Yamaha DT

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Yamaha DT
Yamaha DT230 Lanza 1.jpg
Yamaha DT 230
Costruttore Flag of Japan.svg Yamaha Motor
Tipo Fuoristrada
Produzione dal 1968
Modelli simili Husqvarna WRE
Honda CRM
KTM LC2
Aprilia ETX
Note dal 2007 solo la versione 50 è rimasta in produzione

La Yamaha DT è una motocicletta prodotta per il fuoristrada, ma non per uso agonistico, della casa Yamaha Motor, nella sola motorizzazione a due tempi.

Introduzione[modifica | modifica sorgente]

Questo motociclo può essere confuso con la Yamaha WR, che esteticamente è simile, ma che è per uso agonistico e adotta soluzioni diverse, più improntate per l'uso competitivo, inoltre adopera in motore diverso.

Infatti questo modello anche se apparentemente può apparire simile al "WR" , ha un telaio con architettura più classica, un impianto frenante meno esasperato, delle forcelle tradizionali, un serbatoio più capiente, una sella più sagomata per facilitare la seduta e un impianto di scarico più silenziato.

50[modifica | modifica sorgente]

Prodotta dal 2003 sia nella versione enduro "R" che motard "SM" / "X".

80[modifica | modifica sorgente]

Prodotta dal 1973 al 1998 nella sola versione enduro.

100[modifica | modifica sorgente]

Prodotta dal 1972 al 1996 nella sola versione enduro.

125[modifica | modifica sorgente]

Questa moto è stata prodotta in più serie dal 1974 al 2006, la prima serie, prodotta dal 74 al 82 era molto diversa dalle fuoristrada attuali, mentre dal '83 ha assunto forme più attuali ed è rimasta quasi invariata fino ad oggi.

Nel 1980 si passa dal sistema doublecross al sistema telelever, e nel 1984 si passa definitamente al sistema monocross. Nel 1984 si adotta il sistema di raffreddamento a liquido e l'impianto frenante anteriore diventa a disco, nel 1986 diventa completamente a disco. Nel 1990, il motore passa dalle misure 56x50 a 56x50,7, con il blocco motore derivato dalla Yamaha TZR.

La moto, nella seconda serie, venne prodotta in diverse versioni, la "R", ovvero fuoristrada, la "X", motard, e la "Ténéré" da deserto.

L'ultimo modello delle DT 125 venne prodotto nell'arco di tempo 2004-2006, presentandosi con emissioni di classe euro 2, cerchi 17"/17" nella versione supermotard (DT125X) e 21"/18" nella versione cross (DT125R), ed un ottimo motore. Una particolarità di questo modello è la facilità di incremento delle prestazioni, ottenibile mettendo a Massa (elettronica) il limitatore di giri che aveva appunto la funzione di limitare i giri massimi, quindi la potenza massima della moto a 11 kW per motivi legali.

175[modifica | modifica sorgente]

Questa moto è stata prodotta in più serie dal 1974 al 2000

Si differenzia dalla versione 125 per il solo motore, dove il cilindro è stato ampliato a 66 mm, prendendo le misure 66x50, poi nel 90 le misure 66x50,7.

180[modifica | modifica sorgente]

Prodotta dal 1980 al 1997 nella sola versione enduro.

200[modifica | modifica sorgente]

Yamaha DT 200 R

Questa moto è stata prodotta dal 1984 al 1992 e si differenzia dalla versione da 174 per via della corsa maggiorata a 57 mm, prendendo le misure 66x57

230[modifica | modifica sorgente]

Questa moto è stata prodotta dal 1977 al 1999 con il motore derivato dalla 250, con la riduzione dell'alesaggio, prendendo le misure 66.8x64 mm

250[modifica | modifica sorgente]

Yamaha DT-1 250 1968

Questa moto è stata prodotta in più serie dal 1968 al 1981, la prima serie dal 1968 al 1972 era molto diversa dalle fuoristrada attuali, mentre dal 1974 assunse forme più vicine alle attuali anche se comunque abbastanza antiquate.

Per tutta la sua storia venne prodotta con il motore nelle misure 70x64 mm

360-400[modifica | modifica sorgente]

Prodotta dal 1972 al 1974 nella versione da 360 con le misure 80x70 mm, mentre dal 1974 al 1978 venne prodotta nella versione 400, con l'aumento dell'alesaggio, prendendo le misure 85х70 mm

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]