Zares

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zares - Socioliberali
(SL) Zares – socialno-liberalni
Leader Pavel Gantar
Stato Slovenia Slovenia
Fondazione 2007
Sede Lubiana
Ideologia Liberalismo sociale[1]
Collocazione Centrosinistra
Partito europeo ALDE
Gruppo parlamentare europeo ALDE
Affiliazione internazionale Internazionale Liberale
Seggi Assemblea Nazionale
0 / 90
 (2011)
Seggi Europarlamento
1 / 8
 (2009)
Sito web www.zares.si

Zares - Socioliberali (Zares – socialno-liberalni) è un partito politico sloveno socioliberale di centrosinistra, affiliato all'ALDE a livello europeo e membro dell'Internazionale Liberale. Il nome deriva da una espressione slovena che vuol dire Sul serio.

Fino al 2011 si chiamava Zares - Nuova Politica (Zares - Nova politika).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Zares nacque nel 2007 da una scissione di Liberal Democrazia di Slovenia, quando 6 parlamentari lasciarono il partito fondando un nuovo gruppo parlamentare.

Alle elezioni presidenziali del 2007 il partito ha sostenuto la candidatura di Danilo Türk, poi eletto.

In vista delle elezioni del 2008, Zares si è alleato ufficiosamente con Liberaldemocrazia di Slovenia e i Socialdemocratici. Il noto filosofo Slavoj Žižek ha espresso il suo supporto per il partito.

Alle elezioni ha ottenuto il 9,4% e 9 seggi, ed è entrato a fare parte del governo di centrosinistra di Borut Pahor. Nel 2009 il leader Golobič è stato coinvolto in uno scandalo per avere nascosto ai media i propri investimenti nella compagnia Ultra; questo scandalo ha scosso il partito e ha portato alla fuoriuscita di alcuni membri. Nel 2011 il partito ha abbandonato il governo, contribuendo così alla sua caduta.

Alle elezioni del 2011 Zares è crollato allo 0,7% e non ha eletto alcun deputato, diventando così un partito extraparlamentare.

Risultati elettorali[modifica | modifica sorgente]

Voti % Seggi
Politiche 2008 98.526 9,37 9
Europee 2009 45.237 9,77 1
Politiche 2011 7.218 0,65 0

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Parties and Elections - Slovenia. URL consultato l'11 dicembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]