Yasunori Kato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Yasunori Kato(加藤 保憲, Katō Yasunori) è l'antagonista principale della serie di romanzi storico/fantasy Teito Monogatari scritti da Hiroshi Aramata. Compare in tutti i libri della serie inclusi gli spin-off

Origini[modifica | modifica sorgente]

Kato è un malvagio Onmyoji che potrebbe essere la reincarnazione del samurai Masakado Taira che prima di morire aveva lanciato (nel libro, non nella realtà) una maledizione su Edo (l'attuale Tokyo). Kato ha origine da quella maledizione, ma di questo non ne è al corrente, è convinto che il suo destino sia quello di risvegliare lo spirito di Masakado per distruggere Tokyo, mentre è di fatto un prodotto dello spirito vendicativo dell'antico samurai. Oltre ad essere un'incarnazione del rancore di Masakado, Kato possiede anche i poteri di vari Onmyoji del periodo Heian, rendendolo un potente misto di forze sovrannaturali.

Più tardi nella storia, Kato verrà associato a Yami, il dio della morte in contrasto con il suo avversario, la sacerdotessa Keiko Tatsumya che incorpora i poteri della dea della misericordia Kannon.

Abilità e poteri[modifica | modifica sorgente]

Questo stregone possiede un vasto talento nell'arte dell'Omnyodo, usando i suoi poteri per sconfiggere i vari membri del clan Tsuchimikado (discendenti di Abe no Seimei che era considerato il più potente degli onmyoji nelle leggende) in una sola notte. Sul dorso dei suoi guanti c'è il Doman Seiman, il Simbolo associato ad Abe Seimei. Kato è capace di evocare grandi quantità di Shikigami da mandare contro i suoi avversari e dei Yokai per aiutarlo nei suoi scopi (come il lumacone che ha messo nel ventre di Yukari Tatsumya per proteggere il suo feto).

Kato è bravo nell'uso della Katana (caratteristica che verrà associata al personaggio Washizaki di Riki-Oh che è stato appunto ispirato da Kato).

è capace di controllare la mente delle persone tramite dei Kodoku ed è anche capace di cambiare il proprio aspetto per ingannare gli altri.

Kato possiede una sorta di immortatilità, è sopravvissuto dall'essere trafitto di una spada, avere il suo corpo sfondato da un colpo magico, colpito da un fulmine, colpito varie volte da una pistola. Questo grazie all'abilità di rigenerarsi in fretta. Siccome Kato è il frutto del rancore di Masakado nei confronti di Tokyo, continuerà a esistere finché la città esisterà o se la maledizione venga appagata in un altro modo (come quando Keiko, tramite i poteri di Kannon, ha fatto sparire Kato con un affettuoso abbraccio).

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Yasunori Kato è un uomo molto alto (quasi 2 metri) e magro con la pelle di colore pallido un mento prominente e occhi gialli.

è sempre vestito con l'uniforme di un ufficiale dell'esercito giapponese della prima metà del 900 e con tanto di mantello.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio della serie di videogiochi Street Fighter, M. Bison è ispirato a Kato sia nell'aspetto fisico che nei poteri (ma solo in parte).

Kato compare, sempre nel ruolo di antagonista, nel film Yokai Daisenso di Takashi Miike dove Hiroshi Aramata era uno degli sceneggiatori.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]