Yamata no Orochi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Susanoo combatte con Yamata no Orochi in un trittico di ukiyo-e di Toyohara Chikanobu.

Yamata no Orochi (八岐の大蛇 o ヤマタノオロチ o 八俣遠呂智 o 八俣遠呂知? letteralmente serpente di Yamata), spesso indicato semplicemente con Orochi (大蛇? serpente), è un mostro appartenente alla mitologia shintoista giapponese.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il numero otto si ripete spesso nelle varie descrizioni che parlano di Yamata no Orochi.

Esso è infatti descritto come un drago o un serpente avente otto teste e otto code, con gli occhi rossi come ciliegie invernali. Il suo corpo era così gigantesco da poter coprire otto valli e otto colline, il suo ventre era sempre coperto di sangue e di fiamme e sul suo dorso crescevano hikage (muschi), hinoki (cipressi giapponesi) e sugi (cedri giapponesi).

Leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la leggenda descritta nell'antico testo del Kojiki, Orochi dominava la regione di Izumo, in Giappone, dove chiedeva in sacrificio delle vergini in cambio della promessa di non devastare i terreni. Dopo essere stato esiliato dal paradiso, Susanoo, dio del mare e delle tempeste, giunse nella regione dominata da Orochi dove incontrò tre persone disperate: due genitori ed una giovane ragazza. I due anziani gli riferirono che la ragazza, Kushinada, era la loro figlia e la prossima predestinata al sacrificio alla malvagia creatura. Alcune leggende riferiscono di altre sette figlie che già avevano precedentemente subito la stessa sorte che ora attendeva la fanciulla.

Sempre la leggenda descrive la grande bellezza e gentilezza della giovane Kushinada, qualità evidenti a tal punto che Susanoo non poté far a meno di innamorarsene. Così, il dio promise che avrebbe salvato la sua vita, in cambio della possibilità di sposarla. Ovviamente, i genitori acconsentirono al matrimonio, pur di aver salva la vita della loro figlia. Susanoo, allora, ordinò che fossero raccolti otto barili di sake, da disporre di fronte alla casa dove vivevano i tre, quindi trasformò Kushinada in un kushi (pettine), che usò per acconciarsi i capelli, quindi si nascose in una vicina foresta. Quando Yamata no Orochi giunse di fronte alla casa di Kushinada, trovò gli otto barili di sake e non poté far a meno di ubriacarsi, finché ogni testa cadde addormentata. Solo quando tutte le teste del mostro scivolarono in un sonno profondo, Susanoo abbandonò il suo nascondiglio e le recise, uccidendo il drago leggendario.

Un'altra versione della leggenda racconta, invece, di come Orochi fosse sì ubriaco, ma non addormentato all'arrivo di Susanoo. Ne seguì, quindi, un combattimento che durò per ore, deciso alla fine solo dalla stanchezza e dalla mancanza di lucidità del mostro, che ne decretarono la sconfitta.

Dopo aver tagliato tutte otto le teste di Yamata no Orochi, Susanoo cominciò a tagliargli anche le otto code. Sempre secondo il mito, riuscì a tagliare senza difficoltà le prime sette ma, quando giunse all'ottava e maggiore di esse, la sua spada impattò contro qualcosa di molto resistente. Fu così che Susanoo trovò la leggendaria spada Ama no Murakumo (in seguito chiamata Kusanagi no tsurugi).

Un’altra versione della leggenda narra che, dopo l’uccisione del drago ad otto teste ed il rinvenimento della spada, Ama no Murakumo fu consegnata alla Dea del sole Amaterasu, sorella di Susanoo, come dono di riconciliazione. Da allora, la spada è ritenuta una dei Tre Tesori Sacri di Yamato.

Dopo la morte di Yamata no Orochi, Susanoo sposò la giovane Kushinada e i due vissero felici in una casa costruita nella regione di Izumo. Attualmente, il luogo dove secondo la leggenda i due vissero in pace è considerato un santuario.

Apparizioni nella cultura di massa moderna[modifica | modifica wikitesto]

Yamata no Orochi compare spesso in film, anime, manga e persino videogiochi giapponesi. Segue una breve lista di apparizioni significative.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Nippon Tanjô - Film del 1959 che racconta la leggenda di Yamata no Orochi e Susanoo.
  • Yamata no Orochi no Gyakushû - Film in 16 mm del 1985, parodia delle leggende dei mostri giapponesi., in cui una versione biomeccanica di Orochi è inviata dagli alieni per distruggere la terra.
  • Yamato takeru - Film del 1994,prodotto dalla Toho Company,in cui appare un gigantesco drago di nome Orochi che si scontra contro sasuno, che grazie alla spada si trasforma in un tokusatsu di nome Utsuno Ikusagami

Anime e manga[modifica | modifica wikitesto]

