Zona di subduzione della Cascadia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Struttura della zona di subduzione della Cascadia.
Area della zona di subduzione della Cascadia.

La zona di subduzione della Cascadia è una zona di subduzione che si allunga lungo la costa pacifica nordamericana dal Canada meridionale alla California settentrionale.

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

La zona di subduzione della Cascadia si configura come un margine convergente o distruttivo, presso il quale la crosta oceanica delle placche minori chiamate Juan de Fuca, Explorer e Gorda subducono al di sotto della più vasta placca nordamericana (crosta continentale) con una velocità di 3-4 cm all'anno.[1]

Poco distante, alcune centinaia di chilometri ad occidente della zona di subduzione, in cui viene distrutta crosta, sorge la dorsale di Juan de Fuca, che segna il punto di divergenza fra la placca tettonica omonima e la placca pacifica.

La zona di subduzione della Cascadia si salda a sud alla famosa faglia di Sant'Andrea e alla frattura di Mendocino nei pressi del capo Mendocino, mentre a nord tocca la dorsale Explorer e la faglia Queen Charlotte.

Lungo la zona di subduzione, e nelle sue vicinanze, si manifestano caratteristiche comuni ad altre zone di subduzione nel mondo:

Vulcani[modifica | modifica wikitesto]

Fra i principali coni vulcanici nella regione della Cascadia sono:

  • Lassen Peak, protagonista di una violenta eruzione esplosiva nel maggio del 1915;
    Il monte Sant'Elena in eruzione, 1982.
  • Sant'Elena, che esplose per l'ultima volta nel 1980;
  • Mazama, uno stratovulcano che esplose in tempi preistorici (circa 6.850 anni fa) dando successivamente origine al Crater Lake, nell'Oregon;[2]
  • Rainier, imponente stratovulcano nello stato di Washington, che eruttò per l'ultima volta nel 1894;[3]
  • Shasta, nella California settentrionale, ultima eruzione risalente al 1786;
  • Hood, nell'Oregon, anch'egli protagonista di una eruzione intorno al 1790;
  • Three Sisters, allineamento di tre vulcani nello stato dell'Oregon, attive per l'ultima volta intorno al 50 d.C.;[4]
  • Baker, nello stato di Washington, attivo per l'ultima volta intorno al 1880;[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CVO Website - Juan de Fuca Volcanics
  2. ^ Global Volcanism Program | Crater Lake | Summary
  3. ^ Global Volcanism Program | Rainier | Summary
  4. ^ Global Volcanism Program | South Sister | Summary
  5. ^ Global Volcanism Program | Baker | Summary