Zumbi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Zumbi (disambigua).

Zumbi (165520 novembre 1695) fu l'ultimo leader del Quilombo dos Palmares, nell'odierno stato dell'Alagoas, in Brasile. I quilombo erano comunità politicamente autonome, fondate da schiavi fuggiti dalle fazendas e dagli altri luoghi di prigionia del Brasile ai tempi della schiavitù.

Il 6 febbraio 1694, dopo 67 anni di resistenza contro i coloni portoghesi ed olandesi, il Quilombo dos Palmares venne distrutto dalle truppe di Domingos Jorge Velho. Zumbi sopravvisse all'attacco e si rifugiò nella macchia dove trascorse i successivi due anni, per poi morire il 20 novembre 1695 in un'imboscata.

Nell'immaginario collettivo brasiliano Zumbi costituisce una sorta di Spartaco brasiliano.

Busto di Zumbi dos Palmares a Brasilia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Quilombo di Palmares (nella regione brasiliana di União dos Palmares, Alagoas) era una comunità autonoma, un regno (o repubblica secondo alcuni) formata da ex-schiavi neri fuggiti dalle fazenda (piantagioni) brasiliane. Occupava un'area grande quasi come il Portogallo nella zona ad ovest dell'attuale città di Salvador de Bahia, oggi parte dello stato di Alagoas. La sua popolazione raggiungeva circa 30.000 persone.

Zumbi nacque libero a Palmares il 1655, ma fu catturato e successivamente ceduto ad un missionario portoghese all'età di sei anni. Battezzato "Francisco", Zumbi ricevette i sacramenti, apprese il portoghese e il latino, aiutando ogni giorno a celebrare la messa. Nonostante i tentativi di "civilizzazione", Zumbi fuggì nel 1670, tornando all'età di 15 anni nella città di origine. Zumbi si fece notare subito per la sua destrezza e la sua astuzia nella lotta e all'età di vent'anni era già uno stratega militare rispettato dalla sua gente.

Nel 1678, il governatore della Capitania de Pernambuco, stanco del lungo conflitto col quilombo de Palmares, si riappacificò col leader di Palmares, Ganga Zumba. Fu offerta la libertà a tutti gli schiavi fuggitivi a condizione che il quilombo si sottomettesse all'autorità della corona Portoghese; la proposta venne accettata. Zumbi guardava con sospetto ai portoghesi ed era contrario ad accettare l'offerta di libertà per le persone del quilombo finché gli altri neri del Brasile fossero rimasti sotto il giogo della schiavitù imposta dai portoghesi. Rifiutò quindi la proposta del governatore e, promettendo di continuare la resistenza contro l'opressione portughese, spodestò la leadership di Ganga Zumba, divenendo il nuovo leader del Quilombo di Palmares.

Quindici anni dopo la conquista della leadership da parte di Zumbi, il bandeirante di San Paulo Domingos Jorge Velho fu chiamato ad organizzare l'invasione del quilombo. Il 6 febbraio del 1694 la capitale di Palmares, Macaco, fu distrutta e Zumbi ferito.

Zumbi fu infine catturato in un'imboscata dal capitano Furtado de Mendonça nella Serra dos Irmãos ("foresta dei due fratelli").

Pugnalato, resistette, ma venne giustiziato insieme ad altri 20 guerrieri due anni dopo nella battaglia tenutasi il 20 novembre 1695.

La sua testa venne tagliata e staccata ed il suo pene inserito nella bocca dal governatore Melo e Castro. A Recife la testa fu esposta in una piazza pubblica (praça do Carmo) per impaurire gli schiavi e smentire la leggenda secondo cui Zumbi fosse immortale. Il 14 marzo del 1696 il governatore di Pernambuco Caetano de Melo e Castro scrisse infatti al re del Portogallo: "Ho chiesto che fosse esposta la sua testa nel posto più in vista di questa piazza per impaurire i neri che per superstizione ritengono Zumbi immortale."

Zumbi è oggi per la popolazione brasiliana, un simbolo di resistenza. Nel 1995, la data della sua morte fu adottata come giorno della Coscienza Negra.

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

  • 1630: Invasione degli olandesi nella regione del "Nordeste" del Brasile. Viene di conseguenza destabilizzata la produzione dello zucchero e facilitata la fuga degli schiavi.
  • 1644: tentativo olandese di soggiogare il quilombo di Palmares respinto dai suoi abitanti (quilombolas).
  • 1654: I portoghesi cacciano gli olandesi dal nordeste brasiliano.
  • 1662 (data incerta): ancora bambino, Zumbi viene rapito da soldati portoghesi e portato a Porto Calvo, dove è consegnato al gesuita António Melo, e battezzato col nome di Francisco, aiuta nelle messe e studia portoghese e latino.
  • 1670: Zumbi a 15 anni fugge e torna a Palmares. Lo stesso anno Ganga Zumba, figlio della principessa Aqualtune e zio di Zumbi, assume la leadership del quilombo, che conta ormai più di 300000 abitanti.
  • 1675: Nella lotta contro i soldati portoghesi comandati dal Sargento-mor Manuel Lopes, Zumbi si dimostra un grande guerriero e organizzatore militare. Lo stesso anno le truppe portoghesi comandate da Sargento-mor Manuel Lopes, dopo una battaglia sanguinosa avanzano nel territorio del quilombo. Dopo una ritirata di cinque mesi, i neri contrattaccano, tra loro Zumbi con appena venti anni di età. Dopo una lotta feroce, Manuel Lopes è obbligato a ritirarsi a Recife. Palmares si estendeva dal confine sinistro di São Francisco fino a Capo Santo Agostinho e aveva più di duecento chilometri di estensione, una repubblica con una rete di undici "mocambo" (città), simili alle città murate medievali europee, dove al posto delle mura di pietra sorgevano palizzate di legno. il mocambo principale, il primo ad essere fondato dagli schiavi fuggiaschi si trovava nella Serra da Barriga e aveva il nome di Cerca do Macaco. Due vie spaziose con circa 1500 capanne e ottomila abitanti. Amaro, l'altro mocambo, ne aveva 5000. Gli altri mocambo erano Sucupira, Tabocas, Zumbi, Osenga, Acotirene, Danbrapanga, Sabalangá e Andalaquituche.
  • 1680: Zumbi prende il posto di Ganga Zumba a Palmares e comanda la resistenza contro le truppe portoghesi.
  • 1694: Domingos Jorge Velho e Vieira de Melo comandano l'attacco finale contro la Cerca do Macaco, principale "mocambo" (villaggio) del quilombo di Palmares, luogo di nascita di Zumbi. Circondata da tre palizzate ognuna e difesa da più di 200 uomini armati, dopo 94 anni di esistenza, il quilombo soccombe all'esercito portoghese. Benché ferito, Zumbi riesce comunque a fuggire.
  • 1695, 20 novembre: Zumbi, tradito e denunciato da un vecchio amico, è localizzato, catturato e decapitato a 40 anni d'età. Zumbí è chiamato anche l'"Eis o Espírito", e come tale è diventato una leggenda e venne spesso citato dagli abolizionisti come eroe e martire.

Influenza culturale[modifica | modifica sorgente]

Attualmente il 20 novembre è celebrato in Brasile come il Giorno della Coscienza Nera. Il giorno ha un significato speciale in particolar modo per i neri brasiliani, che vedono Zumbi come l'eroe che lottò per la libertà.

Musica[modifica | modifica sorgente]

  • Da Zumbi ha preso il nome il gruppo musicale Chico Science & Nação Zumbi, il cui nome è stato abbreviato a Nação Zumbi dopo la morte del cantante Chico Science.
  • È citato in diversi testi dei Soulfly.
  • È menzionato nella canzone "Ratamahatta" dei Sepultura.
  • È menzionato nella canzone del 1978 "Sampa" di Caetano Veloso ("...Mais possível novo quilombo de Zumbi...")

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Il suo nome è stato dato a uno dei lottatori del gioco in Macromedia Flash: Capoeira Fighter 2.

Capoeira[modifica | modifica sorgente]

  • È anche uno dei nomi più importanti legati alla cultura della danza-combattimento nota come Capoeira.[senza fonte].

Intitolazioni[modifica | modifica sorgente]

L'aeroporto internazionale di Maceió porta il nome di Aeroporto Internacional Zumbi dos Palmares.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 72847078 LCCN: n85307447

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie