Yatta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Yatta
città
(AR) يطّا
Localizzazione
Stato Palestina Palestina
Governatorato Hebron
Amministrazione
Sindaco Khalil Younis
Territorio
Coordinate 31°26′52″N 35°05′24″E / 31.447778°N 35.09°E31.447778; 35.09 (Yatta)Coordinate: 31°26′52″N 35°05′24″E / 31.447778°N 35.09°E31.447778; 35.09 (Yatta)
Superficie 133 km²
Abitanti 42 850 (2006)
Densità 322,18 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Palestina
Yatta

Yatta or Yattah (in arabo: يطّا; in ebraico: יטה?) è una città dei territori palestinesi in Cisgiordania, 8 km a sud di Hebron, nel Governatorato di Hebron. Secondo il "Palestinian Central Bureau of Statistics" contava una popolazione di 48.672 nel 2007.[1][2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Yatta si colloca sul sito della città biblica di Juttah. Alcuni residenti di Yatta affermano di discendere dalle tribù ebraiche d'Arabia.[3] Nel 1596 si registrava una popolazione di 127 famiglie musulmane; le imposte erano su grano, orzo, olive, capre e alveari.[4] Nel 1931 la popolazione contava 4.034 musulmani.[5]

L'indagine della Palestina Occidentale ha descritto il paese nel 1870 come un "grande villaggio posto in alto su un crinale. Esso è costruito di pietra, ma alcuni degli abitanti vivono in tende. L'approvvigionamento idrico è da cisterne. Al sud ci sono tombe scavate nella roccia e torchi di roccia si trovano in tutto il villaggio. Il quartiere è molto pietroso; a sud del paese sono sparse delle olive, che sono oggetti visibili; ad ovest, un po' più sotto una rupe, si trova un piccolo uliveto in cui parte del sondaggio lanciato è stato il campo nel 1874; a sud-ovest del campo c'erano alcuni fichi. Gli abitanti sono molto ricchi di greggi di proprietà del villaggio, si diceva, 17.000 ovini, accanto a capre, mucche cammelli, cavalli e asini. Solo lo sceicco aveva 250 pecore. [...] Nel sud del paese ci sono parecchie tombe; una di esse ha un arco semicircolare superficiale intagliato sopra un piccolo ingresso. A ovest del villaggio e di El Muturrif c'è un bel torchio scavato nella roccia e un altro a nord del villaggio."[6]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Un abito "Jillayeh" di Yatta del 1910 è esporto all' International Folk Art Museum (MOIFA) del Museo del New Mexico a Santa Fe.[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 2007 PCBS Census Palestinian Central Bureau of Statistics. p.118.
  2. ^ MongaBay: Palestine City Populations
  3. ^ A tragic misunderstanding, The Sunday Times
  4. ^ * Wolf-Dieter Hütteroth e Kamal Abdulfattah, Historical Geography of Palestine, Transjordan and Southern Syria in the Late 16th Century, Erlanger Geographische Arbeiten, Sonderband 5. Erlangen, Germany: Vorstand der Fränkischen Geographischen Gesellschaft, 1977, p. 123.
  5. ^ Census of Palestine 1931. Population of Villages, Towns and Administrative Areas. Jerusalem, 1932, p. 34.
  6. ^ The Survey of Western Palestine, Vol III, 1883, pp310,380.
  7. ^ Stillman, 1979, p. 59, 60

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]