Yakusoku wa iranai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Yakusoku wa Iranai
Yakusoku wa Iranai.jpg

Artista Maaya Sakamoto
Tipo album Singolo
Pubblicazione 24 aprile 1996
Durata 3 min : 32 s
Album di provenienza Tenkuu No Escaflowne Original Soundtrack
Genere J-pop
Etichetta Victor Entertainment
Produttore Yoko Kanno
Registrazione 1996
Formati CD Single
Maaya Sakamoto - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
(1996)

Yakusoku wa iranai (約束はいらない Yakusoku wa iranai?, Non ho bisogno di promesse in italiano) è un brano musicale J-Pop scritto da Yoko Kanno ed interpretato dalla cantante giapponese Maaya Sakamoto[1]. Il singolo fu scritto per essere la sigla di apertura dell'anime I cieli di Escaflowne.[2]

Yakusoku wa iranai è presente sia nell'album Tenkuu No Escaflowne Original Soundtrack, contenente la colonna sonora dell'anime, che in Grapefruit, album di debutto di Maaya Sakamoto. Inoltre il brano rappresenta il debutto discografico della Sakamoto, che in seguito interpreterà anche Ring, tema portante del film ispirato alla serie televisiva Escaflowne, intitolato Escaflowne - The Movie.[2]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

CD Single
  1. "約束はいらない" (Yakusoku wa Iranai? Non ho bisogno di promesse) - Maaya Sakamoto
  2. "ともだち" (Tomodachi? Amici) - Maaya Sakamoto
  3. "約束はいらない (オリジナル・カラオケ)" (Yakusoku wa Iranai (Original Karaoke)? Non ho bisogno di promesse (Original Karaoke))
  4. "ひとみのタロット占い" (Hitomi no Tarotto Uranai? La lettura dei tarocchi di Hitomi)

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica (1996) Posizione
più alta
Giappone (Classifica settimanale Oricon)[3] 44

Personale[1][modifica | modifica sorgente]

  • Tastiere: Yoko Kanno
  • Chitarre: Furukawa Masayoshi
  • Sintetizzatore: Urata Keishi & Sakamoto Syunsuke
  • Cori: Gabriela Robin

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Yoko Kanno Project
  2. ^ a b (EN) Scheda su Maaya Sakamoto, Anime News Network.
  3. ^ (JA) Yakusoku wa Iranai Past Rankings, Oricon. URL consultato il 21 settembre 2009.