Zoltán d'Ungheria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Zoltán (869948) fu capo degli Ungari dal 907 al 948.

Nome di origine lingua araba (sulṭān, "signore", "capo") adottato dal turco, fu portato durante la seconda metà del X secolo dal quarto figlio di Árpád, terrore dei regni di Germania Francia e Italia. Con il nonno di Zoltán, Álmos, gli Ungari scesero infatti dalle montagne del Caucaso fino ad insediarsi nella pianura della Pannonia, tra i monti Carpazi e il Danubio, fino ad estendersi in Moravia sotto Árpád.

Nel 920 condusse il suo esercito in Italia, con l'aiuto dei suoi luogotenenti Bogat e Darsac, saccheggiando Aquileia e Pavia. Successivamente Berengario duca del Friuli dovette comprare la pace con accordi imbarazzanti.

Nel 922, gli Ungari guidati da Zoltán sconfissero l'imperatore Enrico I, che si rifugiò a Wurzen in Sassonia. Fu artefice di numerosissime incursioni in tutta l'Europa occidentale. Penetrò in Francia fino a Reims e Châlons, e si spinse in Italia fino alle porte di Napoli.

Predecessore capo degli Ungari Successore
Árpád 907-948 Fajsz

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Csorba Csaba, Árpád népe, Tudomány – Egyetem, Budapest, Kulturtrade Kiadó, 1997. ISBN 963-9069-20-5
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie