Zanetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sul nome proprio, vedi Zanetto (nome).
Zanetto
Locandina-Cavalleria rusticana-Zanetto.png
Una locandina di "Zanetto" e "Cavalleria rusticana"
Genere opera lirica
Musica Pietro Mascagni
Libretto Giovanni Targioni-Tozzetti
Guido Menasci
Libretto online
Fonti letterarie Le passant (Il viandante)
di François Coppée
Atti uno
Prima rappr. 2 marzo 1896
Teatro Liceo musicale Rossini, Pesaro
Personaggi

Zanetto è il titolo di un'opera lirica in un atto musicata da Pietro Mascagni su libretto (anche se l'indicazione è quella di riduzione) di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci, derivato dalla commedia in versi in un atto Il viandante (Le passant) di François Coppée.

Rappresentata per la prima volta al Liceo musicale Rossini di Pesaro il 2 marzo 1896, è stata spesso messa in scena - o incisa su disco - accoppiata ad un'altra opera in un atto unico di Mascagni, la Cavalleria rusticana.

Zanetto si connota per le eco di madrigali, villotte e stornelli con cui l'autore ha voluto colorare l'ambientazione del periodo rinascimentale fiorentino nel quale l'opera è situata.

Critica non benevola[modifica | modifica sorgente]

Zanetto non è considerato uno dei lavori più riusciti di Mascagni che, reduce da una decade di intensa attività, si lasciò attrarre da un soggetto - la commedia di Coppée, portata in scena per la prima volta da Sarah Bernhardt a Parigi nel 1869 e tradotta tre anni dopo in versi martelliani da Emilio Praga - sicuramente non fra più malleabili.

La stessa critica ufficiale mostrò fin dalla prima le proprie perplessità e solo lo scrittore Ugo Ojetti si pronunciò in maniera favorevole indicando in quest'opera la più organica mai riuscita a Mascagni.
A beneficio del quale depone, in ogni caso, il desiderio di avvicinarsi, appunto con Zanetto, a temi vicini ad una cultura e ad una letteratura al tempo assai in auge, una aspettativa probabilmente non premiata dal testo restituito in lingua italiana che - a parere di molti - non contiene elementi che potessero suscitare nel compositore toscano elevate punte ispirative.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nella semplicità dell'operina - due soli personaggi, introdotti da un coro di apertura a cappella - la trama di Zanetto è quanto di più semplice possa esistere, almeno nell'opera lirica.
La scena è ambientata in epoca rinascimentale, a Firenze, nel giardino di Silvia, un'avvenente cortigiana turbata dalla propria incapacità di riuscire a provare un qualsiasi sentimento amoroso.
La donna rimane turbata nel conoscere Zanetto, giovane poeta e cantore girovago che, nella propria ingenuità, la confonde con una nobildonna.

Zanetto le racconta di essere alla ricerca di una cortigiana della quale ha sentito tanto parlare, e Silvia, ormai invaghita di lui - pur suggerendogli suo malgrado di non smettere di cercarla - lo vorrebbe tenere presso di sé. Il disarmante candore del giovane ha tuttavia la meglio e la cortigiana, pur in un canto di lacrime, respinge Zanetto con dolcezza.
Le resterà una rinnovata consapevolezza della possibilità di poter tornare ad amare.

Edizioni discografiche[modifica | modifica sorgente]

  • 1969 - Tito Petralia (direttore), Orchestra Sinfonica della RAI - Giuseppina Arista (Zanetto), Pia Malagrini (Silvia) - (26 giu gno 1969)
  • 1986 - Mauro Ceccanti, Orchestra e Coro del Comitato Estate Livornese - Ambra Vespasiani, Rita Lantieri - Live, Livorno, Teatro di Villa Mimbelli, 30 luglio 1986
  • 2003 - Bruno Aprea, Orchestra Sinfonica di Savona - Romina Basso, Denia Mazzola Gavazzeni - (Video)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica