Zudreti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli zidreti o zudreti (latino: Zydretae; traslitt. dal greco:, Zudretai o Zudreitai) era un popolo antico della Colchide riportato nei resoconti classici come dimorante lungo la costa del Pontus Euxinus (Mar Nero), sul lato meridionale del fiume Apsaro (attuale Çoruh/Chorokhi nei territori al confine della Turchia e Georgia), e tra i machelonoi e le tribù laz. L'autore romano del II secolo, Arriano, elenca molti vicini, probabilmente tribù etnicamente relazionate, che sono in base all'orientazione da ovest est: i sannoi, drilae, machelonoi, heniochoi, zudreitai, e lazoi (Perip. 1 1.1-2). L'anonima opera (probabilmente scritta dopo il IV secolo) Periplus Ponti Euxini li colloca più a sud tra i fiumi Akamosis e Archabis. [1] Poco si conosce riguardo alla vita politica e sociale dei zidreti, ma al tempo in cui Arriano li descrisse (130-140 d.C. ca.), essi sembra siano stati soggetti al re di Iberia (Georgia orientale).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Edwards, Robert W. (1988), La valle di Kola: una relazione preliminare finale sulle terre di confine della Turchia nord-orientale, p. 129-130. Dumbarton Oaks Papers, Vol. 42.