Yosef Haim Brenner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Yosef Haim Brenner

Yosef Haim Brenner, in ebraico יוסף חיים ברנר, chiamato anche Yosef Chaim Brenner (Novy Mlyny, 1881Giaffa, 2 maggio 1921), è stato uno scrittore israeliano, di nascita ucraina, considerato uno dei pionieri della moderna letteratura ebraica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Brenner nacque in una famiglia ebraica di umili origini nella città ucraina di Novi Mlini.

Sia la vita sia le opere di Brenner furono legate alla congiuntura del suo tempo, a causa della quale i pensatori della sua generazione videro sfumare gli ideali illuministici di una definitiva emancipazione, e vista la difficoltà di adattamento alla società nascente, preferirono rientrare nelle terre di Palestina.[1]

Brenner ripudiò ben presto il tradizionalismo ortodosso familiare per abbracciare invece le nuove teorie del Socialismo ebraico.

Pubblicò nel 1900 la sua prima storia, intitolata Pat Lechem ("Una pagnotta di pane") sulla rivista HaMelitz, scritta in lingua ebraica, seguita, l'anno successivo, da brevi racconti.[2] Nel 1902, Brenner fu arruolato nell'esercito imperiale russo e due anni dopo, allo scoppio della guerra russo-giapponese, disertò.

Dopo essere stato perseguitato per motivi militari, visse in esilio dapprima a Londra, dove lavorò come tipografo per conto del HaMe'orer, un periodico ebraico pubblicato negli anni 1906-1907 e poi in Galizia, dove svolse le mansioni di operaio.

Nel 1909 riuscì a coronare il suo sogno e si trasferì in Palestina, allora facente parte dell'Impero Ottomano. Praticò il Sionismo, augurandosi che il ritorno degli ebrei nella loro terra di origine non inducesse un'altra diaspora, e insegnò al Ginnasio di Tel Aviv. Svolse anche le attività di contadinoe di educatore, oltre che quella di scrittore.

Morì trucidato in un agguato il 2 maggio 1921[3], ai tempi della prima sollevazione araba, proprio mentre stava terminando la stesura del romanzo Ha-aretz ("La Terra").

Secondo il suo biografo Anita Shapira, soffrì di forti crisi depressive e di problemi di identità sessuale.[4]

Stile letterario e contenuti[modifica | modifica wikitesto]

La sua prima novella Ba-Horef ("Nell'inverno") racchiude già i principali elementi delle opere dello scrittore. Il protagonista è una figura simile all'autore stesso, rude, talvolta portato alla cattiveria, per autodifesa. Il romanzo stimolò la sua generazione di pensatori a ricreare un nuovo mondo altrove dalla terra natale.

Brenner fu definito uno scrittore sperimentale, sia per il l'uso del linguaggio sia per la forma. Assieme all'ebraico moderno, Brenner improvvisò una mescolanza di ebraico antico, aramaico, Yiddish, inglese e arabo. Lo spirito dei suoi scritti toccò sia elementi realistici sia irrazionali e fortemente emozionali.

Opere pubblicate[modifica | modifica wikitesto]

  • Antologia di opere (quattro volumi), Hakibbutz Hameuchad, 1978-1985 [Ketavim]
  • English: In otto grandi brevi storie ebree, New York, New American Library, 1983
  • Al di là delle profondità, Varsavia 1900
  • Nell'inverno (novella), Hashiloah, 1904 [Ba-Horef]
  • Attorno al punto (novella), Hashiloah, 1904 [Misaviv La-Nekudah]
  • Min Hametzar (novella), 1908
  • Nervi (novella), Shalekhet, 1910 [Atzabim]
  • Da qui a lì (novella), Sifrut, 1911 [Mi-Kan U-Mi-Kan]
  • Interruzione (novella) Shtiebel, 1920 [Shchol Ve-Kishalon]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1964, pag.417-418
  2. ^ "Yosef Hayyim Brenner," Encyclopedia Judaica, 1972, vol. 4, p.1347
  3. ^ YIVO | Brenner, Yosef Ḥayim
  4. ^ Cite news, Avirama Golan, The case of y.h. brenner, Haaretz, url = http://www.haaretz.com/hasen/spages/1020625.html

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anita Shapira, Yosef Haim Brenner: A Biography (Brenner: Sippur hayim), Am Oved (in ebraico)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 14782811 LCCN: n50044279