Z-Score (economia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo Z-Score è un indice dell'analisi fondamentale che serve per vedere con tecniche statistiche le probabilità di fallimento di una società.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'indice è stato creato da Edward I. Altman nel 1968 quando sviluppò il modello previsionale Z-Score. L'indice fu sviluppato analizzando i dati di bilancio di 66 società, delle quali 33 erano società solide e 33 erano società fallite, con un grado di accuratezza del 95%.

Variabili e formula[modifica | modifica sorgente]

Le variabili utilizzate per il calcolo dello Z-Score sono 8:

La formula è data dalla seguente equazione: z-score = 1,2 a + 1,4 b + 3,3 c + 0,999 d/e + 0,6 f/g

Risultati[modifica | modifica sorgente]

In base del valore dello Z-Score la probabilità di fallimento è:

  • alta, se Z-Score < 1,79;
  • bassa se Z-Score > 3.

Se 1,8 < Z-Score < 2,99 il modello identifica una zona grigia in cui i risultati non sono di per sé univoci, ma vanno approfonditi con ulteriori strumenti di analisi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  • Questo indice è un valido strumento di analisi, ma non è attendibile al 100%.
  • È opportuno che l'indice venga calcolato su più esercizi per verificare se la tendenza sta migliorando o peggiorando.
  • Gli 8 indici utilizzati, ad eccezione del valore di mercato, provengono direttamente dal bilancio della società da analizzare.
  • Nella formula di calcolo dello Z-Score è utilizzato il capitale circolante dato dalla differenza tra le attività correnti e le passività correnti.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia