Zolfo di Sicilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(SCN)
« ...Scìnninu, nudi, ‘mmezzu li lurdduma
di li scalazzi ‘nfunnu allavancati;
e, ccomu a li pirreri s'accustuma,
vannu priannu: Gesùzzu, piatati!...
Ma ddoppu, essennu sutta lu smaceddu,
grìdanu, vastimiannu a la canina,
ca macari “ddu Cristu” l'abbannuna...[1] »
(IT)
« ...Scendono, nudi, in mezzo alla sporcizia
cadendo in fondo dalle scalacce;
e, mentre si avvicinano agli spietratori
vanno pregando: Gesù mio, pietà!...
Ma dopo, essendo sotto quello sfracello,
gridano, bestemmiando come cani,
che anche “quel Cristo” li abbandona...[2] »
(Alessio Di Giovanni)

Lo zolfo di Sicilia è stata una delle più importanti risorse minerarie della Sicilia, oggi non più sfruttata. L'area interessata dai grandi giacimenti è quella centrale dell'isola ed è compresa tra le province di Caltanissetta, Enna ed Agrigento: L'area è anche nota ai geologi come altopiano gessoso-solfifero. L'area mineraria si estendeva tuttavia anche fino alla Provincia di Palermo con il bacino di Lercara Friddi e alla Provincia di Catania di cui faceva parte fino al 1928 una parte dell'attuale provincia di Enna; essa è quella nella quale nell'ultimo quarto di millennio si è svolta l'estrazione, la lavorazione e il trasporto dello zolfo. Per un certo periodo ha rappresentato anche la massima zona di produzione a livello mondiale.

Cristalli di zolfo dell'agrigentino

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il prelievo dello zolfo di affioramento avveniva anche in tempi molto antichi, si sono infatti trovate vestigia minerarie risalenti al 200 a.C.; questo veniva usato in medicina da tempo immemorabile ma i Romani lo utilizzarono anche a scopo bellico mescolandolo ad altri combustibili.[3]

A metter in moto lo sfruttamento su larga scala dello zolfo siciliano fu la scoperta del metodo Le Blanc (1787) per la fabbricazione su scala industriale della soda. Lo zolfo, ingrediente fondamentale anche per la produzione della polvere da sparo, assunse allora un'importanza strategica pari a quella attualmente ricoperta dall'uranio. Durante le guerre napoleoniche numerosi capitalisti britannici cominciarono ad interessarsi delle zone minerarie a cielo aperto che si trovavano in prossimità dei porti della Sicilia meridionale. Dopo la pace e la restaurazione del 1815 anche varie imprese francesi iniziarono la loro attività nel settore in virtù dello sviluppo della produzione e della richiesta dell'acido solforico che ebbe un'ulteriore effetto propulsivo sull'estrazione del minerale siciliano.[4] Lo sviluppo dell'estrazione su base industriale iniziò intorno al 1820, su iniziativa dei reali borbonici, che cercarono sempre di piegare lo sfruttamento di questo importante settore minerario all'interesse nazionale, ma dovettero spesso cedere alle pressioni esterne di Francia e Inghilterra, le superpotenze dell'epoca. Negli anni tra 1828 e 1830 l'esportazione di zolfo verso gli opifici di Marsiglia per la produzione di soda e acido solforico raggiunse e superò le 35.000 tonnellate.[5] Vari motivi contingenti, tra cui la sovrapproduzione, fecero sì che dal 1830 in poi l'industria zolfifera avesse alti e bassi con oscillazioni dei prezzi piuttosto sostenute anche per la concorrenza delle piriti estratte nel centro Italia, e lavorate in loco, il cui costo di trasporto era inferiore. I tentativi di stabilire industrie produttive di acido solforico e soda in Sicilia non ebbero per varie ragioni molto successo[6]; nel 1838 Ferdinando II aveva concesso il monopolio dello zolfo siciliano alla società francese Taix & Aycard che in cambio prometteva lo sviluppo di industrie di trasformazione e la costruzione di 25 km di strade carrozzabili l'anno. Tuttavia questa scelta non condusse ai risultati sperati, poiché i prezzi di mercato salirono eccessivamente, le iniziative industriali non ebbero seguito, e si manifestò la dura opposizione della Gran Bretagna che minacciò addirittura il sequestro delle navi siciliane, così nel 1846 gli accordi in tal senso vennero revocati.[7][8]

Nel 1840 venne costituita a Palermo la Anglo-Sicilian Sulphur Company Limited una società tra Vincenzo Florio e gli inglesi Benjamin Ingham e Agostino Porry per la produzione e la commercializzazione di acido solforico e derivati dello zolfo il cui più grande importatore nel 1849 era rappresentato dall'Inghilterra, ma che era venduto in grandi quantità anche agli Stati Uniti.

