental Restoration and Conservation Agency. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  177. ^ (EN) Japan's international cooperation for energy efficiency and conservation in Asian region (PDF), Energy Conservation Center, 22 gennaio 2008. URL consultato il 3 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2008).
  178. ^ (EN) ENVIRONMENTAL PERFORMANCE REVIEW OF JAPAN (PDF), OCSE. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  179. ^ (EN) 2010 Environmental Performance Index (PDF), Yale University. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  180. ^ (EN) Japan sees extra emission cuts to 2020 goal-minister in Reuters, 24 giugno 2009. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  181. ^ Natural Park Systems in Japan (PDF), Ministry of the Environment, pp. 4, 12. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  182. ^ Summary table of area figures for Natural Parks (PDF), Ministry of the Environment, pp. 1f. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  183. ^ Japan – Properties Inscribed on the World Heritage List, whc.unesco.org. URL consultato il 1º novembre 2013.
  184. ^ Japan's UNESCO World Heritage Sites, japan-guide.com. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  185. ^ Flora and Fauna. Diversity and regional uniqueness, Embassy of Japan in the USA. URL consultato il 3 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2007).
  186. ^ The Wildlife in Japan (PDF), Ministry of the Environment of Japan. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  187. ^ The Annotated Ramsar List: Japan, Ramsar. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  188. ^ Administration of Cultural Affairs in Japan, Agency for Cultural Affairs. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  189. ^ Japan – Properties Inscribed on the World Heritage List, UNESCO. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  190. ^ Cha no yu: CERIMONIA DEL TE', signoredelte.it. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  191. ^ L'ikebana, arte giapponese di arrangiare i fiori, japancoolture.com. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  192. ^ Shodō - La via della scrittura, shodo.it. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  193. ^ Kōdō: la Via dell'Incenso, giapponeinitalia.org. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  194. ^ Vilma Torselli, Mono-Ha, artonweb.it. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  195. ^ Architettura tradizionale giapponese, cultorweb.com. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  196. ^ (FR) Perceptions du Japon, laurent.buchard.pagesperso-orange.fr. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  197. ^ (EN) A History of Manga, matt-thorn.com. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  198. ^ (EN) History of Videogames, Open Directory Project. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  199. ^ (EN) Asian Studies Conference, Japan (2000), Meiji Gakuin University. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  200. ^ (EN) Windows on Asia—Literature : Antiquity to Middle Ages: Recent Past, Michigan State University. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  201. ^ (EN) History of Japanese Traditional Music, Columbia Music Entertainment. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  202. ^ a b (EN) J-Pop's dream factory in The Guardian, 21 agosto 2005. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  203. ^ Il karaoke: musica e divertimento in Giappone!, italiajapan.net. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  204. ^ (EN) “Can you see me clearly?” Public TV image reception experiment (1939) in The Evolution of TV, NHK (Japan Broadcasting Corporation), 2002, pp. 7. URL consultato il 28 febbraio 2009.
  205. ^ (EN) TV Broadcasting Begins in The Evolution of TV, NHK (Japan Broadcasting Corporation), 2002, pp. 9. URL consultato il 28 febbraio 2009.
  206. ^ Arti marziali giapponesi: le 5 discipline più famose, qnm.it, 26 aprile 2011. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  207. ^ a b Sport, turismo-giappone.it. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  208. ^ Il Sumo. Rituale tradizionale di bellezza e forza, Ambasciata del Giappone in Italia. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  209. ^ Baseball giapponese, giappone.cc. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  210. ^ Alex Maestri, primo italiano nel baseball giapponese, italiajapan.net. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  211. ^ Soccer as a Popular Sport: Putting Down Roots in Japan (PDF), Japan Forum. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  212. ^ Yuta Tabuse, un giapponese in Nba, sport.it, 4 novembre 2011. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  213. ^ a b Introduzione agli sport giapponesi, risingsunpage.it, 15 luglio 2008. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  214. ^ Kosuke Kitajima, vogue.it. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  215. ^ (EN) A Day in the Life (PDF), The Japan Forum Newsletter no.14, settembre 1999. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  216. ^ (EN) Annual events, japan-zone.com. URL consultato il 28 novembre 2012.
  217. ^ (EN) Japan Festivals (Matsuri), japanguide.com. URL consultato il 28 novembre 2012.
  218. ^ (EN) Hakata Gion Yamakasa Festival, jnto.go.jp. URL consultato il 2 dicembre 2012.
  219. ^ (EN) Golden Week, japanguide.com. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  220. ^ Tanabata Matsuri, asakusa.it. URL consultato il 25 novembre 2012.
  221. ^ (EN) Japanese Holydays, japan-guide.com. URL consultato il 21 novembre 2012.
  222. ^ (EN) Akihito, Enciclopedia Britannica. URL consultato il 21 novembre 2012.
  223. ^ Tennō tanjōbi (天皇誕生日), kazegafukuhi.livejournal.com. URL consultato il 21 novembre 2012.
  224. ^ Il Capodanno Giapponese, ilcapodanno.net. URL consultato il 22 novembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Henry Dyer, Japan in world politics: a study in international dynamics, Blackie & son limited, 1909. (ISBN non esistente).
  • (EN) Joan R. Piggot, The emergence of Japanese kingship, Stanford University Press, 1997. ISBN 0-8047-2832-1.
  • (EN) Japan in Catholic Encyclopedia, Encyclopedia Press, 1917.
  • Jared Diamond, Collasso. Come le società scelgono di morire o vivere, Torino, Einaudi, 2005 [ed.italiana; titolo originale Collapse. How Societies Choose to Fail or Succeed]. ISBN 978-88-06-18642-5
  • Geographical Survey Institute, The national atlas of Japan, Tōkyō,1975
  • Guth, Christine M. E., Art, tea, and industry : Masuda Takashi and the Mitsui circle, Princeton, New Jersey
  • Herail, Francine, Elements de bibliographie japonaise ouvrages traduits du japonais, etudes en langues occidentales - [1986]
  • Ferretti, Valdo, Il Giappone e la politica estera italiana : 1935-41, Milano 1995
  • Varley, Paul H., Japanese Culture, Honolulu 2000
  • Hallstrom, Conje, Japan marketing handbook, London 1988
  • Saltini Antonio, Giappone: un paese senza cereali è ancora una grande potenza? in Spazio rurale, n. 4, aprile 2005
  • Francesco Iarrera e Giorgio Pilotti, Geografia Territori e problemi essenziali volume 2, Zanichelli 2011

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Istituzionali[modifica | modifica sorgente]

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Associazioni culturali[modifica | modifica sorgente]

Diritti civili[modifica | modifica sorgente]

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Relazioni UE/Giappone[modifica | modifica sorgente]

Giappone Tradizionale[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Stati per indice di sviluppo umano Successore
Svizzera 10º posto Canada