Yildun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
δ Ursae Minoris
Posizione della stella nella costellazionePosizione della stella nella costellazione
Classificazione Stella bianca di sequenza principale
Classe spettrale A1Vn
Distanza dal Sole 183 anni luce[1]
Costellazione Orsa Minore
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 17h 32m 12.90s[2]
Declinazione +86° 35′ 10.8″[2]
Dati fisici
Raggio medio 2,8[1] R
Velocità di rotazione 174 km/s[1]
Temperatura
superficiale
9000 K[1] (media)
Luminosità
Dati osservativi
Magnitudine app. +4.35
Magnitudine ass. +0.61
Velocità radiale -7,6 km/s[2]
Nomenclature alternative
Yildun, Gildun, Vildiur, Yilduz, Pherkard, δ UMi, 23 UMi, HR 6789, BD +86 269, HD 166205, GCTP 24.236, SAO 2937, FK5 913, HIP 85822[2]

Yildun (Delta Ursae Minoris / UMi δ / δ Ursae Minoris / 23 UMI) è una stella nella costellazione dell'Orsa Minore. Il nome tradizionale Yildun (scritto anche Vildiur, Jildun, Gildun, e Yilduz) deriva dal turco yıldız cioè "stella".

Osservazione[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste boreale. La sua posizione è fortemente boreale e ciò comporta che la stella sia osservabile prevalentemente dall'emisfero nord, dove si presenta circumpolare da gran parte delle regioni temperate; Essendo di magnitudine 4,35, la si può osservare anche dai piccoli centri urbani senza difficoltà, sebbene un cielo non eccessivamente inquinato sia maggiormente indicato per la sua individuazione. Si trova a 183 anni luce di distanza. Yildun si trova a soli 3,5 ° dal polo nord celeste, se non esistesse Polaris (α Ursae minoris) questa stella potrebbe essere utilizzata come Stella Polare.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Yildun è una stella bianca di sequenza principale, di classe spettrale A1vn, con una magnitudine apparente di +4,35 e una magnitudine assoluta di +0,61. Possiede una temperatura superficiale di 9000 K, una luminosità 47 volte superiore a quella del Sole e un raggio 2,8 volte quello solare[1].

Questa stella possiede una velocità di rotazione pari a 174 km/s, molto più alta di quella del Sole (che è di 26 giorni), completando una rotazione completa in 19 ore; a causa di questa elevata velocità di rotazione le righe spettrali risultano sfocate[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g δ Ursae Minoris (Jim Kaler). URL consultato il 13 luglio 2012.
  2. ^ a b c d δ Ursae Minoris in SIMBAD. URL consultato il 13 luglio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni