Raffaele Farina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Raffaele Farina (cardinale))
Raffaele Farina, S.D.B.
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardFarina.gif
Coat of arms of Raffaele Farina.svg
Dominus spes nostra
Titolo Cardinale diacono di San Giovanni della Pigna
Incarichi attuali Presidente della Pontificia commissione referente sull'Istituto per le Opere di Religione
Archivista emerito dell'Archivio Segreto Vaticano
Bibliotecario emerito della Biblioteca Apostolica Vaticana
Nato 24 settembre 1933 (80 anni) a Buonalbergo
Ordinato presbitero 1º luglio 1958 dal vescovo Michele Alberto Arduino, S.D.B.
Consacrato vescovo 16 dicembre 2006 dal cardinale Tarcisio Bertone, S.D.B.
Elevato arcivescovo 25 giugno 2007 da papa Benedetto XVI
Creato cardinale 24 novembre 2007 da papa Benedetto XVI

Raffaele Farina (Buonalbergo, 24 settembre 1933) è un cardinale e arcivescovo cattolico italiano, presidente della Pontificia commissione referente sull'Istituto per le Opere di Religione, nonché archivista emerito dell'Archivio Segreto Vaticano e bibliotecario emerito della Biblioteca Apostolica Vaticana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Buonalbergo, in provincia di Benevento e diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia, entra nella congregazione dei Salesiani il 25 settembre 1949, prendendo in seguito i voti perpetui il 25 settembre 1954.

Studia al Pontificio Ateneo Salesiano di Torino fino al 1958, quando ottiene la licenza in Teologia presso la facoltà omonima; sempre nello stesso anno diventa sacerdote.

Si iscrive quindi alla Pontificia Università Gregoriana, dalla quale esce nel 1965 con la laurea in Storia Ecclesiastica; si trasferisce quindi in Germania per tre anni, a Friburgo e Bonn, dove si specializza come borsista della Fondazione tedesca "Humboldt"; torna quindi alla Pontificia Università Salesiana a Roma, dove inizia ad insegnare Storia della chiesa antica e metodologia nella Facoltà di Teologia

Viene nominato decano della facoltà stessa per il biennio 1972-1974 e quindi rettore dell'Università, carica che mantiene dal 1977 al 1983. Nel 1978 viene nominato anche regolatore del Capitolo Generale 21 dall'allora rettor maggiore padre Egidio Viganò.

Lo stesso anno diventa segretario del Pontificio Comitato di Scienze Storiche (lo sarà fino al 1988); per sei anni sarà anche sottosegretario del Pontificio Consiglio della Cultura.

Nel 1992 viene nominato per la seconda volta rettore dell'Università Salesiana a Roma, carica che mantiene fino al 25 maggio 1997, quando papa Giovanni Paolo II lo richiama in Vaticano nominandolo prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana. Da allora svolge un'intensa attività di raccolta, esegesi e studio di numerosi e rari testi. Eminente figura anche sul piano gnoseologico, oltre che morale ed etico, si dedica in particolar modo ad una revisione delle azioni della vicenda riguardante il suo ben più noto omonimo e San Carlo.

Il 16 dicembre 2006 papa Benedetto XVI lo nomina vescovo, assegnandogli la sede titolare di Oderzo rimasta vacante dopo la morte di mons. Charles Franzetta. Il 25 giugno 2007 è stato elevato alla dignità arcivescovile e nel contempo nominato archivista e bibliotecario di Santa Romana Chiesa. L'8 ottobre 2007 compie la sua prima visita a Oderzo.

È creato cardinale nel concistoro del 24 novembre 2007 da papa Benedetto XVI, ricevendo la diaconia di San Giovanni della Pigna.

Il 9 giugno 2012 papa Benedetto XVI accoglie la sua rinuncia, per limiti di età, agli incarichi di archivista e bibliotecario di Santa Romana Chiesa. Gli succede l'arcivescovo francese Jean-Louis Bruguès.

Nel giugno 2013 papa Francesco lo nomina presidente della Pontificia commissione referente sull'Istituto per le Opere di Religione.[1] Il 24 settembre dello stesso anno, al compimento dell'80º genetliaco, esce dal novero dei cardinali elettori.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 4 luglio 2005[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Un salesiano per riformare lo Ior: papa Francesco sceglie il cardinal Farina, la Repubblica, 26 giugno 2013
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo titolare di Oderzo Successore BishopCoA PioM.svg
Charles Franzetta 15 novembre 2006 - 24 novembre 2007
con dignità di arcivescovo dal 25 giugno 2007
Alberto Bottari de Castello
Predecessore Archivista di Santa Romana Chiesa Successore Emblem Holy See.svg
Jean-Louis Tauran 25 giugno 2007 - 9 giugno 2012 Jean-Louis Bruguès
Predecessore Bibliotecario di Santa Romana Chiesa Successore Emblem Holy See.svg
Jean-Louis Tauran 25 giugno 2007 - 9 giugno 2012 Jean-Louis Bruguès
Predecessore Cardinale diacono di San Giovanni della Pigna Successore CardinalCoA PioM.svg
Francis Arinze dal 24 novembre 2007 in carica

Controllo di autorità VIAF: 5058576 SBN: IT\ICCU\CFIV\035367