Zaccaria (profeta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Zaccaria
Il profeta Zaccaria dipinto da Michelangelo nella volta della Cappella Sistina
Il profeta Zaccaria dipinto da Michelangelo nella volta della Cappella Sistina

Profeta biblico

Nascita  ?
Morte IV secolo a.C.
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 6 settembre

Zaccaria (... – IV secolo a.C.) è uno dei dodici Profeti minori.

Il suo nome (ebraico זְכַרְיָה, Zekharya/Zəḵaryā) significa "Jahvé ricorda"[1] ed è autore dell'omonimo libro classificato tra i libri profetici (detti Neviìm) nella Bibbia ebraica e nell'Antico Testamento nella Bibbia cristiana.

Visse nel periodo dopo l'esilio babilonese e si preoccupò molto della ricostruzione del tempio di Gerusalemme.[1]

Come il profeta Ezechiele ebbe un'estrazione sacerdotale.[1]

Zaccaria è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e celebrato il 6 settembre.

Col nome di Zakariyāʾ, è annoverato dall'Islam tra i profeti che precedettero Maometto. La tradizione vuole la sua tomba nella moschea degli Omayyadi di Aleppo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c La Bibbia, ed. Piemme, Casale Monferrato (AL), 1996, ISBN 88-384-2400-4, p. 2245

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]