Yukio Hatoyama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Yukio Hatoyama
Yukio Hatoyama.jpg

Primo Ministro del Giappone
Durata mandato 16 settembre 2009 –
8 giugno 2010
Capo di Stato Akihito
Predecessore Taro Aso
Successore Naoto Kan

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Alma mater Università di Tokyo

Yukio Hatoyama 鳩山由紀夫 (Tokyo, 11 febbraio 1947) è un politico giapponese, Primo Ministro del Giappone dal 16 settembre 2009 all'8 giugno 2010.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Famiglia e studi[modifica | modifica sorgente]

Ichiro Hatoyama e i due nipoti, Yukio e Kunio

Hatoyama è nipote dell'ex primo ministro del Giappone Ichiro Hatoyama e figlio dell'ex ministro degli esteri Iichiro Hatoyama. La madre Yasuko è una figlia di Shojiro Ishibashi, fondatore della Bridgestone.[1] Con il fratello Kunio Hatoyama appartiene alla quarta generazione di politici della famiglia Hatoyama. È di religione battista[2]. Laureatosi all'Università di Tokyo, ha conseguito un dottorato di ricerca in ingegneria gestionale presso la Stanford University.[1][3] Ha lavorato come assistente alla ricerca presso l'università di Tokyo e in seguito presso la Senshu University.

Politica[modifica | modifica sorgente]

Viene eletto per la prima volta nel 1986 alla Camera dei Rappresentanti tra le file del Partito Liberal Democratico giapponese. Nel 1993, lascia il Partito Jiminto e passa nel Nuovo Partito Sakigake e successivamente, nel 1998, fonda con il fratello Kunio il Partito Democratico.

Nel maggio del 2009, dopo le dimissioni di Ichiro Ozawa, viene eletto segretario del partito vincendo le primarie con 124 voti su 219.

La sua vittoria elettorale si verifica alle elezioni del 30 agosto 2009, dove il Partito Democratico riesce ad impossessarsi della maggioranza assoluta della Camera Bassa.[1][3] Il 16 settembre 2009, Hatoyama è divenuto formalmente il 93° premier del Giappone, il quinto in cinque anni, e ottavo cristiano (battista) ad assumere tale carica.

A pochi mesi dall'insediamento, il governo Hatoyama subisce ben presto un calo di popolarità, soprattutto dopo la manovra finanziaria da quasi mille miliardi di dollari[4] duramente attaccata dalla stampa locale e uno scandalo sulla corruzione nel quale Hatoyama risulta coinvolto.

L'11 maggio diviene un caso politico una camicia a quadretti multicolori indossata da Hatoyama già fortemente impopolare. La stampa giapponese definirà questa uscita del premier come Fashion Disaster.[5] Questa gaffe porta alla ribalta anche un designer di camicie di Ginosa, Angelo Inglese, che pur avendo Hatoyama tra i suoi clienti famosi, smentisce di aver creato tale indumento colorato.

Il 2 giugno 2010 infine si dimette dopo essere stato travolto dalla polemica riguardante il mantenimento della base militare statunitense a Okinawa. Infatti ancor prima di diventare premier, durante la campagna elettorale, Hatoyama aveva promesso che i militari americani avrebbero lasciato l'isola dell'arcipelago giapponese ma questo non è accaduto e i socialdemocratici hanno deciso quindi di lasciare la coalizione di centro-sinistra di Hatoyama che aveva per la prima volta nella storia del Giappone mandato all'opposizione il partito liberal democratico.[6]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Croce dell'Ordine al Merito (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al Merito (Portogallo)
— 2 dicembre 1993

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Japan's Hatoyama Sustains Family Political Tradition, Wall Street Journal, AUGUST 1, 2009
  2. ^ Kopf des Tages: Yukio Hatoyama - Doppelsieg vor Augen | FTD.de
  3. ^ a b Yukio HATOYAMA in The Democratic Party of Japan. (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2007).
  4. ^ dollarihttp://blog.ilmanifesto.it/furore/
  5. ^ Tokyo, diventa un caso politico la camicia choc del premier giapponese - Corriere della Sera
  6. ^ Tokyo, il premier si dimette tra le lacrime - Corriere della Sera

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Primo Ministro del Giappone Successore Go-shichi no kiri crest.svg
Taro Aso 16 settembre 2009 - 8 giugno 2010 Naoto Kan

Controllo di autorità VIAF: 110028186 LCCN: n/84/127893