Zij-i Sultani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Zij-i Sultani (in farsi زیجِ سلطانی ) è un'opera di astronomia consistente in tavole astronomiche e un catalogo stellare che è stato pubblicato da Uluğ Bek nel 1437.

Quest'opera dell'Astronomia islamica è il risultato del lavoro di un gruppo di astronomi che lavorarono sotto la direzione di Uluğ Bek presso l'osservatorio da lui creato a Samarcanda: tra questi astronomi, tra gli altri, c'erano Al-Kashi e Ali Qushji.

Il Zij-i Sultani è stato il più accurato e vasto catalogo stellare mai compilato fino al suo tempo, superiore a tutti i precedenti cataloghi ivi compresi l'Almagesto di Claudio Tolomeo, il Libro delle stelle fisse di Abd al-Rahmān al-Sūfi e il Zij-i Ilkhani dell'Osservatorio di Maragheh, non fu superato fino alla pubblicazione dei lavori di Taqi al-Din Muhammad ibn Ma'ruf e di Tycho Brahe del XVI secolo.

I seri errori trovati da Uluğ Bek nei precedenti cataloghi stellari e tavole astronomiche, molti dei quali erano semplicemente aggiornamenti dell'Almagesto di Tolomeo contenenti le correzioni alle coordinate celesti rese necessarie a causa della precessione degli equinozi, lo indussero a rideterminare le posizioni di 992 stelle, a cui aggiunse altre 27 stelle prese dal Libro delle stelle fisse di Abd al-Rahmān al-Sūfi, opera composta attorno al 964, situate a declinazioni troppo meridionali per poter essere osservate da Samarcanda.

Questo catalogo, uno degli più originali dell'epoca medievale, è stato pubblicato in Europa nel 1665 a Oxford da Thomas Hyde col titolo Tabulae longitudinis et latitudinis stellarum fixarum ex observatione Ulugbeighi, da Gregory Sharpe nel 1767 e nel 1843 da Francis Baily nel XIII volume delle Memoirs of the Royal Astronomical Society, edite dalla Royal Astronomical Society.

Nel 1437 Uluğ Beg determinò la lunghezza dell'anno siderale in 365,2570370... d = 365d6h 10m 8s (con un errore di +58s), per le sue misure, durate vari anni, usò uno gnomone alto 50 metri. Questo valore è stato migliorato di 28s solo 88 anni più tardi nel 1525 vicino da Niccolò Copernico che si riferì però alla misura di Thābit ibn Qurra, che aveva un errore di soli +2s. In seguito Uluğ Bek determinò una misura più precisa, 365d5h 49m 15s, erronea di +25s, ma più accurata di quella di Copernico che possiede un errore di +30s.

Uluğ Beg determinò l'Inclinazione assiale della Terra in 23,52 gradi, la migliore misura ottenuta fino ad allora, misura più accurata delle successive misure effettuate da Copernico e Tycho Brahe e che si accorda bene col valore accettato attualmente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Louis Pierre Eugène Amélie Sédillot, Tables astronomiques d’Oloug Beg, commentées et publiées avec le texte en regard, Tome I, 1 fascicule, Parigi, 1839
  • (FR) Louis Pierre Eugène Amélie Sédillot, Prolégomènes des Tables astronomiques d’Oloug Beg, publiées avec notes et variantes, et précédées d’une introduction, Parigi, editore F. Didot, 1847
  • (FR) Louis Pierre Eugène Amélie Sédillot, Prolégomènes des Tables astronomiques d’Oloug Beg, traduction et commentaire, Parigi, 1853