Zia Lisa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Catania-Stemma.png
Catania
Municipalità

Quartieri:
Centro storico (I)
Angeli Custodi (I)
Antico Corso (I)
Civita (I)
San Berillo (I)
San Cristoforo (I)
Fortino (I)
Ognina (II)
Picanello (II)
Villaggio Dusmet (II)
Borgo (III)
Barriera (IV)
Canalicchio (IV)
San Giovanni Galermo (V)
Cibali (VI)
Trappeto (VI)
San Nullo (VI)
Monte Po (VII)
Nesima (VII)
San Leone (VIII)
Librino (IX)
San Giorgio (IX)
San Giuseppe La Rena (X)
Villaggio Goretti (X)
Zia Lisa (X)
Municipalità di Catania.svg

Storia di Catania

Architetture - Chiese principali - Piazze principali - Terme romane - Giardini - Musei - Teatri - Sport - Personalità - Lingua siciliana

Galleria fotografica

Zia Lisa (Zza Lisa in catanese) è un quartiere della città di Catania. Situato a sud-ovest della città, si sviluppa lungo l'omonima arteria via Zia Lisa, via che è diretta continuazione dello stradale Gelso Bianco e che continua nella via Acquicella.

Il quartiere confina a nord col quartiere San Cristoforo, a est col quartiere San Giuseppe La Rena, a sud col quartiere Villaggio Santa Maria Goretti e a ovest col quartiere Librino.

Amministrativamente Zia Lisa fa parte della X Municipalità San Giuseppe La Rena-Zia Lisa.

Il quartiere, sorto per la maggior parte tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, rappresenta l'estremo limite sud-ovest della città, prima della piana di Catania, ed è ad estrazione principalmente artigianale-popolare. Il quartiere ospita il cimitero monumentale di Catania.

Origine del toponimo[modifica | modifica sorgente]

Secondo la tradizione popolare, il nome di Zia Lisa deriverebbe da una leggendaria donna di non comune bellezza, moglie del gestore di un fondaco (locanda di infima estrazione) di cui una volta era ricco il quartiere proprio per la posizione al limite della città per accogliere i carrettieri che venivano dalle campagne.

Zia (Zza in siciliano) era il titolo dato al nome di una donna di condizione sociale non elevata. Un mezzo busto di marmo di ignoto autore, opera del Settecento, oggi scomparso, avrebbe ritratto la bella fondacara ed era posto nel quartiere.

Altre ipotesi sull'origine del toponimo Zia Lisa contemplano l'origine greca Theia Elysia, cioè Divini Elisi, per definire la bellezza della zona, porta di bellissime campagne, oppure l'origine araba Zisa, cioè palazzo maestoso, di cui Zia Lisa sarebbe storpiatura verbale e popolare, per sottolineare la fine delle campagne e l'inizio della città.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Catania Portale Catania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Catania