  • Aokushimitama Blue Seed - Yamata no Orochi è il primo degli Aragami, una razza di demoni.
  • Dragon Ball - Nei primi episodi della prima serie, le vicende che portano Oolong a conoscere Goku e gli altri ripercorrono molto fedelmente (anche se in forma molto parodistica) la leggenda di Yamata no Orochi e Susanoo e la vergine sacrificale.
  • I cinque samurai - Nell'anime vi è uno spirito malvagio chiamato Orochi, al servizio dell'imperatore Arago.
  • Jeeg robot d'acciaio - Yamata no Orochi è il nome dell'astronave utilizzata dalla Regina Himika nella prima parte della serie (nel doppiaggio italiano è chiamata semplicemente "L'astronave").
  • Kannazuki no Miko - Yamata no Orochi rappresenta il Dio dell'oscurità.
  • InuYasha - Nel terzo film, intitolato "La spada del dominatore del mondo", viene citata una spada chiamata Murakumo, in riferimento alla Ame no Murakumo, che poi si rivelerà essere in realtà la spada chiamata Songa.
  • Naruto - Orochimaru, personaggio dalle sembianze serpentine, evoca l'Orochi contro Itachi Uchiha durante lo scontro con il fratello Sasuke. Itachi lo eliminerà in un solo attimo usando proprio la spada del Susanoo, per poi sbarazzarsi di Orochimaru. In aggiunta, Orochimaru ha più volte usato la Spada di Kusanagi, facendola fuoriuscire dalla propria bocca.
  • Ranma ½ - Un essere chiamato "Yamata no Orochi" compare in un episodio del fumetto. La sua particolarità però consiste nell'avere una gigantesca testa di drago e altre sette teste più piccole poste come code della prima.
  • Shaman King - Yamata no Orochi è uno spirito fluviale usato da Ryu assieme al suo spirito Tokagero per lanciare il suo attacco più potente. Ryu ottiene il controllo su Orochi dopo il viaggio a casa di Yoh, nel paese di Izumo.
  • Wanpaku Ôji no Orochi Taiji - Anime della Toei Animation, prodotto nel 1963, che racconta la storia del Dio Susanoo.
  • DragonQuest - L'Emblema di Roto - Yamata no Orochi è una mitologica creatura che viene affrontata all'interno di una caverna.
  • Yu-Gi-Oh - Esiste una carta chiamata "Drago Yamata" identica allo Yamata no Orochi.
  • Digimon - Esiste nella terza serie un Digimon chiamato Orochimon, che si ispira chiaramente a Yamata no Orochi, essendo un serpente con sette teste. Infatti una delle protagoniste tenta di farlo ubriacare con del sakè, che Orochimon chiede come tributo invece delle fanciulle.
  • One Piece - Boa Sandersonia, sorella di Boa Hancock con i poteri del frutto Hebi Hebi (appunto serpente), utilizza una tecnica di nome "Hebigami-Tsuki: Yamata no Orochi" con la quale è in grado di controllare e raccogliere i suoi capelli in otto serpenti in grado di frantumare anche la roccia.
  • "Bakugan: Battle Brawlers" - Exedra, soldato leggendario dalle sembianze di un serpente con otto teste dotato di abilità Darkus.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

  • Dragon Quest III: Soshite Densetsu he - Yamata no Orochi compare come uno dei boss di fine livello.
  • Final Fantasy - Yamatano Orochi, comparso nel primo capitolo e nel secondo, è un drago con molte teste incontrabile come nemico casuale. Nel secondo, si presenta come reincarnazione del drago Tiamath.
  • King of Fighters - Vi sono ampi riferimenti a Yamata no Orochi.
  • Ōkami - Yamata no Orochi compare come uno dei boss di fine livello.
  • Warriors Orochi - Yamata no Orochi è il demone creatore dell'universo parallelo in cui si svolge la storia, nonché il boss finale.
  • Golden Sun: L'era perduta - La storia di Yamata no Orochi, con qualche variazione, è presente nel videogioco, ed egli stesso è un boss. Una volta sconfitto, se esaminata la sua coda, si potrà ottenere una spada chiamata Portanubi (ovvia citazione alla Ama no Murakumo che infatti secondo la leggendaria storia era nell'ultima coda del drago).
  • Shin Megami Tensei: Persona - Yamata no Orochi è una delle possibili Persona ottenibili durante il gioco.
  • Far East of Eden: Kabuki Clash - Tra i personaggi selezionabili ce n'è uno che si chiama Orochimaru

Giochi da tavolo[modifica | modifica wikitesto]

  • Magic: l'Adunanza - Nel blocco di Kamigawa, O-Kagachi, il grande spirito, nella sua forma completa appare come un gigantesco serpente a otto teste, inoltre è presente un'intera serie di carte creatura dette appunti "orochi".

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]