Zuniga (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma della famiglia Zunica

Blason fam es Casa de Zúñiga.svg

Il simbolo araldico dei Zunica

Blasonatura
d'argento alla banda di nero, ed una catena d'oro composta di otto anelli messa in bordura sul tutto

I Zunica o Zúñiga sono una famiglia spagnola di origine reale[1][2][3][4][5][6][7][8], con diramazioni a Napoli.

Hanno come capostipite Alfonso Ramirez[1][2][3][4][5][6], figlio di Ramiro Sánchez di Monzón[9], il cui bisnonno fu García III Sánchez di Navarra del casato reale degli Jiménez. Alfonso Ramirez inoltre discendeva attraverso una linea materna (un suo avo García I Sánchez di Navarra sposò Onneca Fortúnez figlia di Fortunato Garcés) da Íñigo I Íñiguez Arista[6][7][8], primo re di Navarra e fondatore del casato reale degli Íñiguez. Sposò Sancia nel 1120, figlia di un Innico o Inigo barone del feudo di Estuniga (moderna Zúñiga) dando origine al cognome[2][3], tratto dal feudo[4]: alcune varianti sono Stuniga[4], Cuniga[1], Sunica[4] e Zugniga[4].

La famiglia fu trapiantata in Castiglia da un Innico Ortiz de Zunica nel 1274; un Lupo de Zuniga la trapiantò in Andalusia nel 1400; un Fernando de Zunica la trapiantò nella città spagnola di Guadalajara; un Cristofaro Zunica la trapiantò in Napoli nel 1514.

Complessivamente la famiglia possedette un principato, diciotto marchesati, otto ducati, una viscontea, quattordici contee e trentanove feudi[4]; contrasse parentele tra le altre con gli Acugna, gli Aragona, i D'Avalos, i Capece, i Caracciolo, i Carafa, gli Henriquez, i De Luna d'Aragona, gli Emanuele, gli Osorio, i Pignatelli, i Requesens, i Rivera, i Sandoval[4]; diede tre viceré di Navarra e cinque viceré di Napoli.

Arma: D'argento alla banda di nero, ed una catena d'oro composta di otto anelli messa in bordura sul tutto[4].

Albero genealogico[1][10][modifica | modifica wikitesto]

Ramiro Sánchez di Monzón
= Cristina Rodríguez, figlia di El Cid[9]
│
└── Alfonso Ramirez, signore di Castrovejo  
    = Sancia, figlia di Innico di Estuniga, i cui discendenti adottarono dal feudo il cognome, incluse altre varianti come Stuniga, Cuniga, Sunica e Zugniga
    │
    ├── Giovanni Alfonso (...-1186), secondo barone di Estuniga
    │    
    └── Innico Ortiz I (...-1215), terzo barone di Estuniga e gonfaloniere di Navarra
        = Toda Perez de Haro, figlia di Diego signore di Biscaja
        │
        └── Diego Loperz de Estuniga I (...-1239), quarto barone di Estuniga e gonfaloniere di Navarra
            = Urraca Perez, figlia di Pietro Ruiz de la Bureva
            │
            └── Lupo Ortiz (...-1239), quinto barone di Estuniga e gonfaloniere di Navarra
                = Teresa de Azagra, figlia di Ferdinando Ruiz de Azagra
                 │
                 └── Ortone Ortiz (...-1274), sesto barone di Estuniga
                     = Teresa de Rada, figlia di Egidio
                     │
                     └── Innico Ortiz II, settimo barone di Estuniga
                         = Agnese de Haro, figlia di Giovanni Alfonso  
                         │
                         ├── Alfonso Fernandez (...-1350), ottavo barone di Estuniga
                         │    = Teresa Diez de Haro, figlia di Alvaro
                         │    │
                         │    ├── Diego Iniquez (...-1350)
                         │    │    
                         │    └── Alvaro Iniquez (...-1359), nono barone di Estuniga
                         │
                         └── Innico Ortiz de Estuniga III
                             = Si sposò con N. Lopez de Haro e Mencia de Haro, non si sa con chi procreò 
                             │
                             └── Diego Lopez de Estuniga II (...-1343)
                                 = Elvira de Guzman
                                 │
                                 └── Innico Ortiz IV, decimo barone di Estuniga
                                     = Giovanna de Orozco, figlia di Innico Lopez ultimo barone di Orozco secondo alcune fonti
                                     o Giovanna, figlia naturale di Carlo III di Navarra secondo altre[4]
                                     │
                                     └── Diego Lopez Zuniga III (...-1417), undicesimo barone di Estuniga
                                         = Giovanna Garcia de Leyba, figlia di Sancio Martinez

Esponenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Erasmo Ricca, Storia de' feudi del regno delle Due Sicilie di qua dal faro intorno alle successioni legali ne' medesimi dal 15. al 19. Secolo: -continuata da Raffaele Alfonso Ricciardi ser.II, fasc. 1, 2, Volumi 1-5 pagina 333, stamp. di A.de Pascale, 1859.
    «[..] era della nobilissima famiglia Zunica, della quale ci si consenta far breve cenno, trattandosi di casa si illustre nei fasti delle Spagne. Come narrano lutti gli storici di quel regno, una tal prosapia trae la sua origine da Alfonso Ramirez, vissuto nel secolo XII, infante di Navarra, barone di Castrovejo, Mendavia ed Alesanco, e figliuolo secondogenito di Garcia, monarca di Navarra».
  2. ^ a b c L'araldo almanacco nobiliare del napoletano 1887 pagina 242, 1887.
    «[..] questa famiglia venne originata nel secolo XII da Don Alfonso Ramirez infante di Navarra, che avendo sposato Donna Sancia figliuola ed erede di Don Inigo Signore di Estuniga, diede origine al cognome de Zunica».
  3. ^ a b c Annuario della nobiltà italiana anno 2000 volume II pagina 538, Direzione del Giornale araldico e dell'annuario della nobiltà italiana.
    «Famiglia originaria della Spagna e ritenuta della stessa agnazione della illustre famiglia omonima derivata da Don Alfonso Ramirez, infante di Navarra, che avendo sposato donna Sancia, figliuola ed erede di Don Inigo, signore di Estunigia, diede origine al cognome de Zunica nel secolo XII».
  4. ^ a b c d e f g h i j Berardo Candida-Gonzaga, Memorie delle famiglie nobili delle province meridionali d'Italia volume I pagina 210, Arnaldo Forni, ristampa anastasica, 1995.
    «Questa famiglia fu originata nel XII secolo da D. Alfonso Ramirez infante di Navarra, signore di Castroviejo, Mendavia ed Alesanco, figliuolo secondogenito di Garcia V Ramirez re di Navarra. Sposò egli Sancia figliuola ed erede d'Innico signore di Estuniga, dalla quale signoria presero il nome i loro discendenti, chiamandosi de Stuniga, Sunica, Zugniga, Zunica e Zuniga».
  5. ^ a b (ES) Nobiliario y armería general de Nabarra pagina 50, 1899.
    «La stirpe comprovata dei Zúñigas, discesa dall'infante di Navarra D. Alfonso Ramírez, figlio de re D. García Ramírez il Restauratore, che si sposò l'anno 1140 con Donna Sancha, signora di Stúñiga, figlia del ricco signore D. Iñigo».
  6. ^ a b c Giovanni Gravier, Raccolta di tutti i più rinomati scrittori dell'Istoria generale del regno di Napoli: Principiando dal tempo che queste Provincie hanno preso forma di regno, volume 9 pagina 252, Gravier, 1770.
    «La famiglia Zunica nobilissima nelle Spagne, vanta discendenze reali, attribuendosi la fua origine al Re D. Innico Arista, primo re d'Aragona, di Navarra l'antica, Sobrarve, Pallas, e Ripacorsa».
  7. ^ a b Domenico Antonio Parrino, Teatro eroico e politico de' governi de viceré del regno di Napoli, 2: dal tempo del re Ferdinando II Cattolico fin all'anno 1688, regnando la fel men. di Carlo II pagina 402, per F. Riccardo, 1730.
    «La famiglia Zunica nobilissima nelle Spagne, vanta discendenze reali, attribuendosi la sua origine al re Don Innico Arista, primo re d'Aragona, di Navarra l'antica, Sobrarve, Pallas e Ripacorsa».
  8. ^ a b (ES) Luis Vilar y Pascual, Juan José Vilar Psayla, Diccionario histórico, genealógico y heráldico de las familias ilustres de la monarquía española ... volume VII pagina 471, Impr. de F. Sanchez à cargo de A. Espinosa, 1864.
    «La famiglia Zuniga [...] procede dal re Don Inigo Arista in questa maniera: [...]». (Nella suddetta fonte da questa pagina alla 484 segue la genealogia).
  9. ^ a b (ES) Fermín Miranda García,Yolanda Guerrero Navarrete, Medieval: territorios, sociedades y culturas volume III pagina 452, Silex Ediciones, 2008.
  10. ^ L'albero genealogico è parziale, nel già citato Ricca occupa le pagine dalla 363 alla 367, continuando fino a circa la seconda metà del XIX secolo

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Berardo Candida-Gonzaga, Memorie delle famiglie nobili delle province meridionali d'Italia volume I pagine 210-218, Arnaldo Forni Editore, ristampa anastasica, 1995
  • Giovanni Battista di Crollalanza, Dizionario storico-blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti volume III pagina 129, Arnaldo Forni Editore, ristampa anastasica, 2011
  • Luis Vilar y Pascual, Juan José Vilar Psayla, Diccionario histórico, genealógico y heráldico de las familias ilustres de la monarquía española ... volume VII pagine 471-484, Impr. de F. Sanchez à cargo de A. Espinosa Editore, 1864
  • Erasmo Ricca, Storia de' feudi del regno delle Due Sicilie di qua dal faro intorno alle successioni legali ne' medesimi dal 15. al 19. Secolo: -continuata da Raffaele Alfonso Ricciardi ser.II, fasc. 1, 2, Volumi 1-5 pagine 333-367, 1859