A rilanciare la richiesta di zolfo fu la seria diffusione di una malattia delle piante, l'Oidio; un fungo parassita della vite colpì i vigneti di tutta Europa devastandoli. L'unico rimedio per prevenirne la diffusione era l'irrorazione delle piante con polvere di zolfo in soluzione acquosa. La raffinazione e la macinazione dello zolfo divennero quindi di nuovo redditizie con la nascita di raffinerie e impianti molitori in varie località costiere del licatese fino a Porto Empedocle e nella città di Catania. La produzione continuò fino alla fine dell'Ottocento quando avvenne un nuovo crollo dei prezzi di vendita che mise in crisi tutto il settore fino a quando gli accordi stipulati con la società Anglo-Sicilian-Sulphur Co., non permisero ai produttori l'accesso al credito per il finanziamento di impianti industriali più moderni migliorando le strutture delle miniere.[6]

Uno dei problemi alla base delle varie crisi del settore era la carenza infrastrutturale nei trasporti,[9] mancanza di strade di comunicazione, mancanza di porti che permettessero l'approdo delle grosse navi da carico, assenza di mezzi meccanici e ferrovie[10] che i vari governi avevano trascurato e che il nuovo Regno d'Italia affrontava con poca determinazione. Nei primi anni settanta del XIX secolo il sindaco di Catania Tenerelli, finanziere e imprenditore del settore zolfifero, denunciava il ritardo con cui si procedeva nella costruzione della Ferrovia Palermo-Catania come motivo principale di paralisi dell'industria zolfifera.[11] Infatti, solo dopo l'apertura della tratta fino a Villarosa (1876), realizzata in subappalto da Robert Trewhella (anch'egli grosso imprenditore zolfifero del catanese) lo zolfo poté giungere celermente alle raffinerie della città e al Porto di Catania. Tale fatto portò la città ad assumere un ruolo preminente nel settore,[12] perché abbatté a quasi la metà il prezzo unitario di trasporto, fino al tempo realizzato per mezzo dei carramatti, sorta di carri da carico tirati da robusti cavalli da tiro.[13]

Carusi all’imbocco di un pozzo della zolfara;1899

Verso la fine del secolo XIX erano presenti e attive oltre 700 miniere con un impiego di forza lavoro di oltre 30.000 addetti. Le cui condizioni di lavoro tuttavia rimanevano al limite del disumano. Gli anni di fine secolo videro quindi la nascita e lo sviluppo delle prime organizzazioni sindacali e l'inizio degli scioperi per ottenere più umane condizioni di lavoro.[14] Gli zolfatari furono quelli che più di tutti parteciparono alla costituzione dei Fasci dei lavoratori: nel maggio 1891 si costituì il Fascio di Catania, nell'ottobre 1893 a Grotte, paese minerario in provincia di Agrigento, si tenne il congresso minerario. Al congresso parteciparono 1.500 fra operai e piccoli produttori. Gli zolfatari chiedevano di elevare per legge a 14 anni l'età minima dei carusi di miniera sfruttati fin'allora come schiavi, la diminuzione dell'orario di lavoro (che era praticamente dall'alba al tramonto) e il salario minimo. I piccoli produttori chiedevano provvedimenti che li affrancassero dallo sfruttamento dei pochi grossi proprietari che controllavano il mercato di ammasso ricavandone, loro, tutto il profitto. I Fasci tuttavia vennero sciolti d'autorità dal Governo Francesco Crispi all'inizio del 1894 dopo che negli scontri con l'esercito erano morti oltre un centinaio di dimostranti in un solo anno.[15] Il settore era entrato in crisi negli anni novanta e la società anglo-siciliana aveva spostato i commerci su Porto Empedocle dove i costi erano inferiori provocando serie ripercussioni sull'economia catanese.[16]

Nel 1901 le unità lavorative raggiunsero il livello massimo di trentanovemila con 540.000 tonnellate di minerale di zolfo estratto.[6]

La società anglo-sicula continuò ad operare ma cessò l'attività in conseguenza della diffusione del nuovo metodo di estrazione Frasch diffusosi negli Stati Uniti che, abbassando drasticamente i costi di estrazione, rese non più competitive le miniere di Sicilia alle quali il metodo non era applicabile a causa della differente conformazione e composizione dei giacimenti.

La prima guerra mondiale aumentò le difficoltà di approvvigionamento dei materiali per l'industria e diminuì i minatori in conseguenza della chiamata al fronte della gran parte della forza lavoro. Alla fine della guerra l'industria dello zolfo americana si accaparrò gran parte del mercato mondiale. Nel 1927 il fascismo demanializzò il sottosuolo minerario creando l'Ente Nazionale Zolfi Italiani con sede a Roma accentrandovi tutte le attività estrattive, commerciali ed economiche non riuscendo tuttavia nell'intento di risollevare il settore. La produzione siciliana di zolfo riprese un po' di fiato solo dopo il 1943, a guerra finita (in Sicilia), ma solo fino ai primi anni cinquanta dato che l'America impegnata nella guerra di Corea canalizzava verso l'industria bellica le risorse.[6]

La successiva ripresa della produzione industriale americana rastrellò di nuovo tutti i mercati bruciando la concorrenza con bassi prezzi nonostante il protezionismo italiano sia a livello di Governo centrale che regionale (che nel 1962 aveva creato allo scopo l'Ente Minerario Siciliano). I provvedimenti adottati non fecero altro che prolungare inutilmente la lenta agonia del settore zolfifero isolano fino a quando la liberalizzazione del mercato voluta dal Mercato Europeo Comune non ne ha decretato la fine. Nel 1976 la produzione di zolfo isolano non aveva superato nel complesso le 85.000 t.[17] A partire dal 1975 varie leggi hanno prodotto la progressiva chiusura delle miniere Musala, Zimbalio, Gaspa La Torre, Baccarato, Giangagliano, Floristella, Grottacalda, Giumentaro per citarne le maggiori; oggi non ne rimane nessuna in attività.

Miniere di zolfo[modifica | modifica wikitesto]

Alcune tra le centinaia di zolfare divise tra le provincie della Sicilia centrale:

Provincia di Agrigento[modifica | modifica wikitesto]

Imbocco di miniera abbandonata a Cianciana
Minerale greggio di zolfo; provenienza, Agrigento
Zolfo frammisto a bitume, proveniente dalle miniere di Cozzo Disi, Casteltermini, in provincia di Agrigento
Ultime vestigia a Catania del grande apparato industriale di lavorazione dello zolfo: una ciminiera e il fabbricato attiguo abbandonato.

Provincia di Caltanissetta[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Enna[modifica | modifica wikitesto]

  • Pasquasia
  • Grottacalda
  • Floristella (nell'area di Valguarnera)
  • Sant'Agostino (in comune di Agira)
  • Ogliastrello (Assoro)
  • Capobianco (Assoro)
  • Morticello (Assoro)
  • Sparacio (Assoro)
  • Rassuara (Assoro)
  • Pietramaggiore (Assoro)
  • Piliere (Assoro)
  • Donna Carlotta (Assoro)
  • Bambinello (Assoro)
  • Vodi (Assoro)
  • Panche (gruppo zolfare di Agira)
  • Pozzo (gruppo zolfare di Agira)
  • Pietragrossa e Gallizzi
  • Musala
  • Zimbalio (Assoro)
  • Baccarato (Aidone)
  • GianGagliano
  • Salinella (Enna)
  • Cannarella (Enna)
  • Caliato (Enna)
  • Salinella Volpe
  • Giumentaro (Enna)
  • Pagliarelo-Respica (Enna)
  • Capodarso (Enna)
  • Salvatorello (Enna)
  • Faccialavata (Leonforte)
  • Gaspa La Torre (Villarosa)
  • Pagliarello (Villarosa)
  • Santo Padre (Villarosa)
  • Garciulla (Villarosa)
  • Muglia (Centuripe)
  • Salina (Centuripe)

Provincia di Palermo[modifica | modifica wikitesto]

  • Colle Croce (in territorio di Lercara Friddi)
  • Colle Friddi (in territorio di Lercara Friddi)
  • Colle Madore (in territorio di Lercara Friddi)
  • Colle Serio (in territorio di Lercara Friddi)

Estrazione del minerale[modifica | modifica wikitesto]

Imbocco di una miniera di zolfo

Secondo i ricercatori il ritrovamento archeologico di una scritta a rilievo su tavoletta di argilla in contrada Puzzu Rosi, nell'area mineraria comitinese in Provincia di Agrigento, testimonia dello sfruttamento del minerale sulfureo in epoca imperiale romana. Sembra comunque, da reperti del Monte Castellazzo, che già nel 1600 a.C. vi fossero commerci del prodotto con popolazioni Egee.[18] Si trattava in genere di minerale di affioramento e di cave a cielo aperto presenti un po' dovunque in tutta l'area nisseno-agrigentina. Il metodo di scavo, rudimentale, con pale, picconi e ceste per il trasporto rimase pressoché lo stesso fino alle soglie del XIX secolo. La richiesta sempre più alta di zolfo, per la produzione di polvere da sparo, acido solforico e soda, soprattutto da parte di Francia e Gran Bretagna, nel Regno delle due Sicilie venne soddisfatta incentivando l'apertura di nuove miniere, nelle quali il minerale veniva estratto seguendone il filone e scavando nuovi pozzi e gallerie sempre più in profondità. Il lavoro di minatore in Sicilia nacque proprio in quel periodo e pur essendo un lavoro durissimo venne visto come un'ulteriore occasione di lavoro per i contadini che vi si adattarono senza grosse difficoltà. Si formarono delle categorie vere e proprie come quella dei pirriaturi (o picconieri) che staccavano il minerale e i carusi, spesso bambini di 7-8 anni[19]che lo trasportavano in superficie con dei contenitori sulle spalle risalendo gli stretti cunicoli centinaia di volte.[20]Il tutto era guidato dai sorveglianti o capumastri. Il sistema di sfruttamento prevedeva la cessione in gabella della miniera da parte del proprietario al capo picconiere che aveva interesse a produrre il massimo per potere spuntare un guadagno. I metodi di estrazione tuttavia rimasero sempre antiquati; questo fatto unito all'estremo sfruttamento del lavoro dei minatori furono spesso causa di terribili incidenti per tutto il periodo di attività, fino ai giorni nostri.

Incidenti in miniera[modifica | modifica wikitesto]

Le già difficili condizioni comuni a tutti i lavoratori minerari erano aggravate in Sicilia da una condizione lavorativa di tipo feudale simile alla servitù della gleba. Unita ai metodi antiquati e rudimentali mantenuti in atto dalle compagnie sia straniere che siciliane per evitare onerosi investimenti nelle infrastrutture provocò frequenti incidenti gravissimi con perdite umane enormi. Alcuni dei più gravi eventi conosciuti sono:

  • 1867, Miniera Trabonella: scoppio di gas in galleria e incendio con 42 vittime accertate.[21]
  • 1881, Miniera Gessolungo: il 12 novembre un'esplosione di grisou all'interno della miniera, generata dalla fiamma di una lampada ad acetilene, fa strage di 65 minatori. Tra le vittime si contarono 19 carusi, di cui nove rimasero senza nome e il loro cimitero, detto "dei carusi", è ancor oggi visitabile in prossimità di Gessolungo;
  • 1882, Miniera Tumminelli: 41 vittime per asfissia[22]
  • 1911, Miniera Trabonella: scoppio di gas e incendio durato 10 giorni con 40 vittime.[21]
  • 1916, Miniere Cozzo Disi - Serralonga (Casteltermini): Il 4 luglio ebbe luogo nelle miniere Cozzo Disi e Serralonga, poste tra loro in collegamento, uno dei più gravi disastri sul lavoro dell’intera storia mineraria italiana. Infatti, nel crollo di alcune gallerie e nell’emissioni di idrogeno solforato persero la vita 89 solfatari. Le cause del grave incidente restano incerte anche se oscillano intorno ad un’ipotesi principale: essa ammette una natura colposa nel disastro, che sarebbe stato provocato dal crollo di una parte della miniera dovuto al mancato riempimento con materiale sterile dei vuoti provocati dall’estrazione del minerale.
  • 1957, Miniera Trabia: esplosione di gas, e crollo del pozzo Scordia con molte perdite umane.
  • 1958, Miniera Gessolungo: un'altra tragedia, avvenuta il 14 febbraio, ispirerà Michele Straniero a scrivere il testo della canzone La zolfara (su musica di Fausto Amodei), portata al successo nel 1959 da Ornella Vanoni.

