Zoltán Halmay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zoltán Halmay
Dati biografici
Nazionalità Ungheria Ungheria
Nuoto Swimming pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra MUE, (HUN) / MTK, Budapest (HUN)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Parigi 1900 200m sl
Argento Parigi 1900 4000m sl
Bronzo Parigi 1900 1000 sl
Oro Saint Louis 1904 50yd sl
Oro Saint Louis 1904 100yd sl
Argento Londra 1908 100m sl
Argento Londra 1908 4x200 sl
Transparent.png Giochi intermedi del 1906
Oro Atene 1906 4x250m sl
Argento Atene 1906 100m sl
 

Zoltán Halmay (Nagymagasfalu, 18 giugno 1881Budapest, 20 maggio 1956) è stato un nuotatore ungherese, bi-campione olimpico alle Olimpiadi di St. Louis 1904.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Zoltán Halmay nacque a Nagymagasfalu, all'epoca città ungherese dell'Impero Austro-Ungarico; ora la località fa parte della Slovacchia, ed il suo nome ufficiale è Vysoká pri Morave.

Il diciannovenne Halmay fece il suo esordio olimpico alla II Olimpiade di Parigi nel 1900. Fu terzo nei 1000 metri con il tempo di 15'16"4, dietro all'inglese John Arthur Jarvis (13'40"2) e all'austriaco Otto Wahle (14'53"6). Jarvis vinse anche i 4000 metri stile libero in 58'24", con Halmay secondo a 10' di distacco. L'ungherese ottenne un altro secondo posto sui 200 metri con il tempo di 3'31"4, dietro all'australiano Frederick Lane (3'25"2).

Quattro anni dopo, alle Olimpiadi di St. Louis, vinse due medaglie d'oro. Secondo il database del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), le gare vinte da Halmay furono le 100 iarde stile libero, vinte con un tempo di 1'02"8 (record olimpico), e le 50 iarde stile libero, stabilendo anche qui un nuovo record olimpico in 28"2.

Nel 1906 si disputarono ad Atene le Olimpiadi intermedie, per celebrare il decimo anniversario della I Olimpiade dell'età moderna. Halmay arrivò secondo nei 100 metri stile libero dietro allo statunitense Charles Daniels, staccato dal vincitore di una iarda, ma vinse la staffetta 4 x 250 metri metri assieme ai connazionali József Ónody, Henrik Hajós e Géza Kiss, 16'52"4. Tali medaglie non compaiono nel database del CIO, che non riconosce i Giochi intermedi come edizione ufficiale dei Giochi olimpici.

Alle Olimpiadi di Londra 1908 Zoltan de Halmay fu ancora una volta secondo nei 100 metri stile libero dietro Daniels. Il nuotatore ungherese era partito in testa, ma fu raggiunto dallo statunitense ai 30 metri; i due gareggiarono testa a testa nella parte centrale, poi nella seconda metà di gara Daniels incrementò il vantaggio. Daniels concluse primo con il tempo 1'05"6 stabilendo il nuovo record del mondo, Halmay arrivò secondo con 1'06"2. All'argento individuale si aggiunse quello della staffetta, dove Halmay, che aveva iniziato l'ultima frazione in testa, fu rimontato e battuto dal britannico Henry Taylor; il tempo totale della squadra fu 10'59"0.

Oltre alle medaglie olimpiche, Halmay vinse quattordici titoli nazionali ungheresi nel nuoto. Fu uno sportivo versatile, che praticò anche atletica leggera, canottaggio, calcio e pattinaggio a rotelle, dove vinse un campionato nazionale sui 5000 metri. Dopo il ritiro dalle competizioni diventò allenatore di nuoto, e fu per anni il capo allenatore della federazione ungherese di nuoto.

Nel 1968 fu inserito nella International Swimming Hall of Fame, la Hall of Fame internazionale del nuoto.

Nel 1996, nel centesimo anniversario della I Olimpiade dell'era moderna, venne fondata la Halmay Zoltán Olimpiai Hagyományörzö Egyesület, un'associazione ungherese a lui intitolata dedicata a conservare e promuovere la tradizione olimpica.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  • Giochi olimpici: 7 medaglie
    • 2 ori (100 m stile libero, 50 iarde stile libero 1904)
    • 4 argenti (200 m stile libero, 4000 m stile libero 1900; 100 m stile libero, 4 x 200 m stile libero 1908)
    • 1 bronzo (1000 m stile libero 1900)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ministero del commercio, industria, poste e telegrafi francese, Exposition Universelle Internationale de 1900 à Paris - Concours internationaux d'exercices physiques et de sports - Rapports, 1902 (Versione digitalizzata)
  • American Sports Publishing Company, Spalding's Official Athletic Almanac for 1905 Olympic Games Number, Vol. XVIII No. 217, gennaio 1905 (Versione digitalizzata)
  • British Olympic Association, The Fourth Olympiad London 1908, 1909 (Versione digitalizzata)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]