Zorobabele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zorobabele da Promptuarii Iconum Insigniorum

Zorobabèle (Zerubbabel[1] o Sesbassar[2][3] in aramaico[4]) significa "seme di babilonia"[5] ed è il nome di un personaggio della Bibbia, figlio di Sealtièl.[4]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia degli Ebrei#Dominazione persiana (539-332 a.C.).

Dopo la presa di Babilonia da parte dei Persiani, nel 538 a.C. l'imperatore Ciro II emise un editto che consentì ai Giudei di lasciare l'esilio babilonese per tornare nel loro paese di origine e ricostruirvi il tempio. L'esodo verso Gerusalemme viene cantato nei rotoli scritti dal Secondo Isaia. Fu guidato da Zorobabele, che diventò il nuovo governatore della Giudea. Il suo nome è citato:

Zorobabele mostra un progetto di Gerusalemme a Ciro, Jacob van Loo, circa 1640-1670.

Nel 535 le fondazioni del Secondo Tempio erano già concluse, ma solo all'inizio del settembre del 520 Zorobabele ne riprese l'edificazione influenzato dai profeti Aggeo e Zaccaria, i quali annunciavano che con la conclusione dei lavori si sarebbero realizzate le speranze del popolo ebraico: l'avvento di YHWH e del suo regno, l'era escatologica e messianica, che avrebbe potuto coinvolgere lo stesso Zorobabele in quanto discendente della casa di Davide.[1][6]

« Come Aggeo, Zaccaria si preoccupa della ricostruzione del tempio. Ma [...] l'attesa escatologica è più urgente. Questa restaurazione deve aprire un'era messianica in cui sarà esaltato il sacerdozio rappresentato da Giosuè (Zaccaria 3, 1-7), ma in cui la regalità sarà esercitata dal germoglio (3, 8), termine messianico applica[to] a Zorobabele (6, 12). I due unti (4, 14) governeranno in perfetto accordo (6, 13).[7] »

I succitati Libri di Esdra e Neemia raccontano il fallimento di tale profezia, che venne elaborata con una precisione e un dettaglio così inauditi che il suo mancato avverarsi portò all'estinzione del profetismo ebraico e al suo rimpiazzo con la letteratura apocalittica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Cf. Zerubbabel in Enciclopedia Britannica online.
  2. ^ Cf. commentario a Matteo 1, 13 in laparola.net.
  3. ^ Cf. Esdra 1, 8.11; 5, 14.16.
  4. ^ a b Cf. Zorobabele in laparola.net.
  5. ^ Cf. Zorobabel in laparola.net.
  6. ^ Cf. anche Mircea Eliade, Storia delle credenze e delle idee religiose, vol. 2, Milano, Rizzoli, 2006, par. 197, Aggeo e Zaccaria, profeti escatologici. ISBN 88-17-01433-8; ISBN 978-88-17-01433-5.
  7. ^ Bibbia di Gerusalemme, Introduzione a I profeti, pp. 1545-6.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

bibbia Portale Bibbia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di bibbia