Metodi di raffinazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Calcarelle (metodo di fusione per combustione; più antico e rudimentale)
  • Calcarone (Un tipo più evoluto di fornace)
  • Forno Gill (forno di fusione a recupero di calore)
  • Flottazione (metodologia di preparazione del minerale prima della raffinazione)
  • Metodo Frasch (non utilizzabile in Sicilia)

Trasporto del minerale[modifica | modifica wikitesto]

Il trasporto dello zolfo venne effettuato fin quasi alla fine del XIX secolo per mezzo di carriaggi a trazione animale fino agli approdi di imbarco siti per lo più nella costa mediterranea della Sicilia tra Licata e Porto Empedocle. Verso la fine del secolo iniziò la costruzione di tranvie e piccole ferrovie minerarie e le miniere principali ebbero anche sistemi di trasporto all'uscita delle gallerie principali costituiti da vagoncini spinti a mano su rotaie che convogliavano il minerale verso i vagoni delle ferrovie a scartamento ridotto costruite in gran numero ma in ritardo sull'occorrente. Alcune, come la Tranvia Raddusa-Sant'Agostino e la Porto Empedocle-Lucia furono costruite da privati, altre vennero costruite direttamente dallo stato. Fu però solo nel 1902, a seguito delle conclusioni di un'apposita Regia Commissione e di una legge varata nel corso dell'anno che venne definita la modalità di costruzione e di finanziamento delle linee interne siciliane che però potevano essere costruite solo in economia e a scartamento ridotto. Anche le prime ferrovie essenziali che congiungevano le aree di produzione ai porti d'imbarco furono costruite con molto ritardo[23] e solo a partire dal 1866 e raggiunsero da Palermo il bacino di Lercara Friddi solo nel 1870 e collegarono Catania e il suo porto con Caltanissetta solo nel 1876[24]. Anche i porti di imbarco della Sicilia meridionale erano poco più che semplici approdi e le navi più capienti ormeggiavano al largo costringendo al doppio trasbordo su chiatte dalla riva e al carico poi sulla nave.[25]La mancanza di strutture efficienti di trasporto realizzate a rilento e con molto ritardo è vista da molti come uno dei motivi del tracollo economico dell'industria dello zolfo siciliano. Nel 1904 per trasportare il minerale dalla miniera Trabia-Tallarita fino alla stazione di Campobello di Licata venne realizzata una linea teleferica di 10 km, mentre un'altra teleferica collegava la miniera di Trabonella alla stazione ferroviaria di Imera, tra Caltanissetta ed Enna. Ma la costruzione della rete ferroviaria vera e propria ebbe inizio soltanto dopo che lo Stato ebbe riscattato la Rete Sicula[26] e quindi dopo il 1906 vennero costruite:

La cultura dello zolfo[modifica | modifica wikitesto]

Strutture museali[modifica | modifica wikitesto]

Arte e letteratura[modifica | modifica wikitesto]

L'essere stata per oltre due secoli una delle attività più dure ma più diffuse nella Sicilia ha fatto della zolfara uno degli argomenti più toccati da poeti, scrittori, romanzieri e cantastorie. Uno dei poeti e scrittori maggiormente toccanti ed espressivi è senz'altro Alessio Di Giovanni, nativo di Cianciana uno dei centri zolfiferi dell'agrigentino, che nei suoi Sunetti di la surfara, in lingua siciliana, ha espresso il tormento e la disperazione dei lavoratori-schiavi delle miniere.

Anche Luigi Pirandello, la cui famiglia gestiva delle zolfare, nella sua raccolta Novelle per un anno scrisse sul duro lavoro, soprattutto minorile nelle zolfare con le novelle Il fumo e Ciàula scopre la luna. Il tema dello zolfo si interseca infatti in varia maniera nella sua produzione letteraria come motivo ispiratore di parecchie novelle nelle quali è presente il mondo che gravita attorno alla zolfara. La miniera gestita dalla sua famiglia che egli chiama la Cace, la zolfara grande è presente nel suo celebre romanzo I vecchi e i giovani finito nel 1913.

La Racalmuto-Regalpetra di Leonardo Sciascia, terra di zolfare e zolfatari, risuona nella sua produzione letteraria come in Le parrocchie di Regalpetra.

« Pròvati, pròvati a scendere per i dirupi di quelle scale — scrive un regalpetrese — visita quegli immensi vuoti, quel dedalei andirivieni, fangosi, esuberanti di pestifere esalazioni, illuminati tetramente dalle fuligginose fiamme delle candele ad olio: caldo afoso, opprimente, bestemmie, un rimbombare di colpi di piccone, riprodotto dagli echi, dappertutto uomini nudi, stillanti sudore, uomini che respirano affannosamente, giovani stanchi, che si trascinano a stento per le lubriche scale, giovinetti, quasi fanciulli, a cui più si converrebbero e giocattoli, e baci, e tenere materne carezze, che prestano l’esile organismo all’ingrato lavoro per accrescere poi il numero dei miseri deformi. E quando dalla notte della zolfara i picconieri e i carusi ascendevano all’incredibile giorno della domenica, le case nel sole o la pioggia che batteva sui tetti, non potevano che rifiutarlo, cercare nel vino un diverso modo di sprofondare nella notte, senza pensiero, senza sentimento del mondo. »
(Leonardo Sciascia, Le parrocchie di Regalpetra, Aldelphi, 1991)

La strage di carusi avvenuta nella Miniera Gessolungo il 12 novembre 1881 (il cui cimitero, detto dei carusi, è ancor oggi visitabile in prossimità di Gessolungo) è stata il tema ispiratore del testo della canzone La zolfara di Michele Straniero portata al successo nel 1959 da Ornella Vanoni:

« Otto sono i minatori
ammazzati a Gessolungo;
ora piangono i signori
e gli portano dei fiori.
Hanno fatto in Paradiso
un corteo lungo lungo;
da quel trono dov'è assiso
Gesù Cristo gli ha sorriso. »
(Michele Straniero, La zolfara)

I terribili e frequenti incidenti nelle zolfare hanno ispirato poeti e scrittori: uno di questi, avvenuto nel 1951 nelle miniere del bacino di Lercara, venne documentato dallo scrittore Carlo Levi nel libro Le parole sono pietre:

« il 18 giugno, un ragazzo di diciassette anni, Michele Felice, un "caruso" che lavorava nella miniera, venne schiacciato da un masso caduto dalla volta di una galleria, e morì. È un fatto frequente: anche il padre del morto aveva avuto una gamba schiacciata da una frana. nella zolfara. Alla busta-paga del morto venne tolta una parte del salario, perché, per morire, non aveva finito la sua giornata; e ai cinquecento minatori venne tolta un'ora di paga, quella in cui avevano sospeso il lavoro per liberarlo dal masso e portarlo, dal fondo della zolfara, alla luce. Il senso antico della giustizia fu toccato, la disperazione secolare trovò, in quel fatto, un simbolo visibile, e lo sciopero cominciò. »
(Carlo Levi, Le parole sono pietre)

Nel suo romanzo La Signora della Ruota (La Ruotaia) (in inglese), scrittore americano Angelo Felice Coniglio descrive come una famiglia di Racalmuto, per avere i soldi per comprare da mangiare, deve inviare un figlio alle miniere di zolfo come un "caruso" per un misero "soccorso di morte", e gli orrori che i ragazzi giovani, quasi-schiavi, sottoposti nelle miniere.

Parco minerario[modifica | modifica wikitesto]

Con due decreti del 1994 e del 1996 l'Assessorato regionale ai beni culturali ed ambientali della Regione Siciliana ha sancito l’interesse etno-antropologico delle dismesse zolfare di Lercara Friddi.

Nel 1991 una legge regionale ha istituito l'ente Parco minerario di Floristella-Grottacalda, in provincia di Enna, la cui miniera di Floristella, risalente alla fine del XVIII secolo ha svolto attività fino al 1984. Nel Parco è presente il pregevole palazzo del barone di Floristella, Agostino Pennisi, geniale imprenditore che ivi fece dimora con la propria famiglia.

A Catania la cittadella dello zolfo, l'area industriale sorta per la lavorazione dello zolfo, a nord-est dell'attuale Stazione di Catania Centrale da tempo abbandonata è stata recuperata negli anni settanta integrando nuovo e antico e creando Le Ciminiere un’area fieristica, espositiva e per convegni. L'agglomerato di stabilimenti di raffinazione e molitura e ciminiere occupava una superficie pari all'intero centro storico testimoniando dell'importanza del settore zolfifero per l'economia catanese del tempo.

Il 26 settembre 2007 alla Camera dei deputati (XV Legislatura) è stata presentata la proposta di Legge N. 3067 d'iniziativa dei deputati Lomaglio, Aurisicchio, Buffo, Burgio, Burtone, Cacciari, Crisafulli, Daro, Di Salvo, Dioguardi, Fumagalli, Maderloni, Orlando, Rotondo, Samperi, Spini, Trupia, Zanotti per la Istituzione del Parco nazionale geominerario delle Zolfare di Sicilia.[27] Nel 2010 è stato inaugurato il Museo delle Solfare di Trabia Tallarita, allestimento permanente presso il sito minerario di Trabia (Riesi), che ospita un ricco percorso storico-tecnico sull'epopea delle solfare siciliane.[28]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessio Di Giovanni: da Sonetti di la surfara.
  2. ^ Traduzione in lingua italiana di Antonino Taverna
  3. ^ G. Salmeri, Sicilia romana-Miniere di zolfo in Sicilia e in Grecia nell'età imperiale
  4. ^ Denis Mack Smith, Storia della Sicilia medioevale e moderna, pagg.510-511. Editori Laterza ,1976
  5. ^ Giovanni Evangelista Di Blasi, Storia cronologica dei viceré luogotenenti e presidenti del Regno di Sicilia, pag. 827-829, Palermo 1867
  6. ^ a b c d Marianna Di Bilio Morana, Cenni storici sullo zolfo. URL consultato il 27/03/2008.
  7. ^ Rivista contemporanea,Vol 26,a pag 429,Torino-1861
  8. ^ Denis Mack Smith, Storia della Sicilia medioevale e moderna, pagg.512-513. Editori Laterza ,1976
  9. ^ Federico Squarzina,Produzione e commercio dello zolfo in Sicilia nel secolo XIX,ILTE 1963
  10. ^ Denis Mack Smith, Storia della Sicilia medioevale e moderna, pagg.511/512. Editori Laterza ,1976
  11. ^ Giuseppe Giarrizzo,Catania a pag. 60. Laterza editore, Bari,1986
  12. ^ Giuseppe Giarrizzo, Catania, Laterza editore, Bari, 1986, p. 75.
  13. ^ Giuseppe Barone Le vie del Mezzogiorno,Donzelli Editore,2002
  14. ^ itinerario minerario. URL consultato il 27/03/2008.
  15. ^ i fasci dei lavoratori. URL consultato il 04/04/2008.
  16. ^ Giuseppe Giarrizzo, Catania, Laterza editore, Bari, 1986, p. 149.
  17. ^ Jean Huré, Storia della Sicilia, Brancato Editore, Brugherio (MI), 2005.
  18. ^ Comitini:la storia mineraria. URL consultato il 28/03/2008.
  19. ^ "Comunque sia di ciò, o che il padrone della miniera tratti direttamente coi picconieri, oppure coi partitanti, è sempre il picconiere che pensa a provvedere i ragazzi necessari per eseguire il trasporto del minerale da lui scavato, fino a dove si formano le casse. Ogni picconiere impiega in media da 2 a 4 ragazzi. Questi ragazzi detti carusi, s’impiegano dai 7 anni in su; il maggior numero conta dagli 8 agli 11 anni. Essi percorrono coi carichi di minerale sulle spalle le strette gallerie scavate a scalini nel monte, con pendenze talora ripidissime, e di cui l’angolo varia in media dai 50 agli 80 gradi. Non esiste nelle gallerie alcuna regolarità negli scalini; generalmente sono più alti che larghi, e ci posa appena il piede. Le gallerie in media sono alte di circa metri 1.30 a metri 1.80, e larghe da metri 1 a metri 1.20, ma spesso anche meno di metri 0.80329; e gli scalini alti da metri 0.20 a 0.40; e profondi da metri 0.15 a 0.20. I fanciulli lavorano sotto terra da 8 a 10 ore al giorno, dovendo fare un determinato numero di viaggi, ossia trasportare un dato numero di carichi dalla galleria di escavazione fino alla basterella che vien formata all’aria aperta. I ragazzi impiegati all’aria aperta lavorano 11 a 12 ore. Il carico varia secondo l’età e la forza del ragazzo, ma è sempre molto superiore a quanto possa portare una creatura di tenera età, senza grave danno alla salute, e senza pericolo di storpiarsi. I più piccoli portano sulle spalle, incredibile a dirsi, un peso di 25 a 30 chili; e quelli di sedici a diciotto anni fino a 70 e 80 chili".ref.Leopoldo Franchetti, Sidney Sonnino, "La Sicilia nel 1876", libro 2, parte III, capitolo supplementare, paragrafo 132
  20. ^ I carusi e le patologie gravi. URL consultato il 03/04/2008.
  21. ^ a b notizie e dati-sommatino. URL consultato il 03/04/2008.
  22. ^ Angeli senza volto. URL consultato il 03/04/2008.
  23. ^ Romualdo Giuffrida,Lo Stato e le ferrovie in Sicilia (1860-1895), Ed.Sciascia, Caltanissetta-1967
  24. ^ Carbone–Crispo L'inchiesta sulle condizioni sociali ed economiche della Sicilia (1875-76)–Bologna 1968, pag. 1084
  25. ^ http://www.webalice.it/paolo.grappasonni/OPERE_4.html Problemi economico-sociali della Sicilia dopo l'unità-cap.4
  26. ^ Nico Molino,La rete a scartamento ridotto della Sicilia
  27. ^ La Camera dei Deputati - XVI Legislatura
  28. ^ Un viaggio nella Sicilia delle solfare: è nato il Museo di Trabia-Tallarita

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leopoldo Franchetti Sidney Sonnino, La Sicilia nel 1876, libro 2, parte III, capitolo supplementare, 1925, Vallecchi, Firenze.
  • Carlo Levi, Le parole sono pietre, 1955, Torino.
  • Giuseppe Giarrizzo, Catania, 1986, Bari, Laterza editore.
  • Carbone Crispo, L'inchiesta sulle condizioni sociali ed economiche della Sicilia (1875-76), 1968, Bologna.
  • Nico Molino, La rete FS a scartamento ridotto della Sicilia, 1985, Edizioni elledi, Torino, ISBN 88-7649-037-X.
  • Angelo Felice Coniglio, The Lady of the Wheel (La Ruotaia), 2012, Legas, Mineola, ISBN 1-881901-86-6.
  • Calogero Brunetto, Le miniere di zolfo, in Campobello, cronache di un passato presente, pp. 69-78, 2001, Edizioni Fontana, Campobello di Licata.
  • Salvatore Galletti, Súrfaru e Surfarara - ­Zolfo e Zolfatari, 1996, Lussografica, Caltanissetta, ISBN 88-8243-017-0.
  • Immagini e mappe di Siti minerari dismessi in Sicilia [1]
  • Gerald Kutney, Sulfur:History, Technology, Applications & Industry, 2007, ISBN 978-1-895198-37-9.
  • Denis Mack Smith, Storia della Sicilia medioevale e moderna, pagg.510-511, Bari, Editori Laterza, 1976.
  • Federico Squarzina, Produzione e commercio dello zolfo in Sicilia nel secolo XIX, ILTE, 1963.
  • Jean Huré, Storia della Sicilia, Brugherio (MI), Brancato Editore, 2005.
  • Romualdo Giuffrida, Lo Stato e le ferrovie in Sicilia (1860-1895), Caltanissetta, Ed.Sciascia, 1967.
  • Francesco Roberti, Il Legendario "Surfararu", 2012, Barrafranca, Ed.Bonfirraro, ISBN 978-88-6272-043-4.
  • Ignazio Nigrelli,"La crisi dell'industria zolfifera siciliana in relazione al movimento dei Fasci", in Movimento Operaio, rivista di storia e bibliografia, nuova serie, n. 6, "I Fasci siciliani", nov.-dic. 1954 (a.VI), edito a cura della biblioteca G.G. Feltrinelli, pp. 1050 - 1066.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]