Yamato 000593

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Yamato 000593
Yamato 000593
Meteorite Yamato 000593
Tipo di meteorite Acondrite
Classe Meteorite marziana
Gruppo Nakhlite
Classificazione strutturale Roccia magmatica
Shock S3
Weathering B
Paese Antartide
Regione Ghiacciaio Yamato
Coordinate 71°30′S 35°40′E / 71.5°S 35.666667°E-71.5; 35.666667Coordinate: 71°30′S 35°40′E / 71.5°S 35.666667°E-71.5; 35.666667
Caduta osservata No
Data della caduta 50000 anni fa
Data ritrovamento 2000
Massa conosciuta (TKW) 13.7 kg (30 lb)

Yamato 000593 (o Y000593) è il secondo più grande meteorite marziano ritrovato sulla Terra.[1][2][3] Studi hanno supposto che il meteorite risalga a 1,3 miliardi di anni fa, generato da un flusso di lava su Marte. Circa 12 milioni di anni fa si verificò un impatto astronomico che espulse il meteorite dalla superficie marziana, spedendolo nello spazio. Il meteorite cadde sulla Terra, in Antartide, circa 50.000 anni fa. È stato rinvenuto nel dicembre del 2000, durante la 41ª Japanese Antarctic Research Expedition (JARE), presso il Ghiacciaio Yamato.[1]

Ha una massa di 13,7 kg (30 lb) e presenta alcune prove di una passata alterazione dovuta all'acqua.[1][2][3][4]

A livello microscopico, nel meteorite sono state trovate delle sferule più ricche di carbonio rispetto alle aree circostanti. Nelle zone ricche di carbonio sono stati osservati dei micro-fori che, secondo gli scienziati della NASA, potrebbero essere dovuti ad un'attività biotica.[1][2][3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Guy Webster, NASA Scientists Find Evidence of Water in Meteorite, Reviving Debate Over Life on Mars, Jet Propulsion Laboratory, 27 febbraio 2014. URL consultato il 3 marzo 2014.
  2. ^ a b c (EN) Lauren M. White, Everett K. Gibson, Kathie L. Thomnas-Keprta, Simon J. Clemett e David McKay, Putative Indigenous Carbon-Bearing Alteration Features in Martian Meteorite Yamato 000593 in Astrobiology, vol. 14, nº 2, 19 febbraio 2014, pp. 170-181, DOI:10.1089/ast.2011.0733. URL consultato il 27 febbraio 2014.
  3. ^ a b c (EN) Megan Gannon, Mars Meteorite with Odd 'Tunnels' & 'Spheres' Revives Debate Over Ancient Martian Life in Space.com, 28 febbraio 2014. URL consultato il 28 febbraio 2014.
  4. ^ T. Mikouchi, E. Koizumi, A. Monkawa, Y. Ueda, Mineralogy and petrology of Yamato 000593: Comparison with other Martian nakhlite meteorites in Antarctic meteorite research, vol. 16, marzo 2003, pp. 34-57.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Vita extraterrestre Soviet Union-1967-Stamp-0.16. Satellite of Extraterrestrial Civilization.jpg
Eventi e oggetti: ALH 84001Meteorite MurchinsonSorgente radio SHGb02+14aMeteorite ShergottySegnale Wow!
Sistema solare: EuropaMarteTitanoEncelado
Corpi extrasolari: Simili alla TerraGliese 581 cGliese 581 dGliese 581 eGliese 581 g
Comunicazione: Allen Telescope ArrayRadiotelescopio di AreciboSonda di BracewellMissione spaziale DarwinLincosMessaggio di AreciboPlacca dei PioneerProgetto CiclopiProgetto OzmaProgetto PhoenixSERENDIPSETISETI@homeSETI attivoComunicazione interstellare
Voci correlate: Abitabilità planetariaAcqua liquida extraterrestreBiochimiche ipoteticheBiofirmaEsobiologiaEsoecologiaNoogenesiPedomicrobiumProtezione planetariaScala di San MarinoUltima legge di ShermerSilencium universiZona abitabileLista degli esopianeti potenzialmente abitabili
Teorie: Pluralità dei mondiEquazione di DrakeParadosso di FermiGrande FiltroScala di KardašëvPrincipio di mediocritàNeocatastrofismoPanspermiaIpotesi della rarità della TerraQuoziente di senzienzaIpotesi dello zoo
Missioni: Mars Sample ReturnMars Astrobiology Explorer-CacherEuropa Jupiter System Mission
Stub astronomia.png Questo box:     vedi · disc. · mod.